HomePagineCancelliamo Storia e Filosofia dai programmi scolastici?

Cancelliamo Storia e Filosofia dai programmi scolastici?

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

I cardini del pensiero Socrate Buddha Confucio Gesù

by Augusto Cavadi

Con comprensibile allarme, Antonio Cerere – su micromega.net critica il progetto del Consiglio dei Ministri spagnolo driforma degli studi in cui si prevede l’abolizione della filosofia e dello studio cronologico della storia.

 

In poche parole, lo studio della filosofia e della storia sarà rimpiazzato da nuove materie come “memoria democratica”, “ecofemminismo”, “etica della cura”, “diritti LGBTQI+”, “i problemi di convivenza in una comunità pluralista, la formazione e l’orientamento personale e professionale, la digitalizzazione, l’economia e l’imprenditorialità. Non è certo peregrino il timore che queste ‘attualizzazioni’ si risolvano in asservimento ai voleri del mercato che “segmenta ed esige super specialisti al fine di non rischiare di trovarsi soggetti autonomi in grado di cogliere l’insieme della complessità del sistema-mondo.

L’allarme, giustificabile già per le conseguenze nella sola Spagna, lo è doppiamente se si riflette sull’interdipendenza fra le politiche scolastiche degli Stati dell’Unione Europea e, perciò, sulla possibilità che anche in Italia arrivino proposte simili. Tuttavia sarebbe sterile limitarsi agli allarmi senza interrogarsi sulle ragioni di queste proposte ‘innovative’ che, tra l’altro, vengono da una maggioranza di governo ‘progressista’. Siamo soddisfatti di come vadano le cose in Italia dalla riforma Gentile a oggi?

Cancelliamo Storia e Filosofia dai programmi scolastici?
Antonio Cerere

La storia in generale, e la storia della filosofia in particolare, vengono insegnate in una prospettiva ‘storicistica’ secondo cui ciò che viene dopo ingloba e supera ciò che viene prima, col rischio di un apprendimento meramente mnemonico degli eventi (storici) e delle teorie (filosofiche) senza né parentesi sull’attualità (“Che senso ha parlare – sia pur per un’ora soltanto – di Russia ed Ucraina se siamo ancora allo studio della Prima Guerra mondiale?”) né ancor meno spazi per la critica personale dell’alunno ai filosofi studiati (“Voi dovete riferirmi le critiche di Marx a Hegel: che cosa pensiate voi di Hegel, di Marx e delle critiche di Marx a Hegel non mi interessa minimamente”). 

Chi non ha avuto docenti non solo (meritoriamente) attenti allo svolgimento cronologico, ma (bigottamente) fedeli esclusivamente alla diacronia e impermeabili alle curiosità ‘fuori programma’ degli studenti più intelligenti, alzi la mano. E si consideri privilegiato. Qualche collega è arrivato, talora, a capovolgere la frittata: sarebbe la sua onestà intellettuale a impedirgli di aprire mini-dibattiti in classe evitando così di condizionare gli alunni con le proprie opinioni, come se non si potesse dare la testimonianza di una effettiva democraticità del confronto dialettico quando davvero ognuno ha pari diritto di esprimersi e pari dovere di portare argomenti razionali (o almeno ragionevoli) a sostegno delle proprie tesi.

La terapia spagnola non sembrerebbe la più adatta, ma la malattia che vorrebbe curare è reale: è disastroso, anche per il livello della coscienza civica media, uscire dalla scuola media superiore senza avere un’idea delle ideologie politiche oggi dominanti, della questione palestinese, del ruolo delle banche nell’economia globalizzata, delle dinamiche psichiche affettivo-sessuali, delle teorie fisiche e astrofisiche post-newtoniane, della musica dodecafonica…Non avrebbe senso limitarsi a inseguire l’attualità, ma non ne avrebbe neppure fuggirne in direzione opposta. Il desiderio di interpretare il presente non è necessariamente cedimento alle mode: può diventare, invece, lo spunto per rendere interessante lo sguardo al passato. 

Ci vuole un serio sforzo di cambiamento didattico: meno quantità di fatti storici e di dottrine filosofiche, più qualità nell’analisi di quei fatti e di quelle dottrine; ma soprattutto meno tempo per le disquisizioni autoreferenziali dei docenti  innamorati della propria erudizione e più spazio alla partecipazione degli alunni che, proprio attraverso i commenti liberi e le considerazioni anche ingenue, offrono all’insegnante il feed-back necessario per capire che cosa hanno davvero capito. Cancelliamo Storia e Filosofia dai programmi scolastici?

                                                                                

 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS