HomeRisvoltiLa Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò

La Chiesa di Papa Francesco sull’orlo del boomerang Viganò

Più rabbia che caldo. Il Vaticano é un vulcano di commenti a dir poco negativi. La messa in stato d’accusa di Mons. Carlo Maria Viganò, ex Nunzio apostolico negli Stati Uniti, viene ritenuta un colossale boomerang o, peggio, un tirarsi la zappa sui piedi.

La Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò
Mons. Carlo Maria Viganò

Nelle stanze  della Segreteria di Stato, dove il tempo si misura in secoli, e in pectore da diversi Cardinali e Vescovi italiani o sparsi per mondo, lo sgomento viene espresso alzando gli occhi al cielo.

Secondo la nomenclatura vaticana, l’intervento dell’ex Sant’Uffizio col piglio dell’Inquisizione spagnola, lancia Viganò al culmine di una notorietà mondiale che amplificherà all’infinito le sue deliranti prese di posizioni, che erano già confinate nell’oblio.

Un gigantesco errore di valutazione ecclesiale e di comunicazione, che fa riprecipitare la Chiesa nei secoli bui di Giordano Bruno e di Torquemada.La Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò

E più andrà avanti l’inutile e talmente antistorico da sconfinare nel ridicolo, “processo” contro l’83 enne Arcivescovo ormai pensionato, più la valanga mediatica e le perplessità dell’opinione pubblica internazionale si abbatteranno su Papa Francesco e la Santa Sede.

Fra le mura leonine, le gerarchie non sanno più letteralmente a che Santo votarsi e sottolineano come dall’inizio dell’anno l’86ienne Pontefice é stato protagonista di una serie di prese di posizione e affermazioni che hanno provocato dei veri e propri sconquassi non soltanto mediatici, ma anche diplomatici.

Come quando a marzo, a proposito dell’Ucraina, dichiarò testualmente alla televisione Svizzera, “quando vedi che sei sconfitto, che le cose non vanno, occorre avere il coraggio di negoziare”.

Un invito a sventolare bandiera bianca che indignò mezzo mondo, quello delle democrazie occidentali, e fece applaudire tutte le dittature solidali con Putin.La Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò

Ancora più clamorosa la gaffe di maggio sui gay nei seminari, della quale ancora non si intravede la fine dell’onda lunga delle reazioni che scuotono la Chiesa dall’interno e dall’esterno.

Una presa di posizione che ha fatto tornare alla ribalta non soltanto il libro inchiesta dello scrittore francese Frederic Martell “Sodoma”, secondo il quale 8 preti su 10 sarebbero omosessuali, ma anche le stesse accuse di Viganò che a più riprese aveva puntato il dito contro il Vaticano per non aver fatto niente per rimuovere né la lobby gay né l’ex cardinale americano McCarrick, accusato di avere abusato numerosi seminaristi e che solo dopo l’elezione al Soglio di Pietro di Papa Francesco é stato punito e ridotto personalmente dal Pontefice allo stato laicale.La Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò

Valanghe continue di polemiche e recriminazioni, tuttavia placate dal carismatico intervento di Bergoglio al G7 dell’inizio di giugno in Puglia, accanto ai maggiori leader mondiali.

Tutto vanificato dall’incriminazione addirittura per “scisma” ed “eresia” di Viganò. Concetti rimossi dalla coscienza storica e culturale dell’Europa, epicentro per secoli di guerre di religione e roghi di eretici, difficilmente spiegabili alle generazioni post conciliari senza contraddire l’attualità della libertà di pensiero e dell’evoluzione digitale.

Il processo ai deliri contro il Concilio e a favore dei no vax, gli osanna all’ultraconservatore e scomunicato Vescovo Marcel Lefebvre ed a favore di Mosca, non fa altro che diffondere in maniera esponenziale le false e livorose accuse dell’ex nunzio per il quale – sostengono sommessamente gli ambienti della Segreteria di Stato – sarebbe bastato attendere il decorso del tempo e la pietra tombale del silenzio.

La Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò
Mons. Viganò e Papa Francesco

Una lapide trasformata invece in una diabolica epopea di calunnie, mistificazioni, malvagità conservatrici di quella parte della Chiesa rivolta esclusivamente verso il passato perché incapace di guardare con lo spirito autentico del Vangelo e del messaggio cristiano all’oggi e soprattutto al domani dell’umanità.

Un tramonto dai riflessi gesuitici che rischia di vanificare gli effetti positivi di un pontificato innovatore, ma che non fa uscire la Chiesa dal guado della mancata modernizzazione e dell’adeguamento teologale globale.La Chiesa di Papa Francesco sull'orlo del boomerang Viganò

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS