HomeRisvoltiUcraina: l'effetto Godot della pace di Putin 

Ucraina: l’effetto Godot della pace di Putin 

Dalle Nazioni Unite ai vertici di Zelensky alla Casa Bianca con Biden e a Toronto col Premier canadese Trudeau, sui fronti di guerra ad est e a sud dell’Ucraina si attendono gli effetti di un potenziamento delle forniture di armamenti superiore a quello trapelato sui media.

Come dimostra il successo del bombardamento ucraino a grande distanza in Crimea del quartier generale della flotta russa sul Mar Nero, con i missili a lungo raggio inglesi “Storm Shadow”  e francesi “Scalp”, dotati di  capacità stealth che consente cioé di diminuire o annullare la rilevazione radar, il preventivato arrivo dei più efficaci missili da crociera tattici statunitensi Atamcs consentirà a Kiev di colpire in maniera ancora più precisa linee di rifornimento, ferrovie e posizioni di comando e controllo molto dietro le linee del fronte russo.Ucraina l'effetto Godot della pace di Putin 

Dal confronto fra l’iniziativa di Putin, che ha incontrato KimJong-un per concordare il rifornimento di proiettili d’artiglieria e armamenti di Pyongyang ed il viaggio oltreoceano del Presidente ucraino, emerge l’incertezza di Mosca sull’affidabilità del dittatore nord coreano, interdipendente dalla Cina se non altro per l’eventuale transito via treno degli armamenti, e la rinnovata disponibilità di Washington e della Nato a sostenere militarmente l’Ucraina.

All’annuale Assemblea delle Nazioni Unite di New York sono echeggiate molte ipotesi sul logoramento bellico russo e ucraino che potrebbe favorire l’avvio di negoziati, se non proprio di pace quanto meno di cessazione delle ostilità.Ucraina l'effetto Godot della pace di Putin 

Dietro il muro contro muro evidenziato all’Onu da Zelensky e dal Ministro degli esteri russo Lavrov si starebbe valutando come, quando e soprattutto su quali basi avviare negoziati.

E’ una fase delicata che, si ritiene, possa essere avviata con la mediazione vaticana e la missione di pace per l’Ucraina affidata da Papa Francesco al Cardinale Matteo Zuppi, Presidente della Conferenze episcopale italiana.

Ucraina l'effetto Godot della pace di Putin 
Il Cardinale Matteo Zuppi e Papa Francesco

Da giugno all’inizio di settembre l’inviato del Pontefice ha avuto colloqui a Kiev con Zelensky, a  Mosca col Primate ortodosso Kirill e il consigliere di Putin per la politica estera Ushakov, a Washington con il Presidente Biden e a Pechino col ministro degli esteri cinese.

Dopo il viaggio a Pechino la neutralità della Santa Sede é stata riconosciuta ed elogiata dal Ministro degli esteri russo Lavrov che ha invitato il Cardinale Zuppi a Mosca per non meglio precisati colloqui.

La nuova tappa moscovita del Presidente della Cei, che si presume potrebbe incontrare questa volta Putin, é prevista fra la settimana prossima e l’inizio di ottobre.Ucraina l'effetto Godot della pace di Putin 

Intanto, mentre prosegue lenta ma pervicace la controffensiva delle forze ucraine, che nelle ultime ore hanno sfondato le linee difensive russe attorno a Verbove lungo il fronte meridionale, per Andrey Kortunov, consigliere del ministero degli Esteri russo e direttore del Consiglio russo per gli affari internazionali, “entrambe le parti devono fare delle concessioni”.

Vicino al Cremlino, l’esponente diplomatico ha sottolineato alla Bbc l’importanza “psicologica” dei missili a lungo raggio utilizzati dall’Ucraina per l’attacco a Sebastopoli al comando della flotta russa sul Mar nero.

“È questo che preoccupa i vertici militari di Mosca? ” gli viene chiesto. “Sì, penso che abbia un impatto sulla popolazione russa” ha risposto Kortunov.

Piccoli ma significativi segnali che si susseguono nel glaciale silenzio di Putin, che quando accenna a negoziati e trattative sembra ripercorrere la trama della commedia “Aspettando Godot”…

Ucraina l'effetto Godot della pace di Putin 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
6 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS