Detroit superstar nel segno della Porsche

0
Condividi
Las Vegas passa il testimone al number one DetroitDetroit superstar nel segno della Porsche

by Vincenzo Bajardi

Finalmente il pianeta auto sbarca a Detroit nel Michigan. Il North American International Auto Show è il più importante salone nel mondo, insieme a quello di Tokyo, e si svolge nel cuore della downtown sul front river. Al Cobo Center dedicato ad Albert Cobo, sindaco di Detroit tra il 1950 e il 1957, disegnato da Gino Rossetti ed inaugurato nel 1960.

Da lunedì il via alle giornate stampa, dal 19 al 27 apertura al pubblico. “Aspettiamo 800.000 visitatori – ha detto Bill Golling, chairman di Naias – e ospiteremo 750 modelli con 30 debutti mondiali”.

Poi nel 2020 un necessario  spostamento in giugno per neutralizzare lo sgambetto del Consumer Electronics Show di Las Vegas.

Clamorose le assenze di Audi, Mercedes e Bmw che hanno preferito esibirsi nel’appuntamento elettronico nella capitale dei casinò Usa.

La star sarà la Porsche 911 Carrera S Cabriolet con le sue forme classiche che non tramontano mai e con  tecnologia super evoluta. Dopo il debutto della sorella 992 Carrera 4 e 4S al Salone di Los Angeles ecco la versione a cielo aperto.

Già ordinabile a partire da 138.640 euro. Un modello che resta fedele alla linea della generazione 992 con una capote in tela, con cristallo posteriore integrato, azionabile elettricamente in 12″ mentre un deflettore antivento estensibile garantisce agli occupanti la protezione dagli spifferi.

Profilo  più disinvolto, parafanghi maggiorati. Cofano proiettato in avanti, spoiler, barra luminosa. Ad eccezione del frontale e posteriore, l’intero involucro esterno è in alluminio. Cruscotto e strumentazione incassata, contagiri centrale, attorniato da due display. Lo schermo centrale è Pilorsche Communication Management (PCM).

Inizialmente sarà proposta nelle varianti Carrera S con trazione posteriore e Carrera S4 con trazione integrale, entrambe con il V6 boxer sovralimentato da 2.981cc, 450 cv, trasmissione automatica a  8 rapporti, 306 kmh.

Detroit superstar nel segno della Porsche

Non è da escludere entro l’anno l’arrivo di una versione Targa in omaggio al circuito della Targa Florio dove la Porsche ha un curriculum di successi ineguagliabile. La Lexus LC Convertibile è lunga 4,77 m, larga 1,92. Sfoggia uno stile atletico con il disegno a cuneo della LC

ed il motivo a tridente che abbraccia i fari. Il motore dovrebbe essere un V8 aspirato nella versione LC 500e e un V6 da 3,5 litri abbinato ad un modulo elettrico per la Hybrid. Nello stand il resto della gamma e fari accesi anche sulla RC F Track Edition.

Detroit superstar nel segno della Porsche

Toyota esporrà Supra, il coupè due posti che rientrerà in listino dopo 15 anni. Una sportiva leggendaria ammirata nel teaser della versione da corsa è stata sviluppata insieme a Bmw visto che utilizza la stessa piattaforma della Z4.  Una Supra con family feeling immutato. Il posteriore sfoggia una pinna che si innalza dal bagagliaio, doppi terminali di scarico. A bordo, strumentazione digitale, head-up display, navigatore, sistema di infotainment identico a quello della Bmw (iDrive). Sotto il cofano un 3 litri V6 da 335 cv. Si parla di 65.000 dollari per la clientela americana.

Quindi in passerella la Subaru WRX STi S209, serie limitata a 500 esemplari. Il marchio negli Usa ha chiuso il 2018 con il miglior risultato di sempre con 680.135 veicoli venduti.

A livello di elettriche c’è molta curiosità sul concept della Infiniti QX Inspiration, un Suv chiamato a contrastare la Jaguar I-Pace a partire dal prossimo anno. Un prototipo che il marchio di lusso della Nissan propone con forme sportive. Ha un colore bianco di carrozzeria, con telecamere posizionate al posto degli specchietti retrovisori, autonomia di 500 km.Detroit superstar nel segno della Porsche

Cadillac esporrà la nuova XT6 crossover, la XT5 e l’Escalade.

Ford alzerà i veli sulla Mustang Shelby GT500 da 700 cv e sulla Explorer.

Fiat Chrysler metterà in mostra la Ram 2500 e 3500, pick up dell’ultima generazione ed altro ancora.

Volkswagen propone la nuova Passat. Hyundai il coupè Veloster.

Kia il lussuoso concept Telluride ma anche la Sorento.

Ad aprire la serie delle conferenze stampa sarà Ford, poi Ram, Toyota, VW, Nissan, Kia, Infiniti, Hyundai, Subaru, Lexus, Gac, Michelin.

Presenti anche  Genesis, GMC, Jeep, Lincoln, Mopar, ZF e Fiat , che chiuderà con una multa di 650 milioni di dollari la disputa del Gruppo Fca sulle emissioni dei diesel negli Usa, nello specifico si tratterebbe di 104.000 auto Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 vendute oltreoceano.Detroit superstar nel segno della Porsche

Condividi

Leave A Reply