La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

0
532
La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto
Condividi

Pubblichiamo l’analisi dell’editorialista del Washington Post George F. Will sulla priorità di una eventuale Presidenza Biden: ripristinare la fiducia del mondo nei confronti degli Usa

La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

Il coronavirus ha ricordato agli americani qualcosa che non dovrebbe essere ricordato a un popolo maturo: i governi non possono scegliere le proprie priorità e preoccupazioni.

Ma le forze e gli eventi oltre le coste degli Stati Uniti potrebbero mettere gravemente e immediatamente alla prova un’amministrazione Biden.La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

La Russia è fatiscente e in declino: in un sondaggio del 2019 , il 53% dei russi di età compresa tra i 18 ei 24 anni ha dichiarato di voler emigrare. Tuttavia, la Russia sta rivedendo la mappa dell’Europa smembrando la sua nazione geograficamente più grande , l’Ucraina.

Nel suo libro ” Atomic Spy: The Dark Lives of Klaus Fuchs “, ( La spia atomica: l’oscura vita di Klaus Fuchs) Nancy Thorndike Greenspan osserva che quando Fuchs, lo scienziato che ha spiato per la Russia, con enormi conseguenze, all’interno del Progetto Manhattan, è morto nella Germania dell’Est nel 1988, nessun sovietico anziano funzionario ha partecipato al suo funerale.La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

Ma un funzionario del KGB di 35 anni di stanza a Dresda lo ha fatto: il duraturo rancore anti-occidentale di Vladimir Putin precede gli eventi che, un anno dopo il funerale di Fuchs, hanno dato inizio alla radicale diminuzione della Russia.

La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto
Xi Jinping e Vladimir Putin

Il presidente cinese Xi Jinping, convinto che gli Stati Uniti siano molto in ribasso, sembra impaziente non solo di “finlandizzare” Taiwan – per renderla conforme, come l’Unione Sovietica ha tentato di fare la Finlandia – ma di sottoporre la ” provincia rinnegata ” all’intensificarsi del totalitarismo di Pechino .

Sarebbe preferibile un’amministrazione Biden o Trump se, nel 2021, la Cina, la cui crescente aggressività si manifesta dal Mar Cinese Meridionale ed al confine himalayano con l’India, conquistasse una delle isole vicine di Taiwan ?La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

In Germania, che ha la quarta economia più grande del mondo, a maggio è stato pubblicato un sondaggio su chi fra  Stati Uniti o Cina fosse il partner più importante della Germania: il 37% ha indicato gli Stati Uniti, il 36% la Cina. Il sondaggio della stessa organizzazione del settembre 2019 aveva mostrato un vantaggio statunitense di 27 punti. Tra i tedeschi di età compresa tra i 18 e i 34 anni, la Cina è stata preferita a maggio fra il  35% ed il 46%. Il sondaggio evidenzia che il precipitoso declino del rispetto per gli Stati Uniti è in gran parte anteriore alla risposta inciampante degli Usa alla pandemia.

In un sondaggio di aprile che chiedeva agli italiani se preferissero stretti legami con la Cina o con gli Stati Uniti, la Cina è stata preferita dal 36% rispetto al 30 per cento.

I cambiamenti europei verso la Cina si sono verificati nonostante  le ricorrenti notizie sui campi di concentramento cinesi che facilitano il genocidio culturale contro oltre 1 milione di Uiguri .

Un sondaggio di maggio in Gran Bretagna ha mostrato che solo il 28% si fida degli Stati Uniti per agire in modo responsabile nel mondo, un calo di 13 punti da gennaio.

Affidare la politica estera degli Stati Uniti a una persona storicamente analfabeta, disinformata, irregolare e impulsiva ha avuto delle conseguenze.La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

Il presidente Trump, come il coronavirus, è stato un acceleratore di alcune tendenze che preesistevano allo scoppio di lui e alle dinamiche globali. Ma quello che l’Economist chiama Trump “ arricciatura & servilismo” verso Xi  (la “ più grande leader della storia cinese ”) è stato inutile.

Il tenente generale in pensione McMaster, che per 13 mesi è stato Consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, teme che “l’eccessivo ottimismo che ha animato la politica estera degli Stati Uniti negli anni ’90” abbia prodotto una delusione che è diventata una “sindrome da ridimensionamento” e ricapitola il “ritorno a casa, America”. ”Impulso durante l’agonia del Vietnam della nazione. Ricorda l’ osservazione dello storico C.Vann Woodward del 1960 secondo cui le nuove tecnologie – ad esempio, aerei a reazione e missili balistici, inclusi quelli trasportati da sottomarini nucleari – pose fine all ‘”era di sicurezza libera” del paese. Sei decenni dopo, con il prestigio e l’influenza degli Stati Uniti al suo nadir successivo al 1945, la sicurezza non è né gratuita né sicura.La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

Robert D. Kaplan di Eurasia Group osserva : “Innegabilmente, i nostri Presidenti del dopo Guerra Fredda sono stati drammaticamente inferiori ai nostri presidenti della Guerra Fredda” – Harry Truman a confronto con George W Bush – “in termini di pensiero strategico sugli affari esteri”. Oggi, durante le isterie incubate nei campus, Kaplan avverte:

“Non si dovrebbero mai dimenticare queste righe di Solzenicyn:” I bambini idolatrati disprezzano i loro genitori e quando diventano un po’ più grandi fanno i prepotenti con i loro connazionali “. . .  I cinesi sono istruiti nell’orgoglio nazionale, sempre più l’opposto di ciò che accade nelle nostre scuole e università “.

Una nazione che nutre élite che sono nel migliore dei casi ambivalenti sulla loro nazione non avrà sufficiente fiducia per ispirare, o meritare, la fiducia di altre nazioni.

Victoria Nuland, ex assistente segretario di stato per gli affari europei ed eurasiatici, ricorda il “Long Telegram” di George Kennan del 1946, in cui affermava che l’opposizione all’allora emergente minaccia sovietica “dipende molto dalla salute e dal vigore della nostra società. . ” Nuland aggiunge: “Il primo ordine del giorno è ripristinare l’unità e la fiducia delle alleanze statunitensi in Europa e in Asia”.

La considerazione principale degli elettori quest’anno dovrebbe essere quale candidato presidenziale è più propenso a realizzare le raccomandazioni di Nuland. Sebbene la vita sia piena di emergenze, questa è una delle principali.La fiducia negli Usa priorità di Biden se sarà eletto

Facebook Comments
Condividi