New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream

0
388
New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream
Condividi

Pubblichiamo l’articolo del Washington Post che delinea speranze, difficoltà e concrete prospettive dell’amministrazione Biden. Il Presidente eletto si appresta, quanto meno, a ripristinare il ruolo, le  potenzialità e l’incidenza degli Stati Uniti nell’economia e nella politica internazionale. Ma la strada per un new deal appare in salita.New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream

New Deal versione Biden per rilanciare l’american dreamDopo le ambiziose promesse della campagna, Biden deve affrontare un duro lavoro di governo. Il presidente eletto ha condotto una campagna su una piattaforma politica liberale, che prevede  “cambiamenti istituzionali rivoluzionari” e 7 trilioni di dollari di nuove spese per rifare l’economia americana definendosi un moderno Franklin Delano Roosevelt.

Eppure la vittoria decisiva di Biden tanto nel collegio elettorale quanto nel voto popolare nazionale, con oltre 5 milioni di preferenze in più e la conquista di cinque stati precedentemente repubblicani, è arrivata senza quell’incidenza di consensi che lo avrebbe aiutato a portare a termine i suoi ambiziosi piani. Invece, il paese sembra aver rifiutato tanto Trump quanto l’idea del controllo democratico, con la revisione della politica liberale che avrebbe portato, costringendo il Presidente eletto a una rapida ricalibrazione di ciò che rimane possibile.New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream

Gli alleati di Biden affermano che la piattaforma su cui ha condotto la campagna non dovrebbe essere messa in discussione anche perché mantiene la capacità di governare attraverso l’azione esecutiva, come hanno fatto Trump e il Presidente Barack Obama. E a seconda di ciò che accadrà nei prossimi mesi, si aspettano un minimo di tentativi per elaborare una legislazione all’inizio del prossimo anno sulla risposta e sulle infrastrutture del coronavirus .

Due ballottaggi in Georgia il 5 gennaio determineranno il controllo del Senato degli Stati Uniti. Le vittorie dei candidati repubblicani potrebbero compromettere molte delle massime priorità di Biden. L’espansione di Medicare, una riforma globale dell’immigrazione, l’abrogazione dei tagli alle tasse per i ricchi decise da Trump e le mosse audaci verso un’economia a emissioni zero  dovrebbero fare i conti con la formidabile barriera di un Senato guidato dal leader della maggioranza, il repubblicano Mitch McConnell.

New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream
Mitch McConnell

“Nessun Green New Deal passerà per McConnell. Non c’è Medicare-for-all che passa per McConnell. Non ci sono tasse universitarie gratuite che passano da un Senato guidato da McConnell “, ha detto Ed Rendell, l’ex governatore della Pennsylvania e alleato di Biden. “Non ci sarà nessun New Deal in stile Roosevelt.”

La maggioranza democratica alla Camera, allo stesso tempo, si è ridotta a un margine pericoloso, rendendo i repubblicani ottimisti su un’acquisizione alle elezioni di medio termine del 2022 e allungando ulteriormente le probabilità di vittorie legislative per il nuovo Presidente.

Il risultato è un test sia per Biden, che ha abbracciato a lungo moderazione e accordi, sia per il Partito Democratico ideologicamente diviso che guida, che è passato quasi un decennio senza il controllo unificato di entrambe le estremità di Pennsylvania Avenue.Biden alla soglia della Casa BiNew Deal versione Biden per rilanciare l’american dream

Dovrà decidere se affrontare l’ala liberale del suo partito, che ha corteggiato durante la campagna elettorale, ma il cui abbraccio del termine “socialismo” e slogan come “defund the police”, sconfiggere la polizia, ha aiutato i repubblicani il giorno delle elezioni, o in qualche modo potrebbe unificare il partito contro i repubblicani euforici per i loro successi. A complicare ulteriormente le cose Trump  ha prospettato di candidarsi di nuovo nel 2024 e, come minimo, potrebbe schierare contro Biden i milioni che lo hanno votato.

I consulenti della transizione presidenziale hanno pianificato su più binari, con scenari diversi a seconda dei ballottaggi in Georgia, dove i repubblicani hanno vinto tutte le gare in tutto lo stato dal 2004 ad eccezione delle presidenziali, dove Biden ha conquistato un vantaggio dello 0,3%.

Oltre a una serie di ordini esecutivi del primo giorno, incluso il rientro degli Stati Uniti negli accordi sul clima di Parigi, Biden si è impegnato ad andare avanti con un disegno di legge completo sull’immigrazione nel suo primo giorno in carica. I democratici sperano di spostare i venti politici nei prossimi due anni guidando uno sforzo per contenere il coronavirus, distribuendo un vaccino e ponendo le basi per un boom economico prima delle elezioni di medio termine.

“Sarà uno sforzo costante e inesorabile per riunire le persone e portare a termine le cose”, ha detto Jake Sullivan, consigliere politico di Biden. “Avrà molto da mostrare durante i suoi primi mesi in carica.”

I repubblicani, nel frattempo, probabilmente cercheranno di smorzare i primi successi di Biden, poiché sono fiduciosi che il controllo della Camera e del Senato è alla loro portata. Le elezioni di medio termine sono storicamente punitive per i Democratici di primo mandato: Obama ha perso 63 seggi alla Camera e sei seggi al Senato nel 2010, e Bill Clinton ha perso otto seggi al Senato e 54 seggi alla Camera nel 1994. In entrambi i casi, i Democratici hanno controllato sia la Camera che il Senato prima quelle sconfitte.Alexandria Ocasio-Cortez

Sebbene alcuni risultati elettorali debbano ancora essere ufficializzati, i Democratici sono sulla buona strada per una maggioranza alla Camera di circa 16 seggi, la maggioranza più sottile per il partito dal 1945.

I tre più probabili pickup del Senato per i Democratici nel 2022 saranno in Pennsylvania e Wisconsin, dove Biden ha vinto per poco e la Carolina del Nord, dove ha perso per poco. Nessuno sembra certo, dicono gli strateghi democratici.

“Quello che i repubblicani hanno fatto con Clinton e con Obama è che  oltre a non collabore hanno lasciato che i democratici si impiccassero”, ha detto Jim Kessler, uno stratega democratico del gruppo moderato Third Way che ha lavorato alla Camera all’inizio degli anni ’90 . “Quello che non so è se Mitch McConnell crede che il taglio degli accordi funzioni per espandere la sua maggioranza o no.”

I democratici generalmente valutano McConnell come freddo e calcolatore con un focus laser sul mantenimento della maggioranza repubblicana. Nel suo nuovo libro di memorie, l’ex presidente Barack Obama descrive quella che chiama “la spudoratezza” di McConnell nella ricerca del potere. Ciò non significa che non si possano raggiungere compromessi. McConnell ha espresso interesse per il sollievo economico per le persone colpite dalla pandemia e il suo stato di origine, il Kentucky, è stato gettato nel caos la scorsa settimana quando un importante ponte che collega lo stato con l’Ohio è stato chiuso a tempo indeterminato per un incendio di prodotti chimici; quel ponte è stato a lungo un obiettivo principale di scambio in qualsiasi accordo sulle infrastrutture.

Le proposte politiche di Biden durante la campagna erano ampie e ambiziose. Ha adottato alcune proposte della senatrice democratica Elizabeth Warren. Tra cui la cancellazione di almeno $ 10.000 del debito del prestito studentesco e l’aumento dei pagamenti della previdenza sociale di $ 200 al mese. Ha promesso di procedere per eliminare i tagli alle tasse per i ricchi introdotti da Trump fin dal “il primo giorno”, ha proposto di aggiungere un’opzione pubblica alle borse assicurative Obamacare e l’investimento di  2 trilioni di dollari di spesa per affrontare il riscaldamento globale.

Tali idee ora appaiono irraggiungibili, con strateghi di entrambe le parti che si schierano contro un revival di un’insurrezione simile a un tea party che ha spinto i repubblicani nel 2010, forse guidati da un Trump fuori carica ma ancora influente, che potrebbe punire i repubblicani che osano linee di compromesso. Anche se i democratici vincessero entrambi i seggi in Georgia e avessero la maggioranza più esigua, Biden dovrebbe assicurarsi che ogni democratico sia disposto a votare per i suoi piani, e in alcuni casi trovare 10 sostenitori repubblicani per superare un’ostruzionismo, una regola del Senato destinata a smussare i voti senza un sostegno della maggioranza assoluta che ha mostrato poco interesse a rimuovere.

Anche sull’immigrazione, le prospettive di un accordo globale che fornirebbe un percorso verso la cittadinanza per circa 11 milioni di immigrati privi di documenti sono di gran lunga inferiori rispetto a un primo mandato incentrato sull’annullamento dell’eredità di confine di Trump e possibilmente sul tentativo di una soluzione permanente per gli immigrati privi di documenti che sono stati introdotti nel paese da bambini e ha ricevuto protezione temporanea sotto Obama. Un attivista per l’immigrazione ha suggerito che si potrebbero trarre lezioni da Trump e dal suo capo consigliere per l’immigrazione.Alexandria Ocasio-Cortez

“Se c’è una cosa che abbiamo imparato da Donald Trump e Stephen Miller, è che puoi rimodellare un sistema di immigrazione con un’azione esecutiva”, ha affermato Frank Sharry, direttore esecutivo di America’s Voice, che è favorevole a un accordo globale. “Ci saranno molte pressioni su Joe Biden e il vicepresidente Kamala Harris perché ciò accada”.

I liberali alla Camera e al Senato, nel frattempo, probabilmente continueranno a spingere per voti sui progetti di legge su cui Biden correva ma che potrebbero dividere il partito, compresi i piani per espandere l’assistenza sanitaria del governo e finanziare varianti del Green New Deal, con finanziamenti federali di industrie a impatto zero.

“Abbiamo bisogno di un messaggio economico più forte”, ha detto il rappresentante democratico della California Ro Khanna, vicepresidente del Congressional Progressive Caucus. “Non abbiamo parlato abbastanza dei nostri programmi di lavoro”.

Ma alcuni di quei voti potrebbero mettere in pericolo i moderati del partito, la cui rielezione in due anni è l’unica strada per mantenere il controllo democratico della Camera. Hanno vinto la carica promettendo di agire in modo indipendente dal Partito Democratico e probabilmente andranno per la loro strada su alcune votazioni.

“Dovrai consentire loro di continuare a essere indipendenti e raccontare quella storia e consentire loro di essere membri del Congresso per il paese e non per il Partito Democratico”, ha detto Dan Sena, che era direttore esecutivo del Comitato della Campagna del Congresso Democratico nel 2018 quando le vittorie di candidati moderati hanno creato la maggioranza alla Camera.

New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream
Alexandria Ocasio-Cortez

I repubblicani, nel frattempo, stanno già telegrafando una replica della piattaforma elettorale che ha lavorato al ballottaggio quest’anno, inclusa un’attenzione sproporzionata su star liberali di alto profilo come la deputata democratica di New York Alexandria Ocasio-Cortez .

“È molto chiaro che Ocasio-Cortez potrebbe importare di meno di ciò che Joe Biden pensa o vuole”, ha detto Corry Bliss, consulente per la campagna del Congresso repubblicano. “E dopo che i Democratici hanno passato due anni a cercare di defraudare la polizia e far passare il Green New Deal, i midterms ci ricorderanno la gloria del 2010.”

Tali messaggi si sono rivelati fatali per molti candidati democratici in questo ciclo. Tra i molti democratici a scrutinio negativo che non sono riusciti quest’anno c’era Julie Slomski, una candidata a Erie per il Senato dello stato della Pennsylvania che è stata fulminata con pubblicità in ritardo che affermava di sostenere il defunding della polizia, cosa che non ha fatto. Sebbene Biden tenesse per poco Erie, Slomski  ha perso di circa 20 punti.

“Non so se avevamo il messaggio giusto su covid”, ha detto Caitlin Handerhan, responsabile della campagna di Slomski. ” Mantieni l’economia aperta “ha risuonato tra le persone qui”.New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream

Di fronte a nodi così difficili, i democratici per il momento si sono confortati nella loro convinzione che il record unico di Biden e la personalità pubblica potrebbero trascendere le profonde divisioni politiche, anche se gli manca l’entusiasmo pubblico che ha accolto l’elezione di Obama nel 2008.

“Non riesco a pensare a nessuno che sarebbe più esperto nel trarre il meglio da una situazione difficile, con un governo diviso nel mezzo di una crisi”, ha detto il senatore democratico del Delaware Christopher A. Coons, che detiene il posto che Biden occupa da 36 anni. “Correva su un programma che ha senso per l’America centrale, motivo per cui ha vinto”.

Con quella vittoria, Biden si è guadagnato la possibilità di rimodellare il Partito Democratico a sua immagine, anche se non è chiaro quanto tempo avrà per cogliere l’attimo.

“La cosa principale sarà che dobbiamo rinominare il partito”, ha detto il moderato rappresentante democratico dell’Ohio, Tim Ryan. “Joe Biden ha un grande marchio politico. Perché è reale, è quello che è. Ma il problema è che se chiedi a 10 persone all’angolo di una strada a Youngstown o Flint o Jackson, Mississippi, “Cosa rappresentano i Democratici?” otterresti 10 risposte diverse. “New Deal versione Biden per rilanciare l’american dream

 

Facebook Comments
Condividi