HomeRisvoltiPutin e l’occasione persa del suo discorso di guerra

Putin e l’occasione persa del suo discorso di guerra

Incipit e conclusione da dialettica di Guerre Stellari, il discorso di Vladimir Putin all’Assemblea federale russa è durato 1 ora e 45 minuti.  Con zelo tipico dei regimi, l’agenzia di stampa statale di Mosca, Ria Novosti, sottolinea che si tratta di uno dei discorsi più lunghi nel corso del quale Putin ha menzionato per ben 34 volte la parola Russia,  citato l’Occidente 24 volte, l’Ucraina 19, Stati Uniti 11 e la Nato 10 volte. I parlamentari – precisa la Novosti –  hanno applaudito 53 volte, di cui quattro alzandosi in piedi.

Putin e l’occasione persa del suo discorso di guerra
Il discorso di Putin al Parlamento russo

La retorica ad effetto ha fatto da filo conduttore: “Parlo in un momento molto complesso e decisivo di cambiamenti radicali che definiranno il futuro del nostro paese e popolo” ha esordito Putin che dopo aver parlato della guerra, sempre scrupolosamente definita “operazione speciale” e degli arsenali nucleari , ha concluso con una frase dal retrogusto holiiwoodiano: “La Russia risponderà a qualsiasi sfida. Perché siamo tutti un unico Paese. Siamo un grande popolo unito. Siamo fiduciosi del nostro potere. La verità è con noi”. L’unica circostanza alla quale non è stato fatto nessun riferimento é la visita a sorpresa a Kiev da parte del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.

L’anatomia del discorso di Putin evidenzia vari aspetti strategicamente rivelatori. Il più importante riguarda l’annuncio della sospensione della partecipazione della Russia all’accordo Start, acronimo di Strategic Arms Reduction Treaty, l’ intesa bilaterale con gli Stati Uniti per la limitazione degli arsenali nucleari.Putin e l’occasione persa del suo discorso di guerra

A Washington sottolineano tuttavia come Putin abbia soppesato attentamente i termini e i concetti: “La Russia non si ritira dal Trattato, ma ne sospende la partecipazione. Prima di tornare in questo contesto – ha affermato il presidente russo –  dobbiamo capire da soli cosa rivendicano ancora Paesi come Francia e Gran Bretagna e come terremo conto della loro strategia sugli arsenali, cioè il potenziale di attacco combinato della Nato”. Putin ha inoltre affermato di avere informazioni che indicherebbero che “alcune figure di Washington” starebbero pensando a condurre dei test su armi nucleari. A questo proposito il leader del Cremlino ha commentato: “In questa situazione, il ministero della Difesa russo e Rosatom – l’agenzia statale sull’energia nucleare, – devono garantire la disponibilità a testare le armi nucleari russe. Naturalmente, non saremo i primi a farlo, ma se gli Stati Uniti effettuano un test, allora lo faremo”.

Mosca in sostanza intenderebbe allargare l’accordo per la limitazione degli arsenali atomici anche a Gran Bretagna e Francia e alla Nato. Ma è presto per capire se si tratta di una buona notizia o piuttosto del tentativo di dividere gli alleati occidentali.

In merito all’Ucraina, il repertorio putiniano é quello classico del capovolgimento della realtà dei fatti e della storia: “siamo dovuti intervenire per difendere il Dombass dall’aggressione del regime nazista di Kiev” .

Putin e l’occasione persa del suo discorso di guerra
Missili balistici nucleari russi

Sul nervo scoperto del fallimento dell’invasione del 24 febbraio dello scorso anno il leader del Cremlino ha glissato, tranne poi affrontare a modo suo lo spinoso tema del vicolo cieco della situazione militare. “Questo è un discorso diretto. – ha esclamato – Sconfitta strategica della Russia? Cosa significa questo per noi? Cos’é? Significa finirci una volta per tutte. Cioé, intendono trasformare un conflitto locale in una fase di confronto globale. Questo è esattamente il modo in cui comprendiamo tutto questo e reagiremo di conseguenza, perché in questo caso stiamo parlando dell’esistenza del nostro Paese. Ma anche loro non possono non rendersi conto che é impossibile sconfiggere la Russia sul campo di battaglia”.

Putin e l’occasione persa del suo discorso di guerra
Giorgia Meloni e Zelensky

Quello di Putin é un discorso scollegato dalle realtà é la valutazione unanime di Stati Uniti, Europa e Nato. “Una parte del mio cuore sperava in parole diverse, ma quella di stamattina è propaganda che già conoscevamo”, così da Kiev il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha commentato il discorso del presidente russo . “I fatti sono diversi. La verità é che c’è qualcuno che ha invaso e qualcuno che si sta difendendo, e il paradosso é che chi é vittima di questa aggressione sta provando a presentare un piano di pace, a differenza di chi é responsabile di questa guerra” ribadisce la Premier.

Gli Stati Uniti hanno denunciato quella che hanno definito la “plateale assurdita’ ” delle parole di Putin.  “Nessuno sta attaccando la Russia. C’é una sorta di irrazionalità nell’idea che la Russia fosse sotto qualche forma di minaccia militare da parte dell’Ucraina o di chiunque altro”, ha commentato il consigliere per la Sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan.

Dopo la clamorosa sfida a Putin della visita a Kiev di Biden, il Presidente russo – si sottolinea da parte americana – non ha saputo o potuto replicare.

E l’imminente discorso del Presidente degli Stati Uniti da Varsavia, aggiungono, metterà ulteriormente con le spalle al muro Vladimir Putin, di fronte alla storia e al mondo intero, con tutte le sue sfacciate e provate gravissime responsabilità.Da Kiev la sPutin e l’occasione persa del suo discorso di guerra

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
6 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS