Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d’Austria

1110
Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria
Condividi

Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria

by Vincenzo Bajardi

Finale vietato ai deboli di cuore nel GP d’Austria: sul traguardo è svettato per primo Verstappen con la Red Bull su Charles LeClerc al violante della Ferrari,  ma anche in Formula1 entra in azione il Var.

Un Gran Premio dunque sub judice con i commissari che potrebbero far scattare la penalizzazione ai danni del pilota della Red Bull.

Alle 18.49 un comunicato aveva ufficializzato la vittoria di LeClerc, con Verstappen penalizzato e retrocesso al posto d’onore. Il documento però era un falso. Il successo è così rimasto a Verstappen.

Lo hanno deciso gli steward alle 20 dopo avere a lungo indagato sul sorpasso che l’olandese della Red Bull ha fatto ai danni del ferrarista al terz’ultimo giro con LeClerc messo fuori da un colpo di Max al gomito della curva 3.

Dopo il Canada quindi un’altro GP è rimasto a lungo sospeso prima della decisione finale.

L’olandese aveva firmato un capolavoro nell’epilogo. Max aveva rimediato ad una partenza disastrosa con una gara lodevole e in rimonta per poi beffare a due giri dall’abbassarsi della bandiera a scacchi il monegasco LeClerc con la Ferrari fino a quel punto super protagonista e battistrada.

Il sorpasso alla Rossa è avvenuto con una  manovra al limite, scorretta.

Da un lato Verstappen che nel dopo corsa commentava: “Sono cose che accadono in corsa. Se non va bene così, allora rimaniamo a casa piuttosto che correre in autodromo”.

Dall’altro il team manager di Ferrari, Binotto, scommetteva su un giudizio favorevole per la Rossa.

L’unica notizia importante, adesso,riguarda che dopo 8 Gran Premi, la Mercedes perde l’imbattibilità con Hamilton addirittura quinto, sorpassato da un Vettel che ha rimediato ad un pasticcio dei meccanici al pit stop.

Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria

“Duello normale, sennò si chiuda la Formula 1. Dopo la partenza pensavo che la gara fosse finita ma ho continuato a spingere. Sono contento per il team e per la Honda,abbiamo iniziato a vincere assieme ed è fantastico” ha dichiarato Verstappen.

Di parere opposto il ferrarista LeClerc autore di una grande prestazione “Nel giro precedente abbiamo lottato e lui mi ha lasciato spazio, poi nel giro successivo sono dovuto andare fuori pista e non ho avuto la possibilità di riprenderlo. Tutta la gara è stata buona per me”.

Prima vittoria dunque per la Red Bull in questo Mondiale, prossimo appuntamento il 16 luglio nel Gp Gran Bretagna.

Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria

Verstappen ha bissato il successo dell’anno scorso nel GP d’Austria acciuffando a tre giri dal termine il battistrada LeClerc, terzo Bottas, quarto Vettel.

La più giovane prima fila della F1, 21 anni e 276 giorni per i due pulcini.  Verstappen ha vinto dopo una rimonta strepitosa, entusiasmante. Una gara emozionante, grandi battaglie, era tempo che non si assisteva ad una corsa così pimpante.

LeClerc autore di una grande prestazione aveva commentato “Max non mi ha dato spazio.

Nel giro precedente abbiamo lottato e lui mi ha lasciato spazio, poi nel giro successivo sono dovuto andare fuori pista e non ho avuto la possibilità di riprenderlo. Tutta la gara è stata buona per me”.

Il risultato è importante per la Red Bull e tanto di cappello alla Ferrari che si è dimostrata più veloce della Mercedes. Verstappen ha preceduto di 2″724 LeClerc, quindi Bottas a 18″96″, Vettel a 19″61, Hamilton a 22″805.

Ad un giro Norris, Gasly, Sainz, Raikkonen nono e Giovinazzi decimo entrambi questi ultimi due con le Alfa Romeo. Quindi Perez, Ricciardo, Hulkenberg, Stroll, Albon, Grosjean e Kvyat. A due giri Russell e Magnussen, a 3 giri Kubica.

Nella Classifica Piloti Hamilton leader con 197 punti su Bottas 166, Verstappen 126, Vettel 123, LeClerc 105, Gasly

43, Sainz 30, Norris 22, Raikkonen 21, Ricciardo e Hulkenberg 16, Magnussen 14, Perez 13 con Giovinazzi che ha conquistato il primo punto.

Nella Classifica Costruttori guida Mercedes con 363 su Ferrari 228, Red Bull 169, McLaren 52, Renault 32, Alfa Romeo 22.

Purtroppo non è arrivata la domenica di laurea per il giovane monegasco.

Coreografia tutta rossa con la consegna di 60 mila cappellini in onore del compianto Niki Lauda.

Partenza perfetta grazie alle gomme soft Pirelli di LeClerc che  allungava di 2″2 su Bottas e di 4″ su Hamilton, mentre Verstappen incappava in un avvio infelice; posizioni immutate anche al quarto giro, quindi Vettel che aveva sorpassato Raikkonen con l’Alfa Romeo e l’inglese Norris con la  McLaren.

Al 7° giro Verstappen aggirava Norris con un sottofondo da stadio da parte dei tifosi olandesi che fanno un tifo da matti per il loro connazionale.

Sempre spavaldo leader LeClerc con 2″5 su Bottas e di 5″ su Hamilton, entrambi con gomme medie, al giro ottavo. Buona la strategia del Cavallino come confermava alla radio l’ingegnere del pilota battistrada monegasco. Pit stop lunghissimo per Vettel (imbufalito Sebastian, per l’errore nel posizionare una gomma da parte di un meccanico, rientrando in ottava posizione) finito poi nel traffico, sosta anche per LeClerc e Bottas.

Così al 29° giro nuovo battistrada è Hamilton che ha perso carico aerodinamico e lo comunica al proprio muretto cheprepara un alettone anteriore, quindi Verstappen e LeClerc con Vettel che forma un nuovo giro veloce con una gomma dura. Si ferma Hamilton e cambio dell’ala sulla sua monoposto con una perdita di 11″ per l’inglese.Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria

Al 32° giro LeClerc ritorna leader con 4″ di vantaggio su Bottas e Vettel a 9″4 dal compagno di scuderia, quindi Verstappen che segue a 3″ ed Hamilton. Sfida tra Norris e Ricciardo per la settima posizione, con il pilota Renault ancora in pista senza pit stop.

Altro ancora a non fermarsi Sainz. A metà gara la Ferrari vuole spezzare l’egemonia della Mercedes e arriva un nuovo giro veloce per il monegasco imitato da Verstappen con Vettel in gestione di carburante in vista del finale al 48° giro. Verstappen aggira Vettel con un sottofondo di applausi e intanto il tedesco si ferma ai boxes per montare gomme rosse per costruire una rimonta al 51° scivolando al quinto posto.

Quarto è rimasto Hamilton con Vettel che recupera terreno grazie alla resa degli pneumatici. Altro boato per il sorpasso di Verstappen al 55° giro a Bottas.Ferrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria

LeClerc, al 60° giro, ne ha per difendere il tesoretto di 4″2 che vanta su Verstappen (1″08 e frazioni) che macina giri record su record a 15 giri dal termine nonostante un leggero blistering nell’anteriore destra.

Vantaggio dell’olandese che scende a 2″5 al 62° giro. Un finale con il cuore in gola ad otto giri dal termine. Dietro LeClerc (1″2), Verstappen e Bottas. Lasciatemi la  concentrazione segnala LeClerc al proprio ingegnere. Una incollatura la differenza fra i due protagonisti al 66° giro, ruota a ruota con LeClerc che risponde all’attacco dell’avversario (era a tutti gli effetti passato ma in discesa LeClerc ha respinto l’attacco del rivale).  Poi le ultime tornate erano fatali per la Ferrari.

Sabato, dopo la pole position in Bahrain, il monegasco LeClerc con la Ferrari aveva messo tutti in fila in  1’03″003 alla media di 246,731 kmhFerrari un giorno da leoni con LeClerc al GP d'Austria

 

Facebook Comments
Condividi