I segreti di Putin

0
1105
Condividi

 

segreti di putin

Dall’arruolamento nel Kgb, ai retroscena della fine dell’Unione Sovietica, alla Presidenza della Russia: tutto Putin raccontato da Vladimir Putin in prima persona in una inedita biografia scritta in presa diretta da Gennaro Sangiuliano, Vice Direttore del Tg1.  Il clamoroso scoop editoriale di Sangiuliano, edito da Mondadori  in italiano, russo e inglese, comparirà a novembre nelle librerie  col  titolo: “Putin. Vita di uno Zar”.

Gennaro Sangiuliano
Gennaro Sangiuliano

Autore di numerosi saggi e biografie di successo Gennaro Sangiuliano  ha recentemente pubblicato “Quarto Reich”, scritto con Vittorio Feltri,  la biografia di  Giuseppe Prezzolini  e “Scacco allo zar : 1908-1910. Lenin a Capri, genesi della rivoluzione”

i segreti di putin

Sono stati ripercorsi gli anni della giovinezza a Leningrado, l’inizio della carriera nella polizia segreta sovietica, il trasferimento con la famiglia a Dresda, gli esordi in politica grazie al Sindaco di Leningrado Anatoly Sobchak, le nomine a Premier  nel 1999 e a Presidente nel 2000. Il terzo mandato presidenziale iniziato nel 2012 , i rapporti con Silvio Berlusconi e i recenti sviluppi politici internazionali .i segreti di putin

                                                        Putin gioca con l’amatissimo labrador Koni

Molti i particolari poco conosciuti del Putin privato.  L’umile infanzia in una kommunalka, il nonno paterno cuoco in una dacia di Stalin, il padre sommergibilista, la madre operaia. Disoccupato dopo il rientro in patria dalla Germania il futuro leader russo stava per acquistare un’auto per fare il tassista, ma il casuale incontro col suo ex professore universitario Sobchak  impresse una svolta al destino. Prima del debutto in politica, in quella che ancora si chiamava Leningrado, Putin racconta di avere trascorso una vacanza in camper in Italia, con tappe a Milano, Firenze, Roma, Napoli e in  Sicilia.

i segreti di putin

Del tutto inedite anche le valutazioni delle cause dell’implosione del regime sovietico, che Putin attribuisce alla totale inadeguatezza dei piani quinquennali del sistema comunista rispetto all’economia di mercato,  e la minuziosa ricostruzione della riacquisizione  dell’immenso  patrimonio  energetico e  minerario  della  Russia, caduto in mano di oligarchi sfruttatori, perché Michail Gorbaciov e Boris Yeltsin ne avevano polverizzato la proprietà  suddividendo all’infinito le azioni e spedendole per posta a tutti i cittadini della Russia del dopo Urss.

 

Facebook Comments
Condividi