La deriva dell’aborto dei diritti della Corte Suprema

0
947
La deriva dell’aborto dei diritti della Corte Suprema
Condividi

Pubblichiamo la sintesi del reportage del Washington Post che evidenzia tutti i risvolti della dirompente sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha cancellato il diritto all’aborto e gli inediti rischi  per la stabilità istituzionale Usa che comporta la linea ultraconservatrice della maggioranza dei giudici della Corte nominati da Trump e dai repubblicani.La deriva dell’aborto dei diritti della Corte Suprema

La deriva dell’aborto dei diritti della Corte SupremaIn uno sconsiderato impeto di attivismo giudiziario che risuonerà per generazioni, il 24 giugno la Corte Suprema ha ribaltato la cosiddetta Roe versus Wade, la precedente sentenza di mezzo secolo addietro che sanciva il diritto costituzionale all’aborto. Una decisione talmente dirompente che é perfino difficile prevedere tutte le conseguenze a cascata di una sentenza sbagliata, radicale e pericolosa non solo per chiunque possa rimanere incinta. Una maggioranza di 5 contro 4 ha spinto il paese e la Corte stessa in una nuova era pericolosa, quella in cui la Corte Suprema non ha più il ruolo di difensore dei diritti personali fondamentali.

Nella motivazione della loro sentenza, i giudici Samuel Alito, Amy Coney Barrett, Neil Gorsuch, Brett Kavanaugh e Clarence Thomas hanno minimizzato il significato esistenziale della gravidanza per la vita delle donne. “I tentativi di giustificare l’aborto attraverso appelli a un più ampio diritto all’autonomia”, ha scritto il giudice Alito, “potrebbero concedere in licenza i diritti fondamentali all’uso illecito di droghe, alla prostituzione e simili”.

La deriva dell’aborto dei diritti della Corte Suprema
I componenti della Corte Suprema degli Stati Uniti

In effetti, l’interruzione di gravidanza non è niente di tutto ciò. È una decisione intima con pochi, se non nessuno, parallelismi: un ordine costituzionale che premia la dignità personale e l’autonomia richiede che gli individui siano in grado di prendere se stessi.

In parte perché gli americani si affidano alle sentenze della Corte Suprema per prendere decisioni e pianificare il futuro, ribaltare un precedente dell’epoca e del significato di Roe dovrebbe essere fatto solo in circostanze eccezionali, ovvero se la decisione fosse palesemente errata. Non era ovviamente il caso di Roe , che il tribunale aveva precedentemente esaminato e accolto e che trovava le sue basi nel semplice concetto che un governo impegnato nel rispetto delle libertà fondamentali deve porre un alto premio alla prerogativa dei singoli di rendere personali le scelte intime. Né Roe era al di fuori della corrente principale dei valori americani, con i sondaggi che mostravano un’ampia accettazione popolare della sentenza prima che i giudici la sviscerassero.

Anche se i giudici non hanno trovato convincenti tutti i ragionamenti di Roe, il Presidente John Roberts ha sottolineato che la Corte non aveva bisogno di andare così lontano. Il caso riguardava il divieto di abortire da parte del Mississippi dopo 15 settimane. Roberts avrebbe confermato il divieto perché lasciava comunque alle donne “una ragionevole opportunità di scegliere” se procedere con la gravidanza. Una simile valutazione avrebbe modificato, non cancellato, Roe che rappresentava la garanzia di lunga data che le persone incinte devono poter esercitare un certo grado di libero giudizio sull’opportunità di portare a termine la gravidanza. “Sicuramente dovremmo aderire strettamente ai principi della moderazione giudiziaria qui, dove il percorso più ampio scelto dalla Corte comporta il ripudio di un diritto costituzionale che non solo abbiamo precedentemente riconosciuto, ma anche espressamente riaffermato applicando la dottrina dello stare decisis ” (rimanere su quanto deciso), ha scritto il giudice Roberts. Cinque giudici hanno invece ignorato le sue suppliche, ribaltando Roe non perché il caso davanti a loro lo richiedesse, ma perché lo volevano.

Le prime vittime saranno le donne americane che sono incinte o che potrebbero rimanere incinte. L’aborto diventerà automaticamente illegale in 13 stati. I procuratori generali di stato in Alabama, Louisiana e Oklahoma hanno annunciato poco dopo la sentenza che i divieti di aborto nei loro stati sono ora in vigore. Il governatore del South Dakota Kristi L. Noem (R) ha annunciato una sessione speciale della legislatura statale.John Roberts

Ma arriverà sicuramente un’ondata di ulteriori restrizioni. Per abortire le donne potrebbero recarsi negli Stati che non lo vietano. Ma i poveri spesso non hanno tale opportunità e i legislatori statali conservatori stanno escogitando modi per frenare la pratica per tutti i loro residenti. Gli aborti illegali e potenzialmente pericolosi potrebbero proliferare. Gli Stati potrebbero anche vietare altre pratiche riproduttive, come la fecondazione in vitro o l’uso di dispositivi intrauterini.

Inoltre, come hanno notato in dissenso i giudici Stephen Breyer, Elena Kagan e Sonia Sotomayor, la sentenza della Corte consente al Congresso di vietare l’aborto in tutto il paese, anche in caso di stupro o incesto. Ciò diventerà una feroce guerra legislativa intestina che, date le giuste circostanze politiche, potrebbe sfociare nella riduzione globale dei diritti che dovrebbero essere considerati fondamentali. Questa prospettiva contraddice l’insistenza della maggioranza che sta semplicemente restituendo la questione dell’aborto agli Stati.

L’ attacco della Corte al diritto all’aborto solleva interrogativi sul futuro di altre garanzie legali, tra cui il matrimonio tra persone dello stesso sesso, l’accesso alla contraccezione e persino il matrimonio interrazziale. Queste garanzie si basano su concetti di diritti individuali del tipo che la maggioranza del tribunale ha ora ignorato.

In pratica, è improbabile che il tribunale li annulli tutti. Il giudice Kavanaugh ha sottolineato che questa sentenza non interferisce con altri precedenti correlati. Ma la maggioranza non è riuscita a spiegare in modo credibile perché il ragionamento sull’aborto non possa essere applicato per minacciare questi risultati storici, osservando semplicemente che non implicano questioni morali sulla “vita potenziale”. Vero, ma alcuni stati hanno affermato di avere profondi interessi morali nel proibire il matrimonio tra persone dello stesso sesso, interessi che i giudici che hanno dissentito dalle recenti decisioni a sostegno dei diritti delle persone LGBTQ, alcuni dei quali costituivano la maggioranza anti- uova di uova di venerdì , avrebbero senza dubbio trovato avvincenti . La maggioranza della corte ha offerto agli americani poco più di una debole promessa che lascerà intatti questi diritti.

L’ultima vittima è la Corte Suprema stessa. In un colpo solo, una maggioranza sconsiderata ha fatto di più per destabilizzare la credibilità della Corte che in qualsiasi altra azione intrapresa in tempi moderni. Fondamentale per il suo posto nella società americana è l’idea che i giudici non siano più che semplici politici in toga,  ma che si impegnino a interpretare coscienziosamente la legge, in relazione al testo, alla tradizione, alla storia, alla logica, alla moderazione giudiziaria e alla pratica comune, piuttosto che imporre le proprie preferenze politiche o ideologiche il più rapidamente e per quanto possibile. In gran parte del paese, questa immagine sarà ora in frantumi. Così come avverrà per le aspettative degli americani di poter contare sulla certezza del diritto.

La sentenza che ha cancellato l’aborto rappresenta un altro promemoria per un paese che non può più dare per scontate le libertà di cui attualmente godono. Le loro decisioni, in particolare quelle riguardanti il diritto di voto e la partecipazione alle votazioni, possono avere conseguenze dirette, drammatiche e negative per le loro vite. Una crociata conservatrice decennale per annullare i diritti federali all’aborto è ora riuscita, perché i repubblicani del Senato hanno abilmente nominato componenti della Corte che si sono rivelati disastrosamente intemperanti. Questo tragico momento dovrebbe risvegliare gli americani alla realtà: devono difendere i propri diritti, o rischiano di perderli.La deriva dell’aborto dei diritti della Corte Suprema

Facebook Comments
Condividi