Gli avvertimenti cerebrali della noia

0
689
Gli avvertimenti cerebrali della noia
Condividi

Pubblichiamo la sintesi della pagina che il Washinton Post ha dedicato ad un particolare argomento fra scienza e medicinaGli avvertimenti cerebrali della noia

Gli avvertimenti cerebrali della noiaLa noia è un sentimento universalmente temuto. È il nostro cervello che ci dice di agire, proprio come il dolore è un segnale importante di pericolo o danno.

La noia è anche il modo in cui il nostro cervello ci avverte che le cose non stanno andando bene. Gli scienziati che studiano l’emozione notano che ogni episodio di noia crea un’opportunità per apportare un cambiamento positivo invece di cercare reattivamente la via di fuga più veloce e semplice. Dobbiamo solo prestare attenzione.

“La noia è una sorta di spia emotiva che si accende sul  cruscotto dicendo, ‘Ehi, non sei sulla buona strada'”, afferma Erin Westgate , psicologa dell’Università della Florida che studia la noia e coautrice di un famoso esperimento. Alle persone è stato chiesto di sedersi in silenzio per 15 minuti in una stanza con nient’altro che i propri pensieri. Avevano anche la possibilità di premere un pulsante e darsi una scossa elettrica.

Essere scioccati fisicamente è spiacevole, ma molte persone lo preferivano al disagio emotivo della noia. Su 42 partecipanti, quasi la metà ha scelto di premere il pulsante almeno una volta.

“È il segnale che qualunque cosa stiamo facendo non ha alcun significato per noi, o non siamo in grado di impegnarci con successo in questo” – spiega la psicologa- “la noia è un segnale di avvertimento – aggiunge – ed è veramente necessaria”.

Gli avvertimenti cerebrali della noia
Erin Westgate

In uno studio del 2021, Westgate e i suoi colleghi hanno scoperto che la noia ha un gruppo di persone esaminate a comportamenti più sadici. In un esperimento, i partecipanti annoiati che guardavano un banale video di 20 minuti avevano ancora più probabilità di fare qualcosa che presumibilmente nessuno di loro aveva mai pensato di fare prima.

Altri esperimenti hanno mostrato un legame tra noia e diversi tipi di comportamenti scorretti, dal trolling online al bullismo in classe fino agli abusi verbali e fisici da parte dei membri dell’esercito l’uno verso l’altro.

La buona notizia è che la noia non ci rende sempre più cattivi, ci chiama semplicemente ad agire, nel bene o nel male. Quando sono disponibili alternative migliori, la noia può anche farci compiere buone azioni: è un’esperienza diversa dall’ozio, del tempo libero o del relax.

James Danckert , neuroscienziato cognitivo presso l’Università di Waterloo, nell’ Iowa, assieme ai  suoi colleghi hanno collegato 10 adulti ad uno scanner cerebrale fMRI e hanno misurato la loro attività cerebrale mentre guardavano una clip del documentario sulla natura Planet Earth, un video di due uomini che stendono il bucato o un immagine statica.

Gli avvertimenti cerebrali della noia
James Danckert

Stare seduti in silenzio o guardare il noioso video del bucato hanno entrambi attivato la rete in modalità predefinita del cervello, una costellazione di regioni del cervello che sono attive durante il pensiero interno, come quando le nostre menti vagano. Allo stesso tempo, il noioso video ha spento la corteccia insulare anteriore, una regione del cervello che si ritiene segnali che qualcosa di importante sta accadendo nel mondo esterno.

Che cosa significa tutto questo? Attraverso una scansione fMRI, il cervello annoiato sembra un cervello infelice e disimpegnato.

È molto probabile che ci annoiamo al lavoro o a scuola, situazioni in cui ci viene offerta meno autonomia e meno opzioni per fare qualcosa al riguardo.

Il problema con la noia è che mentre ci dice che qualcosa non va, non ci dice cosa fare al riguardo.Gli avvertimenti cerebrali della noia

Quando la sensazione inquietante della noia ci colpisce, è facile essere reattivi e raggiungere di riflesso la cosa più vicina a portata di mano: i nostri smartphone.

Ma una tale reazione può innescare un “circolo vizioso”, sostiene Danckert. Il tempo trascorso sul telefono non è particolarmente significativo, il che significa che probabilmente ci si annoierà di nuovo.

Invece di essere reattivi alla noia bisognerebbe essere più consapevoli del segnale che ci sta inviando. Cogliere l’opportunità che la noia offre per resettare, riflettere o riformulare le priorità.

Quali altre opzioni sono più significative? Quali sono gli obiettivi, grandi e piccoli? E perché quello che si sta facendo è importante anche se non sembra così?

Bisogna tener presente che la noia e la ricerca di sollievo sono essenziali per l’esperienza umana.

“Penso che la noia rappresenti un particolare aspetto del quotidiano”, dice  Westgate “ é legata a molto di ciò che la maggior parte di noi desidera, come vivere una vita ricca, appagante, interessante e significativa. La noia è solo un tipo di segnale utile, forse un segnale indesiderato, che ci aiuta ad arrivare dove vorremmo”.Gli avvertimenti cerebrali della noia

Facebook Comments
Condividi