HomeSelfieSi fa presto a dire vivere senza sopravvivere

Si fa presto a dire vivere senza sopravvivere

 

 

by Augusto Cavadi

Che significa per un essere umano “vivere”? Le risposte – ogni volta unica per ciascuno di noi – si lasciano distribuire su due versanti principali.

Per alcuni, infatti, la vita é uno scherzo del Destino (o del caso o di Dio) da accettare con paziente rassegnazione per ridurne al minimo gli inevitabili danni. Per altri, invece, di per sé la vita sarebbe un gioco da praticare con creatività: quasi una costruzione da mettere su, mattone dopo mattone.Si fa presto a dire vivere senza sopravvivere

Chi si riconosce in questo secondo scenario deve accertarsi che i mattoni necessari ci siano tutti: infatti si sostengono a vicenda e, se ne togliamo uno, l’intera costruzione crolla giù. Ma quali sono questi elementi indispensabili? Non è agevole identificarli esaurientemente. Un’elencazione, per quanto incompleta, non può non includere il desiderio di conoscere: che vita è la vita di chi non ha curiosità intellettuali, non ama ascoltare le storie raccontate dagli anziani del villaggio, non legge libri (se ne è in grado), non viaggia nello spazio e nel tempo? Altrettanto importante la cura della propria dimensione corporea : la sobrietà nell’uso dei cibi e delle bevande, la frequenza di spazi salubri, gli esami periodici preventivi.

Quante vite sono sfigurate dal pregiudizio cataro, gnostico, che “abbiamo” un corpo, non che lo “siamo”? Ancora: è essenziale una serenità economica equidistante dalla miseria come dall’accumulo di ricchezza al di sopra delle necessità personali e della propria cerchia familiare. La povertà rende indegna la vita quanto la “maledetta fame dell’oro” (Virgilio). Normalmente questa serenità economica è frutto del lavoro quotidiano che, se corrispondente alle proprie attitudini e inclinazioni, è irrinunziabile modalità di auto-realizzazione: davvero privilegiato chi, secondo il motto di Merleau-Ponty, è riuscito a fare della propria passione il proprio lavoro!

Una vita riuscita, almeno nei suoi tratti costitutivi, è la somma di tendenze apparentemente contrastanti: a gustare, nel silenzio, le ore di solitudine e a relazionarsi per il resto, a cerchi centrifughi, con il contesto sociale (le persone di cui ci si innamora, le altre con cui ci si lega di amicizia fedele, le altre ancora con cui si stabiliscono patti sapendo di poter contare abitualmente sulla reciproca affidabilità). Solitudine e relazione (non artificiosa, convenzionale) sono come la sistole e la diastole del cuore di ogni vita: quanti invalidi, a causa del blocco di questo movimento su uno dei due poli,  si aggirano per le strade del nostro mondo!Si fa presto a dire vivere senza sopravvivere

Quando un soggetto ha costruito l’esistenza con le tessere di questo mosaico e, tuttavia, mastica un retrogusto di amarezza, di insoddisfazione generale, farebbe bene ad ampliare l’orizzonte alla ricerca di tasselli mancanti. Forse non ha mai sperimentato la gioia del dono gratuito, senza previsione di ricambio da parte del donatario; ancor meno la serietà del per/dono nei confronti di chi lo ha offeso o tradito (e se ne è reso, con rammarico, conto). Forse è insensibile alla bellezza che incontra (naturale e artistica) né prova compassione per l’enorme sofferenza dei senzienti (umani inclusi), mentre al contrario prende troppo sul serio se stesso e i propri guai rivelandosi incapace di senso dell’umorismo, di distacco ironico. Troppo spesso ci si ferma a metà costruzione illudendosi che i mattoni assembrati possano risultare sufficienti ed esonerarci dal completare l’opera.

Talora anche le costruzioni più saggiamente costruite sono colpite da attacchi micidiali e tutto sembra disintegrarsi lasciando ferite laceranti: come si può sopravvivere agli orrori di una guerra, alla falcidia di un’epidemia, alla morte di un partner o di un figlio? Anche chi, per decenni, si è impegnato nel plasmare la propria vita secondo criteri giudiziosi può sentirsi risucchiare nel vortice del non-senso. E’ costretto a ritornare al punto di diramazione iniziale, all’opzione radicale di fondo: tutto ciò che é, che diviene, é impregnato di assurdo oppure, nonostante le chiazze impenetrabilmente oscure, il reale si va dipanando secondo una trama logica, intelligibile, sensata? Può darsi che l’alternativa, se posta con nettezza, sia illusoria.

Può darsi che l’universo – o almeno quella infinitesima parte dell’universo che abitiamo – sia potenzialmente tanto inferno opaco quanto paradiso ospitale; e che noi (come individui e come collettività) abbiamo la tremenda, affascinante, possibilità di forgiarlo in un modo o nell’altro.

Una simile ipotesi potrebbe affiancare, nell’operosa fatica contro ogni forma di dolore e di malizia, quanti ritenessero o che questa responsabilità sia stata assegnata da Altri oppure che sia maturata come frutto casuale di una cieca evoluzione cosmica.

Si fa presto a dire vivere senza sopravvivere

Facebook Comments
Augusto Cavadi
Augusto Cavadi
Giornalista pubblicista, Filosofo. Fondatore della Scuola di formazione etico-politica Giovanni Falcone di Palermo
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS