Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

637
Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping
Condividi

 

Pubblichiamo la sintesi del reportage del New Work Times sulle trascrizioni degli interventi segreti della leadership cinese in merito alle spietate repressioni delle minoranze etniche e dei dissidenti. Documenti originali classificati che rivelano l’agghiacciante realtà del regime di Pechino.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

La Cina di Xi Jinping:”assolutamente nessuna pietà”. I file trapelati espongono il modo in cui la Cina ha organizzato la repressione e le detenzioni di massa delle delle minoranze etniche musulmane  nella regione dello Xinjiang.

Più di 400 pagine di documenti originali in mandarino forniscono uno sguardo senza precedenti all’interno del regime comunista cinese.

La repressione comincia a venire a galla nel 2017 quando ad Hong Kong gli studenti originari dello Xinjiang rientrano a casa alla fine del semestre per trascorrere l’estate con la famiglia nell’estremo ovest della Cina.

Invece, presto sarebbe stato detto loro che i loro genitori erano spariti, i parenti e i vicini erano scomparsi, tutti rinchiusi in una rete in espansione di campi di detenzione costruiti per contenere le minoranze etniche musulmane.

Le autorità della regione dello Xinjiang temevano che la situazione fosse un polveriera.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

Una direttiva classificata delle autorità comuniste disponeva ai funzionari locali di sorvegliare gli studenti di ritorno non appena arrivati ​​e di mantenerli in silenzio. La direttiva comprendeva una guida burocraticamente agghiacciante su come gestire le angosciate domande degli studenti, a cominciare dalla più ovvia: dov’è la mia famiglia?

” Sono in una scuola di formazione istituita dal governo “, era la risposta prescritta. Se pressati, i funzionari dovevano dire agli studenti che i loro parenti non erano criminali, eppure non potevano lasciare queste “scuole”.

La sceneggiatura di domande e risposte includeva anche una minaccia a malapena nascosta agli studenti veniva detto che il loro comportamento poteva abbreviare o prolungare la detenzione dei loro parenti.

” Sono sicuro che li sosterrai, perché questo è per il loro bene e anche per il tuo bene ” dovevano aggiungere secondo la direttiva i funzionari agli studenti alla ricerca dei familiari scomparsi.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

La direttiva era tra le 403 pagine di documenti interni che sono stati condivisi con il New York Times in una delle fughe più significative di documenti governativi dall’interno del Partito comunista al potere in Cina da decenni. Forniscono una visione interna senza precedenti della repressione continua nello Xinjiang, in cui le autorità hanno deportato fino a un milione di Uiguri, Kazaki e di altre etnie in campi di internamento e prigioni negli ultimi tre anni.

Il Partito Comunista cinese ha respinto le critiche internazionali ai campi e li ha descritti come centri di formazione professionale che usano metodi delicati per combattere l’estremismo islamico. Ma i documenti confermano la natura coercitiva della repressione nelle parole e negli ordini degli stessi funzionari che l’hanno concepita e orchestrata.

Anche se il governo ha presentato i suoi sforzi nel Xinjiang al pubblico come benevoli e ineccepibili, ha discusso e organizzato una campagna spietata e straordinaria in queste comunicazioni interne. Si registrano alti dirigenti del partito che ordinano azioni drastiche e urgenti contro la violenza estremista, comprese le detenzioni di massa, e discutono le conseguenze con distacco freddo.

Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping
Il Presidente Xi Jinping

I documenti trapelati offrono un quadro sorprendente di come le macchine nascoste dello stato cinese abbiano portato avanti la campagna di internamento di più vasta portata del paese dall’era di Mao. Le principali informazioni contenute nei documenti includono:

  • Il Presidente Xi Jinping, capo del partito, che ha gettato le basi per la repressione in una serie di discorsi tenuti in privato ai funzionari durante e dopo una visita nello Xinjiang nell’aprile 2014, poche settimane dopo che i militanti Uiguri hanno pugnalato più di 150 persone in una stazione ferroviaria , uccidendone 31. Xi Jinping ha chiesto testualmente una “lotta totale contro il terrorismo, l’infiltrazione e il separatismo” usando gli “organi della dittatura” e mostrando “assolutamente nessuna pietà”.
  • Gli attacchi terroristici all’estero e la riduzione delle truppe americane in Afghanistan hanno accentuato i timori della leadership e contribuito a predisporre la repressione. I funzionari hanno sostenuto che gli attacchi in Gran Bretagna derivano da politiche che mettono “i diritti umani al di sopra della sicurezza”, e il Presidente Xi Jinping ha esortato il partito a emulare aspetti della “guerra al terrorismo” americana dopo gli attacchi dell’11 settembre.
  • I campi di internamento nello Xinjiang si sono espansi rapidamente dopo la nomina nell’agosto 2016 di Chen Quanguo, un nuovo zelante capo di partito per la regione. Il quale distribuito i discorsi di Xi Jinping per giustificare la campagna e ha esortato i funzionari a “radunare tutti coloro che dovrebbero essere radunati”.  Sono state costruite nuove strutture di detenzione tentacolari, di cui una grande quanto 50 campi da basket dove sono rinchiuse oltre 20.000 persone.
  • La repressione ha incontrato dubbi e resistenze da parte di funzionari locali che temevano che avrebbe esacerbato le tensioni etniche e soffocato la crescita economica. Ma Chen Quanguo ha risposto eliminando i funzionari sospettati di ostacolarlo, tra cui un leader della contea che è stato imprigionato dopo aver rilasciato migliaia di detenuti dai campi.
    Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping
    Campo di “rieducazione” a Lop County Xinjiang

I documenti trapelati sono costituiti da 24 documenti, includono quasi 200 pagine di discorsi interni del Presidente Xi Jinping e di altri leader e oltre 150 pagine di direttive e rapporti sulla sorveglianza e il controllo della popolazione Uigura nello Xinjiang. Ci sono anche riferimenti a piani per estendere le restrizioni sull’Islam ad altre parti della Cina.

I documenti includono 96 pagine di discorsi interni di:

  • Xi Jinping
  • 102 pagine di discorsi interni di altri funzionari, 161 pagine di direttive e relazioni sulla sorveglianza e controllo della popolazione Uigura nello Xinjiang
  • 44 pagine di materiale da indagini interne nei funzionari locali.

Sebbene non sia chiaro come siano stati raccolti e selezionati i documenti, la loro conoscenza suggerisce rivela un diffuso malcontento all’interno dell’apparato del partito per la repressione. I documenti sono stati portati alla luce da un membro dell’establishment politico cinese che ha richiesto l’anonimato e ha espresso la speranza che la loro divulgazione avrebbe impedito ai leader del partito, di sfuggire alla colpevolezza delle detenzioni di massa, incluso il leader Xi Jinping che è contemporaneamente Presidente della Repubblica, Segretario del Pc cinese e Comandante supremo delle forze armate.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

La leadership cinese avvolge il processo decisionale nella più  assoluta segretezza, soprattutto quando si tratta dello Xinjiang, un territorio ricco di risorse situato sulla delicata frontiera con il Pakistan, l’Afghanistan e l’Asia centrale.

Le minoranze etniche prevalentemente musulmane costituiscono oltre la metà della popolazione della regione di 25 milioni. Il più grande di questi gruppi sono gli Uiguri, che parlano una lingua turca e hanno subito a lungo discriminazioni e restrizioni sulle attività culturali e religiose.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

Pechino ha cercato per decenni di sopprimere la resistenza uigura al dominio cinese nello Xinjiang. L’attuale repressione è iniziata dopo un’ondata di violenza antigovernativa e anti-cinese, tra cui rivolte etniche nel 2009 a Urumqi , la capitale della regione, e un attacco del maggio 2014 a un mercato all’aperto che ha ucciso 39 persone, Subito dopo questo attacco Xi Jinping convocò una conferenza della leadership a Pechino per stabilire un nuovo corso politico per lo Xinjiang.

Dal 2017, le autorità dello Xinjiang hanno arrestato molte centinaia di migliaia di uiguri, kazaki e altri musulmani nei campi di internamento. I detenuti subiscono mesi o anni di indottrinamento e interrogatorio volti a trasformarli in sostenitori secolari e fedeli del partito.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

  • I discorsi segreti di Xi Jinping

“Le armi della dittatura democratica popolare devono essere esercitate senza alcuna esitazione o esitazione”, questo il filo conduttore del pensiero di Xi Jinping espresso  alla conferenza di leadership sulla politica dello Xinjiang, che si è riunita sei giorni dopo l’attacco mortale al mercato ortofrutticolo.

Le idee alla base delle detenzioni di massa possono essere ricondotte alla prima e unica visita di Xi Jinping nello Xinjiang come leader della Cina, un tour oscurato dalla violenza.

Nel 2014, poco più di un anno dopo essere diventato presidente, ha trascorso quattro giorni nella regione e, l’ultimo giorno del viaggio, due militanti Uiguri hanno organizzato un attentato suicida fuori da una stazione ferroviaria di Urumqi che ha ferito quasi 80 persone, e provocato una vittima.

Come già ricordato, settimane prima, i militanti con i coltelli si erano scatenati in un’altra stazione ferroviaria, nel sud-ovest della Cina, uccidendo 31 persone e ferendone più di 140. E meno di un mese dopo la visita Xi Jinping, gli assalitori avevano lanciato esplosivi in ​​un mercato di ortaggi a Urumqi, ucciso 39 persone e ferite.

Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping
Moschea di Urumqi

In questo contesto di spargimenti di sangue, il Presidente Xi Jinping ha pronunciato una serie di discorsi segreti che hanno fissato la linea dura che è culminata nell’offensiva di sicurezza attualmente in corso nello Xinjiang. Mentre i media statali hanno accennato a questi discorsi, nessuno è stato reso pubblico.

Il testo di quattro di loro, tuttavia, era tra i documenti trapelati – e forniscono uno sguardo raro e non filtrato alle origini della repressione e alle credenze dell’uomo che lo ha messo in moto.

“I metodi che i nostri compagni hanno a portata di mano sono troppo primitivi”, ha detto Xi in un discorso, dopo aver ispezionato una squadra di polizia antiterrorismo a Urumqi. “Dobbiamo essere duri come loro”, ha aggiunto, “e non mostrare assolutamente pietà.”

Gli interventi nello Xinjiang e nella successiva conferenza della leadership sulla politica dello Xinjiang a Pechino, il Xi Jinping  vengono registrati e delineano quello che viene  definito “un problema cruciale per la sicurezza nazionale” e esponengono le sue idee per una “guerra popolare” nella regione.

Sebbene Xi non abbia ordinato arresti di massa in questi discorsi, ha invitato il partito a scatenare gli strumenti della “dittatura” per sradicare l’Islam radicale nello Xinjiang ed  ha paragonato l’estremismo islamico alternativamente a un contagio simile a un virus e a una droga pericolosamente avvincente, sottolineando che per affrontarlo sarebbe necessario “un periodo di trattamento interventistico doloroso“.

“L’impatto psicologico del pensiero religioso estremista sulle persone non deve mai essere sottovalutato”, ha detto Xi ai funzionari di Urumqi il 30 aprile 2014, l’ultimo giorno del suo viaggio nello Xinjiang. “Le persone che sono catturate dall’estremismo religioso – uomini o donne, vecchi o giovani – hanno la coscienza distrutta, perdono l’umanità e uccidono senza batter ciglio.”

In un altro discorso, al conclave della leadership di Pechino un mese dopo, ha messo in guardia dalla “tossicità dell’estremismo religioso”.

Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

  • Il prisma sovietico

I discorsi segreti sottolineano come Xi Jinping veda i rischi per la Cina attraverso il prisma del crollo dell’Unione Sovietica, che ha accusato di lassismo ideologico.

In tutta la Cina ha deciso di eliminare le sfide al governo del partito; dissidenti e avvocati per i diritti umani sono scomparsi in ondate di arresti . Nello Xinjiang, ha indicato esempi dell’ex blocco sovietico per sostenere che la crescita economica non immunizzerebbe una società contro il separatismo etnico.

Le repubbliche baltiche erano tra le più sviluppate nell’Unione Sovietica, ma anche le prime ad abbandonarla quando il paese implose, ha detto alla conferenza della leadership. La prosperità relativa della Jugoslavia non ha impedito la sua disintegrazione, ha aggiunto.

“Diciamo che lo sviluppo è la massima priorità e la base per raggiungere una sicurezza duratura, ed è giusto”, ha detto Xi. “Ma sarebbe sbagliato credere che con lo sviluppo ogni problema si risolva da solo.”

Xi Jinping teme che la violenza nello Xinjiang possa espandersi in altre parti della Cina e compromettere l’immagine di forza del partito. A meno che la minaccia non venga estinta,  ha concluso Xi alla conferenza di leadership, “la stabilità sociale subirà shock, l’unità generale delle persone di ogni etnia sarà danneggiata e le prospettive generali di riforma, sviluppo e stabilità saranno influenzate”.

Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping
“Campo di rieducazione” alla periferia di Hotan. (Greg Baker / Agence France-Presse – Getty Images)

Mettendo da parte le sottigliezze diplomatiche il Presidente cinese ha individuato le origini dell’estremismo islamico nello Xinjiang in Medio Oriente ed ha avvertito che le turbolenze in Siria e in Afghanistan avrebbero aumentato i rischi per la Cina. Gli Uiguri avevano viaggiato in entrambi i paesi, ha detto, e potevano tornare in Cina come combattenti esperti che cercavano una patria indipendente, che chiamavano Turkestan orientale.

“Dopo che gli Stati Uniti hanno ritirato le truppe dall’Afghanistan, le organizzazioni terroristiche posizionate alle frontiere dell’Afghanistan e del Pakistan potrebbero rapidamente infiltrarsi nell’Asia centrale”, ha detto Xi. “I terroristi del Turkestan orientale che hanno ricevuto addestramento di guerra reale in Siria e in Afghanistan potrebbero in qualsiasi momento lanciare attacchi terroristici nello Xinjiang”.

  • Nuova tecnologia

“Negli ultimi anni, lo Xinjiang è cresciuto molto rapidamente e il tenore di vita è costantemente aumentato, ma anche così il separatismo etnico e la violenza terroristica sono ancora in aumento”, ha detto. “Questo dimostra che lo sviluppo economico non porta automaticamente ordine e sicurezza duraturi”.

Per Xi Jinping la nuova tecnologia deve essere parte della soluzione, prefigurando la diffusione del riconoscimento facciale, dei test genetici e dei big data nello Xinjiang. Ed anche invitato i funzionari a studiare come gli americani hanno risposto agli attacchi dell’11 settembre.Cina lager e repressioni i discorsi segreti di Xi Jinping

 

Facebook Comments
Condividi