HomeMedicinaPronto Soccorso: il colpo di stato permanente della burocrazia

Pronto Soccorso: il colpo di stato permanente della burocrazia

Pronto Soccorso, l’inferno quotidiano dell’Italia. Realtà disumane che superano persino gli storici versi del 1° Canto dell’Inferno di Dante: “…Ove udirai le disperate strida, vedrai li antichi spiriti dolenti, ch’a la seconda morte ciascun grida”.Pronto soccorso: il colpo di stato permanente della burocrazia

Un agghiacciante degrado nel quale versano i Pronto Soccorso di tutti i centri ospedalieri d’Italia. Un’odissea incivile, che connota il precipizio della medicina d’urgenza nel quale é da anni sprofondato il Paese.

Una situazione resa se possibile ancora più incivile dalle mancate risposte all’angoscia sociale e professionale, prima ancora che personale, delle denunce e delle richieste avanzate da tutti i sanitari che ogni giorno letteralmente impazziscono e rischiano la vita nell’aberrazione della condizione umana dei Pronto Soccorso.Pronto soccorso: il colpo di stato permanente della burocrazia

“E’ un quadro drammatico” riconosce il ministro della Salute, Orazio Schillaci,  medico e cattedratico di fama che nell’esporre le linee programmatiche in commissione al Senato, non usa giri di parole per segnalare la gravità della situazione, e sottolineare l’urgenza di assunzione di personale sanitario  e di stanziamenti di fondi aggiuntivi per i lavoratori del Pronto Soccorso.

Ottime intenzioni che saranno sicuramente seguite da interventi e provvedimenti  immediati, che tuttavia si teme possano impattare con la mostruosa complessità della burocrazia che come nel passato si trincererà dietro le scatole cinesi delle formule della serie ” il potenziamento degli strumenti, funzionale al miglioramento della governance ospedaliera e delle liste d’attesa, dipende dalla complessità dell’intensità delle soglie di volume gestite dai singoli centri ospedalieri, sulla base  della programmazione regionale a sua volta basata sugli standard tecnologici, organizzativi e strutturali della rete ospedaliera“. Pronto soccorso: il colpo di stato permanente della burocrazia

Insomma, mentre i Governi passano e i cittadini muoiono o impazziscono al Pronto Soccorso trasformato in corte dei miracoli, l’eterno Gattopardo della burocrazia continua ad imperversare e a sabotare il diritto umanitario, oltre che costituzionale, alla tutela della salute.Pronto soccorso: il colpo di stato permanente della burocrazia

 

 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3450 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3450 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS