HomeRassegna StampaCome saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

Quanti capitoli dell’Arte della Guerra avrebbe modificato e soprattutto aggiunto Sun Tzu se fosse vissuto al tempo dell’intelligenza artificiale ?  La principale capacità strategica dei conflitti risiede ora esclusivamente nella capacità di integrare simultaneamente, intelligenza artificiale, robotica, cyber power e data science a tutti i livelli delle operazioni militari. Come evidenzia il reportage di The Economist , su come e quanto l’intelligenza artificiale sta rivoluzionando lo stesso concetto di guerra in particolare in relazione alla deterrenza nucleare.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificialeIl computer é nato in guerra e dalla guerra. Il Colosso fu costruito nel 1944 per decifrare i codici nazisti. Negli anni ’50 i computer coordinavano già le difese aeree americane.

Nei decenni successivi, l’intelligenza artificiale,( Ai ), ha svolto un ruolo marginale nella guerra. Ora sta per diventare fondamentale. Proprio come il mondo civile é testimone di rapidi progressi nel potere e nella diffusione dell’intelligenza artificiale, anche il mondo militare é nel pieno di un’ondata di innovazione che per quanto trasformi il carattere della guerra, potrebbe anche rivelarsi destabilizzante.

Il rapido cambiamento di oggi ha diverse cause. Uno é il crogiolo della guerra stessa, in particolare in Ucraina. Chip piccoli ed economici guidano abitualmente i droni russi e ucraini verso i loro obiettivi, ampliando una tecnologia un tempo limitata ai missili di una superpotenza. Un secondo é il recente progresso esponenziale dell’intelligenza artificiale , che consente sorprendenti imprese nel riconoscimento degli oggetti e nella risoluzione di problemi di ordine superiore. Un terzo é la rivalità tra America e Cina, in cui entrambe vedono l’intelligenza artificiale come la chiave per la superiorità militare.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

I risultati sono più visibili nell’avanzamento delle macchine intelligenti per uccidere. I droni aerei e navali sono stati vitali per entrambe le parti in Ucraina per individuare e attaccare obiettivi. Il ruolo dell’intelligenza artificiale é quello di risolvere i disturbi, poiché consente a un drone di puntare sugli obiettivi, anche se i segnali gps o il collegamento con il pilota sono stati interrotti. Interrompere la connessione tra pilota e aereo dovrebbe presto consentire agli eserciti di schierare un numero molto maggiore di munizioni a basso costo. Alla fine gli sciami autodiretti saranno progettati per sommergere le difese.

Ma ciò che é più visibile nell’intelligenza artificiale militare non è quello che é più importante. Come spiega il nostro briefing, la tecnologia sta anche rivoluzionando il comando e il controllo che i vertici militari utilizzano per dirigere le guerre.

In prima linea, i droni rappresentano solo l’ultimo e più drammatico anello della catena di uccisione con una serie di passaggi che iniziano con la ricerca di un bersaglio e terminano con un attacco.

Il significato più profondo dell’intelligenza artificiale é ciò che può fare prima che il drone colpisca. Poiché seleziona ed elabora i dati a una velocità sovrumana, può estrapolare ogni dato da migliaia di immagini satellitari o interpretare la luce, il calore, il suono e le onde radio per distinguere le esche dalla realtà.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

Lontano dalla prima linea, può risolvere problemi molto più grandi di quelli affrontati da un singolo drone. Questo significa compiti semplici, come capire quale arma sia più adatta a distruggere una minaccia. A tempo debito, i “sistemi di supporto alle decisioni” potrebbero essere in grado di cogliere la sconcertante complessità della guerra rapidamente e su una vasta area, forse un intero campo di battaglia.

Le conseguenze di ciò stanno diventando chiare solo ora. È probabile che i sistemi di intelligenza artificiale, abbinati a robot autonomi su terra, mare e aria, trovino e distruggano obiettivi a una velocità senza precedenti e su vasta scala.

La velocità di tale guerra cambierà l’equilibrio tra soldato e software. Oggi gli eserciti tengono un uomo “al corrente”, che approva ogni decisione letale. Poiché trovare e colpire obiettivi é compresso in minuti o secondi, l’essere umano può semplicemente “sedersi in loop”, come parte di una squadra uomo-macchina. Le persone supervisioneranno il sistema senza intervenire in ogni azione.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

Il paradosso é che, anche se l’intelligenza artificiale dà un senso più chiaro del campo di battaglia, la guerra rischia di diventare più opaca per le persone che la combattono. Ci sarà meno tempo per fermarsi a pensare. Man mano che i modelli emettono valutazioni sempre più preventive, il loro risultato diventerà sempre più difficile da esaminare senza cedere al nemico un vantaggio che può risultare letale. Gli eserciti temeranno che se non danno una autonomia più estesa ai loro consiglieri dell’ia, verranno sconfitti da un avversario che lo farà.

Combattimenti più rapidi e meno pause renderanno più difficile negoziare tregue o fermare l’escalation.

Ciò può favorire i difensori, che possono trincerarsi mentre gli attaccanti escono allo scoperto e avanzano. Oppure potrebbe indurre gli aggressori a colpire preventivamente e con forza massiccia, in modo da abbattere i sensori e le reti da cui dipenderanno gli eserciti connessi all’intelligenza artificiale.

Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale
Rendering della futuristica portaerei stealth della Royal Navy per aerei senza pilota e droni

La portata della guerra basata sull’intelligenza artificiale significa che é probabile che il peso di massa e industriale diventi ancora più importante di quanto non lo sia oggi. Si potrebbe pensare che la nuova tecnologia consentirà agli eserciti di diventare più snelli. Ma se il software può individuare decine di migliaia di bersagli, gli eserciti avranno bisogno di decine di migliaia di armi per colpirli. E se i difensori sono in vantaggio, gli attaccanti avranno bisogno di più armi per sfondare.

Questa non é l’unica ragione per cui la guerra basata sull’intelligenza artificiale favorisce i grandi paesi. I droni potrebbero diventare più economici, ma i sistemi digitali che uniscono il campo di battaglia saranno enormemente costosi.

Costruire eserciti dotati di intelligenza artificiale richiede enormi investimenti in server cloud in grado di gestire dati segreti. Eserciti, marine e forze aeree che oggi operano distintamente attraverso i loro distinti silos di dati dovranno essere integrati. L’addestramento dei modelli richiederà l’accesso a vaste quantità di dati.

Quale grande paese é maggiormente favorito dall’intelligenza artificiale?  Un tempo si pensava che la Cina avesse un vantaggio, grazie al suo pool di dati, al controllo sull’industria privata e a vincoli etici più flessibili.

Eppure proprio ora l’America sembra essere all’avanguardia nei modelli di frontiera che potrebbero dare forma alla prossima generazione di ia militare.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

E l’ideologia conta: non é chiaro se gli eserciti degli stati autoritari, che privilegiano il controllo centralizzato, saranno in grado di sfruttare i vantaggi di una tecnologia che spinge l’intelligenza e l’intuizione ai livelli tattici più bassi.

Se, tragicamente, dovesse scoppiare la prima guerra alimentata dall’intelligenza artificiale, é probabile che il diritto internazionale venga messo ai margini. Un motivo in più per pensare oggi a come limitare la distruzione.

La Cina, ad esempio, dovrebbe prestare ascolto alla richiesta dell’America di escludere il controllo dell’AI sulle armi nucleari.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

E una volta iniziata la guerra, le hotline da uomo a uomo diventeranno più importanti che mai.

I sistemi di intelligenza artificiale progettati per massimizzare il vantaggio militare dovranno essere codificati con valori e restrizioni che i comandanti umani danno per scontati.

Questi includono l’attribuzione di un valore implicito alla vita umana – quanti civili è accettabile uccidere per perseguire un obiettivo di alto valore? – ed evitare alcuni attacchi destabilizzanti, come sui satelliti nucleari di allerta precoce.

Le incertezze sono profonde. L’unica cosa certa é che il cambiamento guidato dall’intelligenza artificiale si sta avvicinando. Probabilmente prevarranno gli eserciti che anticipano e padroneggiano i progressi tecnologici per primi e nel modo più efficace. Tutti gli altri rischiano di essere trasformati in vittime.Come saranno le guerre combattute a colpi di intelligenza artificiale

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3524 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3524 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
43 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
18 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS