HomeRisvoltiVladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin?

Vladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin?

Come per la Crimea nel 2014, per il golpe mascherato della proroga del mandato presidenziale fino al 2036, l’impunità per l’eliminazione di dissidenti, giornalisti e nemici interni, la vera forza di Vladimir Putin è la debolezza degli avversari che invece di coalizzarsi si dividono.

Da Sebastopoli al Dombass il gioco delle tre carte dell’autodeterminazione ha consentito al Presidente Russo di invadere a rate l’Ucraina e di forzare fino al limite di rottura lo scontro con l’Occidente per ergersi a restauratore del mito nazionalista della Grande Madre Russia ed occultare la traballante posizione del regime in patria con la crisi pandemica ed economica incombenti e l’opinione pubblica sempre più ostile.Vladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin

“Il nazionalismo russo ed il salvataggio del regime sono innegabili, ma sono accompagnati da altri motivi: alzare il prezzo di gas petrolio e degli armamenti, che rappresentano le uniche vere risorse della Russia in modo da tenere sotto controllo gli oligarchi ed evitare che lo facciano fuori” afferma l’analista ed editorialista Arduino Paniccia, docente di studi Strategici e Presidente della Scuola di Competizione Economica Internazionale di Venezia.

Vladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin
Arduino Paniccia

Il diktat televisivo di Putin dava l’impressione che lui sia convinto della sua eternità…

Argomento delicato…che pone interrogativi su eredi ed eredità. La personalità e il profilo psicologico del Presidente russo sono molto complessi. Cerca, soprattutto, di risvegliare un sentimento di patriottismo nel popolo russo e di prendere tutto quello che si può prendere prima che riparta il negoziato globale sul disarmo, di cui quello più difficile e complesso ma probabilmente più operativo è proprio quello tra Russia e Ucraina

Guerra fredda quattro punto zero?

L’epoca post muro di Berlino è definitivamente tramontata. La revisione di una architettura complessa è scivolata fino ai nostri giorni nella convinzione che si sarebbe potuto riprendere argomenti di pace nel mentre i blocchi si preparavano allo scontro. E’ necessario invece riprendere in mano la definizione di un nuovo sistema di relazioni tra il blocco delle democrazie e le autocrazie euro-asiatiche.Vladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin

Evoluzione della situazione?

Putin e il suo Stato Maggiore hanno attuato la tradizionale strategia, che si richiama alla sovranità limitata e all’esistenza di Stati cuscinetto ai confini della Federazione Russa. Una dottrina, peraltro, integrata e aggiornata dal Capo di Stato Maggiore il Generale Valerij Gerasimov con la guerra ibrida, il cui primo effetto sul campo è stato di travestire l’ingresso delle truppe russe sotto forma di peacekeeping, nel tentativo di camuffare la palese violazione del diritto internazionale.

A questo punto la situazione potrebbe peggiorare, ove si verificasse un contrattacco delle forze ucraine o scontri tra nuclei nemici all’interno della regione del Donbass, e potrebbe aprire le porte ad uno scenario ben peggiore della semplice occupazione dell’area, ovvero l’attacco russo verso due direttrici – Transnistria e Ucraina Centrale – con incursioni e possibili bombardamenti aerei e utilizzo dei droni.Vladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin

Reazione di Stati Uniti ed Europa?

Gli Stati Uniti, insieme all’Europa, hanno sancito la strada delle sanzioni immediate che, sostanzialmente, si concretizzerà nel congelamento di tutti i conti esteri russi e nel blocco delle transazioni internazionali nel sistema Swift, da cui dipende il commercio estero. Questo, unitamente ad una dura condanna dell’operazione da parte dell’ONU, alla quale naturalmente la delegazione russa opporrà il veto, e ad ulteriori duri atti di embargo, attualmente allo studio, da parte dell’occidente.

Spiragli diplomatici?

Per il momento sembra essere improbabile il vertice con Biden, molto sostenuto da Scholz e Macron  che avrebbe dovuto portare ad una nuova tornata di negoziati. Tuttavia Putin lascia intravedere la possibilità di trattative con i Paesi dell’Unione Europea che, notoriamente, dipendono dalle forniture di gas e petrolio russi.

Divide ac susteni, sostenta e dividi, versione aggiornata del divide et impera?

L’azione della Presidenza russa tende a rivedere in maniera profonda sia il sistema di rapporti politici che quelli di sicurezza ai confini con l’Europa. Meno palese, ma certamente in atto, l’obiettivo di dividere molti Paesi europei con problematiche energetiche crescenti, non solo sulla decisione delle sanzioni dure, ma anche su tutte le conseguenze che deriverebbero da tale scelta. Il blocco del gasdotto Nord Stream2 è a tale riguardo uno dei nodi di fondo per tutta la transizione energetica degli anni a venire. Inoltre, Putin pone sul piatto anche la ripresa di negoziati sugli armamenti missilistici e nucleari, tra cui quelli ai confini della Federazione.LVladimir forever o la Russia e l’Europa post Putin

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS