HomePagineIpotesi per il 2024: perché non uscire dall’isolamento?

Ipotesi per il 2024: perché non uscire dall’isolamento?

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

I cardini del pensiero Socrate Buddha Confucio Gesù

by Augusto Cavadi

E’ il momento degli auguri. Più o meno implicitamente, ci auguriamo un anno migliore. Per i più spericolati, addirittura felice. Ma la felicità, se capita, dura minuti. Al massimo, potremmo sperare in una sorta di equivalente funzionale etichettabile come serenità. A che condizioni?Ipotesi per il 2024: perché non uscire dall’isolamento?

Innanzitutto in un contesto storico-sociale senza epidemie, senza degrado ambientale, senza guerre. Insomma, molto differente dal nostro attuale. Ammesso, molto utopisticamente, che – sia pur a piccoli passi – l’umanità si avvicini a uno stadio di egoismo intelligente e riduca il livello medio di sofferenze superflue, spetta poi a ogni singolo soggetto giocarsi bene le sue carte.

Spigolando fra le pagine dell’intrigante (anche perché opinabile) volume di Yuval Noah Harari, Sapiens. Da animali a dèi, Bompiani, direi che le mosse, possibili e necessarie, siano quattro o cinque:

a) smontare alcuni luoghi comuni: la salute e il denaro sono ingredienti indispensabili per lo stato di benessere interiore, ma solo sino a un certo livello (oltre il quale diventano irrilevanti). Infatti, “se sei una madre americana single che guadagna 12.000 dollari l’anno facendo pulizie nelle case e improvvisamente vinci 500.000 dollari alla lotteria, sperimenterai probabilmente un aumento significativo e duraturo del tuo benessere soggettivo. Sarai in grado di nutrire e vestire i tuoi bambini senza più affondare nei debiti. Tuttavia, se sei un top manager che guadagna 250.000 dollari l’anno e vinci un milione di dollari alla lotteria” è “probabile che la tua crescita di benessere soggettivo duri soltanto qualche settimana” (p. 474).Ipotesi per il 2024: perché non uscire dall’isolamento?

b)Controllare le proprie aspettative: se desideri acquistare un’utilitaria e ci riesci, sarai molto contento; ma se desideri possedere “una Ferrari fiammante e riesci a procurarti solo una Fiat di seconda mano, ti senti frustrato” (p. 476) per il resto della vita. Sino a quando la tua felicità sarà “determinata dalle aspettative, i due pilastri della nostra società – i mass media e l’industria pubblicitaria – ” (p. 477) possono rendertela perennemente irraggiungibile.

c) Sperimentare delle relazioni amicali autentiche, specie all’interno di comunità senza guru né dogmi né codici dettagliati. Infatti, “la famiglia e la comunità sembrano avere un impatto maggiore sulla nostra felicità rispetto al denaro e alla salute. Le persone che “vivono in comunità coese e solidali sono significativamente più felici delle persone” che “non hanno mai trovato (o mai cercato) una comunità di cui sentirsi parte” (p. 475).

Ipotesi per il 2024: perché non uscire dall’isolamento?
Yuval Noah Harari

d) Trovare, o ritenere di aver trovato, un senso della vita. Secondo alcuni studi di psicologia e di economia, la felicità non è data da “una prevalenza di momenti piacevoli rispetto a quelli spiacevoli”, “consiste piuttosto nel percepire la propria esistenza nella sua interezza come qualcosa di importante e di valido” : “una vita che abbia senso può essere molto soddisfacente anche in mezzo alle difficoltà, mentre una vita senza senso è un travaglio terribile, per quanto confortevole sia” (p. 485).

e) Cercare la compagnia di chi lotta contro i mali oggettivi della storia. Quest’ultima indicazione  non l’ho trovata in Harari, ma nel nostro poeta Gianni Rodari. A chi gli chiese cosa fosse a suo parere la felicità, rispose che non potesse consistere in qualche fattore che “ci costringa ad essere sempre allegri e soddisfatti (e un po’ stupidi) come una gallina che si è riempita il gozzo. Forse la felicità sta nel fare le cose che possono arricchire la vita di tutti gli uomini; nell’essere in armonia con coloro che vogliono e fanno le cose giuste e necessarie. E allora la felicità non è semplice e facile come una canzonetta: è una lotta” (Il libro dei perché, Editori Riuniti, Roma 1984).

L’augurio più serio per il 2024 che ognuno potrebbe fare a se stesso, dunque in silenzio, sarebbe dunque decidere di uscire dalla bolla dell’isolamento sostanziale (talora mascherato da una fitta rete di rapporti sociali ipocriti) e cercare nella propria città la complicità attiva con qualcuno impegnato a fare cose giuste e belle.Ipotesi per il 2024: perché non uscire dall’isolamento?

 

 

 

Facebook Comments
Augusto Cavadi
Augusto Cavadi
Giornalista pubblicista, Filosofo. Fondatore della Scuola di formazione etico-politica Giovanni Falcone di Palermo
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3436 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3436 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS