HomePianeta dimenticatoReportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale

Reportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale

 

by Aldo Morrone *

Tornare nel Kurdistan iracheno è sempre una grande emozione. Insieme con Soran Ahmad, Presidente dell’Istituto Kurdo, siamo qui per continuare la collaborazione clinico-scientifica con i medici e tutto il personale sanitario di questo straordinario Paese. Reportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale

Il popolo kurdo ha inventato l’arte di resistere. Di resistere a tutto, anche a chi ha disegnato con il righello e senza cervello confini assurdi che hanno diviso un intero popolo tra frontiere turche, iraniane, irachene e siriane. Malgrado la promessa del Trattato di Sèvres del 10 agosto 1920, la comunità internazionale si è sempre rifiutata di dare loro uno Stato.

Eppure, senza la comunità kurda e senza i loro Peshmerga che più di altri hanno lottato e combattuto casa per casa a Raqqa, Falluja, Mosul, oggi avremmo ancora l’ISIS e il Daesh.Reportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale

Anche oggi, se continua la lotta dei “capelli”, che sta infiammando Paesi vicini, si deve al sacrificio di Mahsa Amini, la studentessa curda uccisa a causa del fanatismo religioso. L’ultimo esempio della fierezza e dignità delle donne kurde, dalle soldatesse che combattono i terroristi del Daesh in Siria e Iraq. Qui ogni aspetto della vita ruota intorno alla figura di una donna.

Vivo sentimenti di indignazione profonda quando ritorno nei campi di sfollati e rifugiati di Ashti, Arbat e Tazade dove migliaia di famiglie ormai vivono da anni. Donne e bambini che hanno conosciuto l’orrore della guerra, del genocidio. Incontro le donne Yazide, deportate, violentate, ridotte in schiavitù e vendute dall’ISIS, come Nadia Murad, premio Nobel per la Pace, insieme con il medico Denis Mukwege per il loro impegno a mettere fine all’uso della violenza sessuale come arma di guerra.

Reportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale
Aldo Morrone e la comunità Kurda del campo profughi

Guardo con commozione e tenerezza i tentativi di dare colore e vita alle loro baracche, alle loro tende, disegnando scene di vita per non perdere la speranza di tornare nelle loro case e ai loro affetti. Per chiedere giustizia per i crimini contro l’umanità. Disegni per insegnare a non ammalarsi, a provare a curarsi pur in condizioni drammatiche.

È terribile e doloroso pensare che la lotta contro la guerra in Ucraina non riesca ad allargarsi contro tutte le guerre: quelle immortalate dalle grandi agenzie giornalistiche e quelle in gran parte ignorate o dimenticate come accade per il Tigray, la Siria, lo Yemen, il Myanmar, l’Afghanistan.

Eppure le vittime hanno tutte uguale dignità. Sono tutte frammenti di stelle che si spengono e, senza la loro luce, anche tutti noi ci spegniamo lentamente.Reportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale

Emblematica la poesia di Abdulla Goran (1904 – 1962) considerato il padre della letteratura del popolo Curdo

“Io vado, madre.

Se non torno,

sarò fiore di questa montagna,

frammento di terra per un mondo

più grande di questo.

Io vado, madre.

Se non torno,

il corpo esploderà là dove si tortura

e lo spirito flagellerà,

come l’uragano,

tutte le porte.

Io vado… madre…

Se non torno,

la mia anima sarà parola…

per tutti i poeti”

Reportage dal Kurdistan del tragico oblio internazionale

*Aldo Morrone, Dermatologo di fama internazionale, è Direttore scientifico dell’Istituto San Gallicano IRCSS di Roma

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS