Draghi di pazienza e prospettive

789
Draghi di pazienza e prospettive
Condividi

 

Per Mario Draghi la conferma che la pazienza è anche una forma di azione, sarà rappresentata nelle prossime settimane, e probabilmente per mesi, dalla cortesia con la quale schiverà tutte le richieste di interviste dei media, dei  talk show e dei più famosi conduttori televisivi.Draghi di pazienza e prospettive

Un quantitative easing of patience, un alleggerimento quantitativo di pazienza, che accompagnerà Draghi nei weekend nel casale di famiglia in Umbria,  sulle colline che circondano il Lago Trasimeno nei pressi di Città della Pieve, in provincia di Perugia, nei soggiorni a Roma e nei viaggi che ha programmato assieme alla moglie Serenella.

Casale umbro, viaggi e la probabile scrittura di un libro di analisi e valutazioni economiche.

Draghi di pazienza e prospettive
Draghi e la moglie Serenella

Se la fede muove le montagne, la pazienza raggiunge le cime e per l’economista internazionale contemporaneo più autorevole e stimato si prospettano comunque concreti orizzonti istituzionali.

Orizzonti talvolta trasformati in miraggi dal marasma politico ed economico dell’Italia.Draghi di pazienza e prospettive

In attesa che al Quirinale si valuti l’eventuale interpretazione dell’articolo 59 della Costituzione sui Senatori a vita di nomina Presidenziale, per Mario Draghi  si è giunti a quantificare da tre a cinque punti di Pil il valore aggiunto per l’economia italiana della sua nomina a Presidente del Consiglio.

Per le nomine dei Senatori a vita, che sono attualmente cinque, fra  i costituzionalisti è infatti aperto il dibattito, interpretato in modo diverso dai singoli Presidenti della Repubblica, se il limite di cinque si debba intendere come il totale dei senatori che sono contemporaneamente in carica, o come limite per ogni Capo dello Stato.

L’esito delle elezioni regionali in Umbria, e soprattutto quelle dell’inizio e della primavera del 2020  in Emilia Romagna, Toscana, Campania, Puglia, Liguria, Marche e Veneto, rischia di provocare un effetto domino con una crisi di governo di difficile soluzione, perché dopo il taglio del numero dei parlamentari le Camere non si possono sciogliere se prima non viene modificata la legge elettorale.Draghi di pazienza e prospettive

Una palude politica, aggravata dai ricorrenti tentativi di sostituire l’attuale Premier Giuseppe Conte.  Tentativi non portati a termine per tre motivi: l’incognita del nuovo Premier, l’urgenza di procedere alle nomine strategiche, le contromosse difensive, palesi e sotterranee, di Conte.

L’effetto regionali potrebbe tuttavia innescare una sorta di idi di Marzo politiche per Palazzo Chigi e rimescolare la maggioranza di governo, col passaggio di vari parlamentari di Forza Italia fra le fila di Italia Viva di Matteo Renzi.

I fulcro della cosiddetta operazione Palazzo Chigi rimane il Movimento 5Stelle, e a meno di un ribaltone interno, riguarda anche la garanzie del mantenimento della leadership politica per Luigi Di Maio.Draghi di pazienza e prospettive

L’incognita dell’individuazione del nuovo Premier potrebbe essere risolta, secondo varie ipotesi, affidando la guida del Governo a un tecnico di assoluto prestigio che non solo catalizzerebbe il consenso unanime della maggioranza, di Bruxelles, degli alleati occidentali e dei mercati, ma metterebbe in seria difficoltà l’opposizione leghista e di Fratelli d’Italia.

Tanto da ridurre sensibilmente l’appeal del centro destra a trazione salviniana, prima nei sondaggi e poi molto probabilmente alle urne.

Ipotesi destinate per il momento a rimanere solo ipotesi e che,  a meno di un appello istituzionale, non verrebbero assolutamente neanche prese in considerazione da Mario Draghi, perché come dice un saggio proverbio: “la pazienza é la chiave del paradisoDraghi di pazienza e prospettive

Facebook Comments
Condividi