Vaccini: i rischi dell’esclusione degli immigrati irregolari

0
848
Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari
Condividi

Pubblichiamo la sintesi dell’articolo del Washington Post che denuncia come negli Usa gli immigrati irregolari spesso non possano vaccinarsi. Una problematica sociale e sanitaria che, anche se in forme diverse, è analoga alla situazione che si presenta in Italia e in Europa, e che potrebbe fare preventivare gravi ricadute sulla campagna di immunizzazione per il rischio della perpetuazione dei contagi. La grave e non accettabile emarginazione sotto il profilo umanitario e sanitario degli extracomunitari non regolarizzati, oltre ad escluderli dalla vaccinazione, in molti casi rappresenterebbe infatti una condanna a contrarre il contagio spesso letale da covid 19.Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari

Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolariGli immigrati senza patenti di guida, numeri di previdenza sociale o tessere di assicurazione sanitaria vengono allontanati dalle farmacie e da altri centri di vaccinazione. La documentazione non è imposta dagli stati o dal governo federale, ma frequentemente  viene richiesta nei siti di vaccinazione in tutto il paese. Spesso la richiesta viene formulata in inglese, una lingua che molti degli immigrati che si presentano per la vaccinazione non comprendono appieno.

Alcune agenzie statali e aziende che forniscono vaccinazioni hanno riconosciuto il problema e hanno promesso che interverranno.

La corsa alla vita o alla morte per vaccinare quante più persone possibile prima che il coronavirus generi più mutazioni virali, come quella emersa in Brasile, è iniziata lentamente, ma ha accelerato in quanto molti di coloro che tagliano il traguardo possiedono i mezzi e l’inclinazione per navigare in un sistema labirintico. Man mano che la nazione si avvicina al punto in cui l’offerta supera presto la domanda, i non vaccinati saranno sempre più persone riluttanti o respinte dalle barriere che bloccano loro l’accesso.

L’uguaglianza significa dare a tutti le stesse risorse e opportunità, mentre l’equità tiene conto delle diverse circostanze delle persone e alloca le risorse in base alla necessità per raggiungere un risultato uguale.

“L’uguaglianza può fare le cose rapidamente”, ha affermato Jeffrey Hines, direttore medico per la diversità, l’inclusione e l’equità sanitaria presso Wellstar Health System ad Atlanta “ma l’equità deve essere fatta in modo più intenzionale.”

Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari
Jeffrey Hines

Sfidare gli sforzi di immunizzazione negli Stati Uniti ha portato i funzionari locali e statali a improvvisare strategie su come vengono distribuite le dosi di vaccino contro il coronavirus.

Il governo federale afferma che tutti hanno diritto al vaccino contro il coronavirus indipendentemente dallo stato di immigrazione, con il Dipartimento per la sicurezza interna che lo definisce “un imperativo morale e di salute pubblica per garantire che tutte le persone che risiedono negli Stati Uniti abbiano accesso al vaccino”.

Ma il processo di registrazione di ogni stato è diverso e i siti di vaccinazione spesso stabiliscono le proprie regole che infiammano le divisioni razziali ed etniche nelle vaccinazioni contro il coronavirus.

Ventisei stati limitano l’accesso alle persone che vivono e lavorano lì, status che può essere dimostrato con una bolletta o un documento d’identità. Ma solo circa un quarto dei siti web statali chiarisce che gli immigrati privi di documenti sono ammissibili per l’iniezione e che la vaccinazione non influirà negativamente sullo stato di immigrazione, secondo recenti analisi del gruppo di politiche sanitarie Kaiser Family Foundation.

Solo 10 stati e il District of Columbia , che hanno requisiti di residenza, consentono anche agli immigrati privi di documenti di ottenere patenti di guida o carte d’identità statali.

Il Massachusetts non è uno di loro, e il sito web dello stato che dice alle persone come prepararsi per il loro appuntamento per il vaccino dice che sebbene i siti di vaccinazione possano richiedere un documento d’identità o una tessera assicurativa, “questo vale solo per le persone che li hanno”.

Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari

“L’idea di dover essere identificati è una delle principali fonti di stress per gli immigrati”, ha detto Natalícia Tracy, direttore esecutivo del Brazilian Worker Center di Boston, un’organizzazione no profit dedita alla difesa e al progresso dei diritti dei lavoratori e degli immigrati.

 

Esperti e sostenitori dell’immigrazione affermano che mentre parlare di colmare il divario nei tassi di vaccinazione si è concentrato principalmente sul rafforzamento dell’accettazione dei vaccini, anche l’accesso ad essi deve essere parte della campagna di sensibilizzazione. Ciò è particolarmente vero, dicono, nelle comunità che ancora vacillano per le politiche di immigrazione attuate durante l’amministrazione Trump che erano apertamente ostili agli immigrati di colore.

“Con i vaccini é molto facile esitare “, ha detto Frankie Miranda, presidente della Federazione ispanica, un gruppo senza scopo di lucro e di difesa con sede a New York.

Invece, ha aggiunto Miranda, entrano in gioco una costellazione di fattori, tra cui il tempo e la tecnologia necessari per prenotare gli appuntamenti online, la necessità del trasporto verso i siti di vaccinazione e i servizi di traduzione, persino la lingua utilizzata nei volantini promozionali.

Molti immigrati non rischieranno le conseguenze di farsi avanti per essere vaccinati in luoghi sconosciuti, affermano i sostenitori e gli esperti di salute pubblica, anche se il loro lavoro, l’alloggio e le condizioni di salute sottostanti li espongono a un rischio maggiore di infezione.Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari

Somministrare migliaia di iniezioni in grandi strutture otrebbe essere un modo più rapido per vaccinare quante più persone possibile, ma “ridurrai il numero di persone non vaccinate nelle comunità emarginate utilizzando spazi di fiducia ha spiegato Jeffrey Hines.

“C’è un’enorme quantità di angoscia nella comunità degli immigrati. Le voci dilagano “, ha detto Thomas A. Saenz, presidente e consigliere generale del Fondo messicano-americano per la difesa legale e l’educazione. “Ci deve essere un investimento molto più sostanziale e molto mirato nella divulgazione – quasi sulla scala della portata del censimento dopo il tentativo fallito di aggiungere una domanda sulla cittadinanza. È assolutamente necessario. “

Durante il censimento del 2020, le agenzie locali, statali e federali hanno cercato di placare le paure degli immigrati e delle loro famiglie, sia legali che prive di documenti, esortandoli a ” partecipare all’enumerazione.”

“Dovremmo vaccinarci tutti, ed è una buona cosa” “, ha detto Saenz. “Dobbiamo essere molto chiari sul messaggio: assolutamente nessuno dovrà affrontare alcuna conseguenza legata all’applicazione dell’immigrazione o ad altre misure di contrasto. Deve essere così specifico. “

Nonostante il coronavirus infligga un numero sproporzionato di morti e malati alle comunità di colore, i tassi di vaccinazione nelle contee con popolazioni prevalentemente nere e latine sono inferiori a quelli con residenti principalmente nativi americani, bianchi o asiatici americani, mostrano i dati federali .

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il Covid-19 è stata la principale causa di morte tra i latini e ha portato i neri ad avere il più alto tasso di mortalità aggiustato per età in generale lo scorso anno.

Ci sono pochi o nessun dato specifico sui tassi di infezione, morte o vaccinazione degli immigrati.

Da quasi due decenni di lavoro a favore degli immigrati, Juvencio Rocha-Peralta, direttore esecutivo dell’Associazione di base dei messicani nella Carolina del Nord, ha affermato che senza la pandemia “questa comunità sarebbe stata invisibile”.

Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari
Juvencio Rocha-Peralta

Le conversazioni sulla salute pubblica e le persone emarginate nello stato tendevano a escludere gli immigrati latini, specialmente a livello locale, ha detto Rocha-Peralta, la cui organizzazione ha recentemente collaborato con i dipartimenti sanitari per organizzare eventi di vaccinazione. “

“Questa comunità non ha documenti”, ha detto. “Ma continuiamo ancora a vedere là fuori le informazioni che richiedono l’identificazione, il che è un grande rifiuto. È una paura per la comunità “.

Sopravvissuta al traffico di manodopera arrivata negli Stati Uniti a 19 anni che non parlava inglese e con un’istruzione di terza media, Natalina  Tracy, il capo del Brazilian Worker Center, ha affrontato personalmente il problema quando ha ricevuto la sua dose in un sito di vaccinazione di massa a Boston.. Tracy ha detto di identificarsi come “essere senza voce, essere invisibile, emarginata”.

“Sono totalmente ossessionata dalla giustizia e mi arrabbio per la disuguaglianza”, ha detto nel suo ufficio angusto, il suo dottorato alla Boston University appoggiato in una cornice sul muro dietro la sua scrivania.

Il Brazilian Worker Center sostiene i quasi 100.000 brasiliani del Massachusetts. Ha combattuto per riunire i bambini separati dalle loro famiglie dalle politiche di immigrazione intransigenti dell’amministrazione Trump, ha assicurato che i membri fossero contati dal censimento e stabilito un programma alimentare quando la pandemia ha costretto le persone senza lavoro e alla fame.Vaccini i rischi dell'esclusione degli immigrati irregolari

Facebook Comments
Condividi