Trump sotto processo molte le accuse e le prove

0
1005
Trump sotto processo molte le accuse e le prove
Condividi

Pubblichiamo una sintesi dell’articolo del The Guardian sulle possibilità che dopo la fine del mandato presidenziale Donald Trump venga inquisito e sottoposto a procedimenti giudiziari per le varie indagini tuttora in corso sui suoi affari e sui pesanti  riscontri all’ostruzionismo che ha esercitato contro le inchieste che lo riguardavano. Alle tensioni della delicata transizione si aggiungono le crescenti pressioni nei confronti del Vice Presidente Pence perché come Presidente del Senato non formalizzi nella sessione congiunta del Congresso del 6 gennaio la vittoria del presidente eletto Joe BidenTrump sotto processo molte le accuse e le prove

A mezzogiorno del 20 gennaio, presumendo che non debba essere trascinato fuori dalla Casa Bianca come intruso, Donald Trump farà un’ultima passeggiata attraverso il South Lawn, prenderà posto all’interno di Marine One e se ne andrà.

Da quel momento, il turbolento mandato di Trump alla presidenza degli Stati Uniti sarà terminato. Ma in un aspetto importante, la sfida lanciata dalla sua presidenza sarà appena iniziata: la possibilità che dovrà affrontare un processo per i crimini commessi prima di entrare in carica o durante la presidenza.Trump sotto processo molte le accuse e le prove

“Non c’è mai stato un Presidente prima che abbia attivato così tanti controlli”, ha detto Bob Bauer, consigliere della Casa Bianca sotto Barack Obama. “Questa è stata una presidenza molto movimentata che solleva domande difficili su cosa accadrà quando Trump lascerà l’incarico”.

Negli ultimi quattro anni Trump è stato protetto da rischi legali da una direttiva del dipartimento di giustizia che esclude il perseguimento penale di un presidente in carica. Ma nel momento in cui sale sull’elicottero presidenziale e svanisce all’orizzonte, tutte le scommesse sono aperte.

Il Procuratore distrettuale di Manhattan, Cyrus Vance, sta indagando attivamente sugli affari di Trump. L’attenzione descritta nei documenti del tribunale è “una condotta criminale estesa e protratta presso la Trump Organization”, comprese possibili frodi bancarie .

Una seconda grande indagine dei temibili procuratori federali del distretto meridionale di New York ha già portato alla condanna dell’ex avvocato di Trump, Michael Cohen. Si è dichiarato colpevole di violazioni del finanziamento della campagna elettorale relative ai “soldi del silenzio” pagati a Stormy Daniels, l’attrice di film per adulti che ha denunciato una relazione con Trump durante la campagna presidenziale del 2016.

Trump sotto processo molte le accuse e le prove
Il Procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance

Nel corso dell’accusa, Cohen ha implicato un certo “Individuo 1” – Trump – come la mente dietro il crimine. Sebbene l’indagine sia stata tecnicamente chiusa lo scorso anno, le accuse potrebbero essere riviste una volta revocata l’immunità effettiva di Trump.

Tutto lascia prevedere  l’avvio una sfida legale epocale e particolarmente difficile, irta di pericoli politici per l’imminente amministrazione Biden. Trump dovrebbe essere indagato e possibilmente perseguito per crimini commessi prima e durante la sua presidenza?

“Sembra che in qualche modo l’amministrazione entrante dovrà questi problemi”, ha detto Bauer, coautore di After Trump: Reconstructing the Presidency. “

Qualsiasi tentativo di ritenere Trump penalmente responsabile in un procedimento giudiziario federale sarebbe il primo nella storia degli Stati Uniti. Nessun Presidente uscente è mai stato perseguito in questo modo dal suo successore (Richard Nixon è stato risparmiato dalla dura prova dal controverso perdono presidenziale di Gerald Ford).

I Presidenti precedenti hanno avuto la tendenza a ritenere che sia meglio guardare avanti in nome dell’unità nazionale che indietro ai fallimenti del loro predecessore. E per buone ragioni, qualsiasi procedimento penale sarebbe probabilmente lungo e difficile, rappresenterebbe una enorme distrazione ed esporrebbe il Presidente entrante ad accuse di agire come un dittatore perseguita il nemico politico.

Il fatto che si stia discutendo un possibile processo contro Trump è un segno della natura eccezionale degli ultimi quattro anni. Coloro che si schierano a favore dell’azione legale accettano che ci siano forti obiezioni a perseguire Trump, ma esortano le persone a pensare all’alternativa: i pericoli dell’inazione.

Trump sotto processo molte le accuse e le prove
Andrew Weissmann

“Se non fai nulla, stai dicendo che sebbene il Presidente degli Stati Uniti non sia al di sopra della legge, in realtà lo è. E ciò creerebbe un terribile precedente per il paese e invierebbe un messaggio a qualsiasi futuro presidente che non esiste un controllo efficace sul loro potere “, ha detto Andrew Weissmann, che è stato un procuratore capo nell’indagine Mueller sul coinvolgimento di Trump e della campagna elettorale del 2016 nel cosiddetto russiagate.

In qualità di capo di una delle tre squadre principali che rispondeva al consigliere speciale Robert Mueller, Weissmann aveva un posto in prima fila nell’ipotesi investivativa definita la “Casa Bianca senza legge” di Trump. Nel suo nuovo libro, Where Law Ends, sostiene che l’opinione prevalente del 45 ° presidente è che “seguire le regole è facoltativo e che infrangerle ha un costo minimo, se non zero”.

Trump sotto processo molte le accuse e le prove
Robert Muller

Weissmann ha detto al Guardian che ci sarebbe stato un prezzo da pagare se quell’atteggiamento non fosse stato contestato una volta che Trump avesse lasciato l’incarico. “Una delle cose che abbiamo imparato da questa presidenza è stata che il nostro sistema di controlli ed equilibri non è così forte come pensavamo, e ciò sarebbe esacerbato se non lo tenessimo in considerazione”.

In qualità di candidato, il vicepresidente eletto Kamala Harris ha affermato che il Dipartimento di giustizia non avrebbe “altra scelta” se non quella di presentare accuse contro Donald Trump quando lascerà l’incarico.

Trump sotto processo molte le accuse e le prove
Joe Biden e Kamala Harris

Anche Bauer, che è stato consigliere di Biden durante la campagna presidenziale, ma non ha alcun ruolo nella squadra di transizione, è preoccupato che venga stabilita una sorta di doppia immunità. I presidenti non possono essere perseguiti mentre sono in carica secondo le regole del dipartimento di giustizia, ma con una tale doppia immunità né possono essere perseguiti una volta che hanno lasciato la Casa Bianca nell’interesse della “unità nazionale”.

“E così il presidente è immune, e penso che sarebbe molto difficile far quadrare l’idea che lui non sia al di sopra della legge”.

Biden ha chiarito la sua mancanza di entusiasmo nel perseguire Trump, dicendo che sarebbe “probabilmente non molto buono per la democrazia”. Ma ha anche chiarito che lascerà la decisione al suo Procuratore generale nominato, seguendo la norma dell’indipendenza del dipartimento di giustizia che Trump ha ripetutamente infranto .

Altri eminenti democratici hanno assunto una posizione più rialzista, aggiungendo pressioni sulla scelta  Procuratore generale entrante affinché sia ​​aggressivo. Durante i dibattiti delle primarie democratiche, Elizabeth Warren ha chiesto la costituzione di una task force indipendente per indagare su qualsiasi corruzione di Trump o altri atti criminali in mentre era in carica.

Anche Kamala Harris ha preso una posizione che potrebbe condizionare la nuova amministrazione. La vicepresidente eletta, alla quale la National Pubblic Radio ha chiesto lo scorso anno se volesse la formalizzazione delle accuse del Dipartimento di giustizia, ha risposto : “Si. Credo che non avrebbero scelta e che dovrebbero farlo”.

Sono diversi i possibili modi con i quali il Dipartimento della giustizia potrebbe essere costretto ad affrontare la questione,  se sottoporre a procedimento  o meno Trump. Uno riguarderebbe una rivelazione ancora sconosciuta, in seguito all’emergere di nuove informazioni.

Weissmann sottolinea che l’amministrazione Biden avrà accesso a una vasta gamma di documenti che erano stati precedentemente nascosti al Congresso durante l’inchiesta sull’impeachment, inclusi i file dell’agenzia di Intelligence e del Dipartimento di Stato. Le comunicazioni ufficiali inviate da Jared Kushner e Ivanka Trump tramite le loro e-mail personali e le app di messaggistica potrebbero anche diventare disponibili per il controllo.Trump sotto processo molte le accuse e le prove

Ma le due strade più probabili per il perseguimento di qualsiasi indagine penale riguarderebbero l’uso da parte di Trump del suo potere di grazia presidenziale e la presunta ostruzione della giustizia. “Trump ha emesso una serie di grazie in gran parte caratterizzate da interessi politici”, ha detto Weissmann.

Sebbene il potere di grazia presidenziale sia ampio, non è, come ha affermato Trump, assoluto, compreso il “diritto assoluto” di perdonare se stesso. Non è immune da accuse di corruzione se si scoprisse che ha offerto la grazia a qualcuno in cambio del suo silenzio giudiziario.

Per Weissmann, il modo in cui Trump continuava a contattare i suoi collaboratori inquisiti – tra cui Roger Stone e Paul Manafort – con la promessa di perdono nel mezzo dei procedimenti federali, era particolarmente eclatante. “Potrebbe esserci una ragione legittima per concedere la grazia a qualcuno, ma qual è la ragione legittima per sventolare una grazia se non per impedire a quella persona di collaborare con il governo?”

Forse la prova più solida di illeciti criminali compilata contro Trump riguarda l’ostruzione della giustizia. John Bolton, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale, è arrivato al punto di dire che per Trump l’ostruzione della giustizia per promuovere i propri interessi politici era uno “stile di vita” .

Nel suo rapporto finale sull’indagine sulla Russia, Mueller ha presentato 10 esempi del comportamento di Trump che potrebbero essere legalmente interpretati come un ostacolo. Anche se Mueller ha rifiutato di dire se soddisfacevano lo standard per le accuse – il procuratore generale degli Stati Uniti, Bill Barr, ha suggerito di no, ma non ha fornito spiegazioni per il suo pensiero – li ha lasciati in bella vista per qualsiasi futuro procuratore federale di rivedere.

Trump sotto processo molte le accuse e le prove
Trump e Bolton

In uno dei più gravi di quegli interventi, Trump ha cercato di far fallire l’inchiesta del consulente speciale ordinando al suo consulente della Casa Bianca, Don McGahn, di licenziare Mueller. Quando ciò è diventato pubblico, ha aggravato gli abusi ordinando a McGahn di negare la verità in un tentativo di insabbiamento.

Weissmann, che ha svolto un ruolo chiave nella raccolta delle prove contro Trump nel rapporto Mueller, ha affermato che tale ostacolo va al cuore del motivo per cui Trump dovrebbe essere perseguito.

“Quando il presidente, non importa chi sia, ostacola un’indagine su un avvocato speciale, devono esserci delle conseguenze. Se puoi ostacolare penalmente un’indagine ma non devi preoccuparti di essere mai perseguito, beh, allora non ha senso nominare un avvocato speciale “.Trump sotto processo molte le accuse e le prove

Facebook Comments
Condividi