Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

0
488
Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen
Condividi

by Vincenzo Bajardi

Nel Gran Premio d’Italia a Monza, 53 giri su una pista lunga 5,793 km,è arrivato l’undicesimo successo stagionale nel Mondiale di F1 per l’olandese Verstappen con la Red Bull (e prima vittoria in carriera a Monza) pur essendosi avviato dalla quarta fila per la penalizzazione.Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

Ma la gara si è conclusa dietro la safety car non permettendo alla Ferrari di Leclerc di attaccare nelle ultime battute Verstappen fra un coro di polemiche e tanti fischi per la decisione della Direzione Gara.

Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen
Charles Leclerc

“Il secondo posto non mi rende contento, speravo di giocarmela alla fine, ma la safety car non è rientrata” ha commentato Leclerc.  Verstappen preferisce non alimentare polemiche e si limita a dire: “ ho gestito bene le gomme, macchina super”.

L’olandese ha vinto la quinta gara consecutiva precedendo di 2″446 Leclerc con la Ferrari, di 3″405 la Mercedes di Russell. Il finale ha penalizzato anche la rimonta di Sainz.Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

START – Leclerc con la Ferrari mantiene un vantaggio consistente su Russell e Verstappen, quest’ultimo velocissimo nel recuperare (a 2″502) ed aggirare Ricciardo, poi Gasly, Norris, Alonso.

Al quarto giro Verstappen  è già secondo, con una fantastica staccata alla prima variante quindi Russell.

Al 12° giro virtual safety car per consentire la rimozione dell’Aston Martin di Vettel che chiude così l’ultimo GP d’Italia della propria carriera in F1.Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

Leclerc rientra ai box per montare le gomme gialle e Verstappen al 14° giro è leader con 6″126 su Russell, terzo Leclerc a 14″237 (il francese non riesce a guadagnare su Russell con la gomma gialla e via radio dal muretto arriva la comunicazione di una cambio di strategia, quarto Sainz a 27″ che dalla nona fila è quarto con un recupero notevole.

Al 23° giro Verstappen su Leclerc, a 13″652, Sainz a 29″876, Russell ai box, Norris. Atteso per la sosta anche Verstappen.

META’ GARA – Al 26° giro queste le posizioni: Verstappen monta la gialla e torna leader Leclerc con un vantaggio di 6″295, con un boato di gioia della folla, terzo Sainz a 20″665, Russell a 23″990, Norris a 32″450, Hamilton a 38″.

Un giro veloce dietro l’altro di Verstappen che guadagna decimi su Leclerc. Sosta per Sainz che rientra ottavo subito dietro a Perez. Si ritira Alonso. Al 35° giro ritorna primo Verstappen con 18″562 su Leclerc (firma un giro veloce), quindi Russell e Sainz. Si sta delineando una situazione difficile per Leclerc mentre si ritira Stroll. Ad 8 giri dalla conclusione Verstappen salvaguarda i 17″ su Leclerc. Safety car per la McLaren di Ricciardo fermatasi a Lesmo. Verstappen si ferma e Leclerc lo imita entrambi con le gomme nuove e partiranno senza più il distacco che li separava.

Una safety car che regala qualche chance alla Ferrari. Notevole confusione in pista e la gara rischia di finire in regime di Safety Car. Verstappen ha raggiunto la safety car ma tra l’olandese e Leclerc figurano Bottas e Tsunoda.Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

CLASSIFICA PILOTI – Verstappen 335, Leclerc 219, Perez 209, Russell 203, Sainz 187, Hamilton 168, Norris 88, Ocon 66,Alonso, 59, Bottas 46, Gasly e Magnussen 22, Vettel 20, Ricciardo 19, Schumacher jr 12, Tsunoda 11, Zhou 6, Stroll 5, Albon 4.

CLASSIFICA COSTRUTTORI – Red Bull 544, Ferrari 406, Mercedes 371, Alpine 125, McLaren 107, Alfa Romeo 52, Haas 34, Alpha Tauri 33, Aston Martin 25,Williams 6.

POLE – Giro capolavoro di Leclerc, il Principino di Montecarlo: in 1’20″161 con la Ferrari a 260 kmh ha preceduto nella griglia Russell (Mercedes) in 1’21″542, seconda fila per Norris (McLaren, 1’21″584) e Ricciardo (McLaren, 1’21″965), terza fila con identico tempo di 1’22″648 per Glasly (Alphatauri) e Alonso (Alpine). Quarta fila per Verstappen (Red Bull, 1’20″306) che pur secondo ha dovuto scontare penalità per la sostituzione di componenti del motore in 1’20″306 a fianco di un sorprendente De Vries (Williams, sostituisce Albon a causa di una appendicite e debutta così in F1) avviandosi dalla settima casella. Da segnalare che in fondo griglia sono finiti Tsunoda, l’altra Ferrari quella di Sainz e la Mercedes di Hamilton. Bottas e Magnussen -15 posizioni, Perez e Schumacher -10 posizioni, Ocon – 5 posizioni. Ovvio che la pole di Leclerc ha scatenato l’entusiasmo a Monza. Una Ferrari vestita con il giallo Modena sulla carrozzeria per festeggiare i 75 anni del Cavallino.Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

In occasione del Centenario a Monza ci sono il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che salutato tutti i team principali e anche le Frecce tricolori. A cantare l’inno d’Italia prima del via, Andrea Bocelli. A fare gli onori di casa il presidente dell’Aci, Sticchi Damiani. Fra i vip, il Principe Alberto di Monaco, la nuotatrice Federica Pellegrini, gli attori Hugh Grant e Liam Cunningham, il calciatore del Milan, Ibrahimovich, Stallone. A dare il via con la bandiera a scacchi Giacomo Agostini. 130 mila gli spettatori.Leclerc imbottigliato dalla safety car dietro Verstappen

Facebook Comments
Condividi