HomeSelfieLa lezione universale della democrazia inglese

La lezione universale della democrazia inglese

Londra cambia due Sovrani e due Primi Ministri in tre giorni. Con serenità e totale sincronia. La storia scorre sotto gli occhi del mondo e fa risplendere tutte le intatte potenzialità e il grande valore della trasparenza della antica e collaudata democrazia inglese.La lezione universale della democrazia inglese

La scomparsa di una Regina tanto longeva da impersonare l’esistenza di quasi 5 generazioni, rigenera la monarchia e nonostante i 70 anni intercorsi fa scattate una tradizionale manutenzione istituzionale simultanea che conferisce al Regno Unito e al Commonwealth il senso quasi trascendentale del valore culturale e politico aggiunto di un’Inghilterra che dopo avere dominato i mari e vinto tutte le guerre, si propone pacificamente come esempio di democrazia universale.

La lezione universale della democrazia inglese
Elisabetta II e Carlo III

Tradizione e perpetuazione del rispetto dei principi di libertà, del diritto e della giustizia hanno assunto nell’austero e solenne trapasso, umano e terreno prima ancora che di potere, fra la monumentale Elisabetta II e il figlio ed erede designato Re Carlo III, la valenza della storia allo specchio di una nazione guida ed esempio al cospetto del mondo intero del travaglio democratico e liberale.

La lezione universale della democrazia inglese
Proclamazione di Re Carlo III

Un esempio di libertà, amplificato e vivisezionato dai media e dal web, ma che in un modo o nell’altro tracima le censure e da Mosca a Pechino, da Teheran al Cairo a Pyongyang, rimbomba nei paesi oppressi e letteralmente massacrati dai regimi dittatoriali.

Ad un battito di ciglia, il cambio pagina dei Tg evidenzia gli anni luce di differenza e la tragicomica inconsistenza di alcuni leader della politica italiana, che si agitano fra ombre russe e scatole cinesi.  “Non chiedetemi dove andremo a finire perché già ci siamo” diceva Flaiano.

Eppure, invece di crogiolarsi nel pessimismo, pur con le differenze storiche e istituzionali, l’esempio inglese, i valori della Costituzione del nostro Paese e la semplice ma concreta partecipazione di tutti, consentirebbero una sana democrazia compiuta anche a Roma. Contano i fiori che sbocciano, non le foglie che cadono.La lezione universale della democrazia inglese

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3450 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3450 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS