HomeRisvoltiIl caso Pinelli acuisce lo scontro fra toghe e politica

Il caso Pinelli acuisce lo scontro fra toghe e politica

A Palazzo dei Marescialli non c’è quiete neanche dopo la tempesta di polemiche, prese di posizione, precisazioni e smentite, seguite alle affermazioni del Vice Presidente del Csm Fabio Pinelli che ha puntato il dito sul marasma del caso Palamara della precedente consiliatura.

“Riferendomi alla scorsa consiliatura – ha precisato successivamente Pinelli – ho dato atto delle difficoltà da cui é stata travagliata, provocate da tentativi di interferenze esterne nel funzionamento dell’organo, che hanno condotto alle dimissioni di cinque consiglieri in carica. Tali traumatiche vicende hanno indotto alcuni commentatori addirittura ad ipotizzare lo scioglimento del Consiglio, ipotesi che ho ricordato ma mai condiviso né fatto mia.”Il caso Pinelli acuisce lo scontro fra toghe e politica

Una precisazione che nel the day after, invece di calmare le acque le ha ulteriormente agitate. Paradossalmente il vice Presidente del Csm é riuscito a mettere tutti d’accordo, ma contro di lui.

La critica più significativa, perché proveniente dalla maggioranza relativa dei consiglieri togati che lo hanno eletto, giunge da sei dei sette  esponenti di Magistratura Indipendente che preso atto non senza imbarazzo  “delle opportune precisazioni e puntualizzazioni che sono seguite da parte dello stesso vicepresidente” rimarcano come “sulle questioni istituzionali occorra equilibrio e ponderazione, nei toni come nei contenuti”.

Nella nota dei Consiglieri di Mi, firmata da Paola D’Ovidio, Edoardo Cilenti, Maria Vittoria Marchianò, Maria Luisa Mazzola, Bernadette Nicotra ed Eligio Paolini  viene sottolinato come ”il prestigio e la centralità dell’organo di governo autonomo della magistratura si difendono dimostrando, nelle scelte concrete, che l’unico criterio guida é l’interesse delle istituzioni e della giurisdizione. A questo principio – aggiungono i Consiglieri di Mi – é informata la nostra attività quotidiana ed è così che intendiamo tutelare l’istituzione consiliare, nella consapevolezza della enorme responsabilità che grava su ciascuno di noi nonché nella doverosa distanza da posizioni facilmente strumentalizzabili per fini diversi da quelli strettamente istituzionali. Vogliamo infine esprimere – concludono i togati di Mi  – il massimo rispetto e apprezzamento per il lavoro svolto in condizioni difficili da chi ci ha preceduto nel governo autonomo della magistratura”.

Alla tirata d’orecchie dei consiglieri in carica di Magistratura Indipendente é seguita quella più piccata dei Consiglieri uscenti di Mi, tutti protagonisti di primo piano del Csm messo all’indice da Pinelli.

“Ci spiace che l’attuale vicepresidente continui a ricordare solo i momenti difficili della scorsa consiliatura, senza dare atto né del lavoro svolto, né del suo contributo per la tenuta dell’Istituzione” dichiarano la neo eletta Presidente di Mi Loredana Micciché, Antonio D’Amato, Paola Maria Braggion e Maria Tiziana Balduini, che tra il 2018 e il 2022, sono stati togati al Csm. “La scorsa consiliatura – aggiungono -ha lavorato moltissimo, ha introdotto prassi virtuose, a partire dalla trattazione delle nomine in ordine cronologico, ha gestito l’emergenza pandemica negli uffici, ha subito ed ha resistito ai tentativi di condizionamento della politica. Sono stati realizzati importanti interventi in materia ordinamentale riguardati le circolari sull’organizzazione degli uffici giudicanti e requirenti, sulla conferma dei dirigenti, sulla mobilità e sulle assenze dei magistrati.”

La doppia presa di posizione degli attuali e dei precedenti togati di Magistratura Indipendente, evidenzia la delicata sovraesposizione della componente moderata all’interno dell’Associazione Nazionale Magistrati a causa delle affermazioni di Pinelli.

Alle firme della nota di Mi manca infatti quella del Consigliere Dario Scaletta che ha scelto di firmare il comunicato molto più critico della maggioranza dei consiglieri togati del Plenum facenti capo ad Area, Unicost e Md.

“Non sappiamo – affermano Francesca Abenavoli, Marcello Basilico, Marco Bisogni, Maurizio Carbone, Genantonio Chiarelli, Antonello Cosentino, Roberto D’Auria, Roberto Fontana, Michele Forziati, Antonino Laganà, Domenica Miele, Tullio Morelli e Dario Scaletta – su quali basi fattuali e giuridiche il vice presidente fondi le sue discutibili affermazioni. È certo che noi non le condividiamo minimamente, né in relazione alla lettura del ruolo costituzionale del Csm che esse sottendono, né in relazione al giudizio sull’operato dello scorso Consiglio, che ha dovuto affrontare gravi e delicate vicende mantenendosi sempre nei limiti delle proprie prerogative”.  Il comunicato non é stato firmato invece dal togato indipendente Andrea Mirenda e dai Consiglieri laici.

Il caso Pinelli acuisce lo scontro fra toghe e politica
Davide Ermini

Nel gelido silenzio del Quirinale, lambito indirettamente dalle polemiche provocate da Pinelli, affermazioni stigmatizzate dall’ex Vice Presidente Davide Ermini: “Incredibile che una carica istituzionale parli così”,  si attende lo show down dell’Assemblea generale dell’Associazione Nazionale Magistrati convocata per il fine settimana. Con il caso Pinelli che contenderà a vari altri vulnus, il primato dello scontro fra politica e magistratura che rischia di incrinare i rapporti costituzionali fra le istituzioni.Il caso Pinelli acuisce lo scontro fra toghe e politica

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3524 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3524 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
43 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
18 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS