L’inferno dei Tokai i bimbi di strada del Bangladesh

0
468
L'inferno dei Tokai i bimbi di strada del Bangladesh
Condividi

Cuore & Batticuore
Rubrica settimanale di posta Storie di vita e vicende vissuteLe riflessioni di Mirella: attenzione a chi evitare

by Luigi Di Salvo*

Questa storia inizia nel 2011, quando mi sono recato per la prima volta in Bangladesh come farmacista ospedaliero, per una missione sanitaria umanitaria, insieme a un gruppo di chirurghi, anestesisti e infermieri, presso il Saint Mary Hospital di Mymensingh.

In quell’occasione ho conosciuto Padre Riccardo Tobanelli che coordinava l’accettazione dei pazienti che venivano selezionati per gravità dallo staff medico per essere successivamente sottoposti a intervento chirurgico.

Il missionario saveriano Padre Riccardo Tobanelli

Oltre a dedicarsi all’organizzazione dei vari gruppi sanitari italiani che si alternavano, Padre Riccardo aveva dedicato il suo impegno nella ricerca dei bambini di strada chiamati Tokai, che in Bangladesh sono piuttosto numerosi e che vivono ai margini della società e sono costretti a lavorare nella discarica di Dhaka per i rigattieri, accontentandosi di esistere in uno stato di precarietà difficilmente descrivibile.

Nel 2011 Padre Riccardo gestiva già una Tokai House che ospitava circa trenta bambini nella periferia di Dhaka, ma avendo percepito l’entità del problema, si era attivato per acquistare un terreno e costruire una casa più grande capace di ospitare più bambini. Stabilirne il numero è impossibile perché la popolazione aumenta di continuo, solo nell’ultimo mese se ne sono aggiunti otto.

Padre Riccardo è riuscito a fare queste cose grazie all’aiuto di organizzazioni no profit che finanziavano le missioni sanitarie e a quello dei diversi italiani residenti a Dhaka, imprenditori, dipendenti dell’Ambasciata Italiana, della FAO e altri.

Nella trasferta del 2013, al rientro a Dhaka, da dove saremmo ripartiti per l’Italia, ho voluto visitare di persona la discarica della megalopoli. Sono riuscito a entrare solo per 10 minuti e ho conosciuto i potenziali ospiti della Tokai House di Padre Riccardo. Insieme a loro mi sono addentrato tra i rifiuti e ho percepito tutta la violenza di quelle condizioni di lavoro.L'inferno dei Tokai i bimbi di strada del Bangladesh

Padre Riccardo muore nel giugno 2021 e le due Tokai House, di Khulna e Dhaka, si ritrovano improvvisamente senza la guida di una persona capace di trovare i fondi per garantire a questi bambini una vita degna di un essere umano. Nella Tokai house i bambini trovano da mangiare, da vestire e da dormire, ma a una condizione: devono andare a scuola.

I confratelli Saveriani, che è l’ordine al quale apparteneva Padre Riccardo, si ritrovano così a dovere mantenere la funzionalità delle due Tokai House, senza l’apporto di chi aveva anche buone capacità manageriali e quindi si ritrovano in una condizione di grande difficoltà.

Io non ho mai dimenticato quei bambini e al primo grido di allarme di Padre Pier Lupi che adesso vive in Bangladesh e coordina le attività dei Saveriani, mi sono attivato senza esitazioni, per garantire un futuro a questi bambini sfortunati, ma pensando anche di liberarne qualcuno. Liberarli da questa strana forma di schiavitù alla quale sono condannati per debiti, se vogliamo minimi. I Tokai infatti, lavorano nella discarica cercando tra i rifiuti che si possono riciclare e che a fine giornata consegnano al rigattiere che li ospita e gli dà il cibo per sopravvivere. Ma poiché vitto e alloggio ha un costo, se i bambini non portano prodotti il cui valore raggiunge le spese del rigattiere, aumenta il loro debito. Per questo motivo possono essere considerati schiavi.L'inferno dei Tokai i bimbi di strada del Bangladesh

Fra le altre iniziative ho pensato di contribuire con la pubblicazione del libro fotografico “Tokai” di Pierpaolo Mittica fotografo di fama internazionale e destinare i proventi della vendita del volume, acquistabile soltanto on line (info@torridelventoedizioni.it), come primo passo per iniziare una raccolta fondi da inviare ai Padri Saveriani che vivono in Bangladesh. Nel contempo stiamo costituendo una associazione no profit, dedicata non solo al Bangladesh, ma a tutti i bambini del mondo che vivono in uno stato di povertà insopportabile. Quasi Certamente l’associazione si chiamerà o semplicemente Tokai o Tokai International e sarà costituita se tutto va bene entro l’anno corrente.

L'inferno dei Tokai i bimbi di strada del Bangladesh

*Luigi Di Salvo, Farmacista ed Editore delle edizioni “Torri del Vento”

Facebook Comments
Condividi