HomePianeta dimenticatoLa deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame

La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame

by Aldo Morrone*

“L’Africa sta tornando indietro e la povertà si sta aggravando. I prezzi delle derrate alimentari stanno salendo ovunque portando fame e malnutrizione; i trasporti sanitari sono bloccati per il costo eccessivo del carburante; i farmaci e il materiale sanitario scarseggiano ovunque. È una “guerra” nascosta, che nessuno racconta e sembra non esistere e impatta invece in modo durissimo, specie sui più poveri”, leggo e costato in “loco” quanto ha detto Papa Francesco il  19 novembre 2022.

La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame
Addis Abeba

È notte profonda qui ad Addis Abeba e il muezzin canta la sua preghiera e altrettanto fanno i preti copti. Anche i cani sembrano accompagnarli con il loro latrati. Per il resto c’è un profondo silenzio. Oggi è stata una giornata particolare, abbiamo lavorato con Carmen e Lucia alla preparazione del Congresso Internazionale (“Tropical Neglected Skin Diseases, Global Health and COVID-19 Pandemic”) che da qui arriverà nel profondo Sud, a Wolaita Sodo.

La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame
Il congresso Tropical Neglected Skin Diseases, Global Health and COVID-19 Pandemic

È un congresso particolare, perché vorremmo diffondere la ricerca scientifica per migliorare la vita delle persone più povere in questo grande Paese, dove una guerra fratricida ha mietuto migliaia di vittime e milioni di sfollati in Tigray.

Dobbiamo aiutare a porre fine alla guerra, attraverso la scienza e la solidarietà.

Le malattie non si fermano davanti ai confini degli Stati e le guerre le aggravano e le diffondono.La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame

Abbiamo incontrato medici e infermieri con salari umilianti, veri eroi che ogni giorno curano con i pochi farmaci a disposizione, centinaia di persone malate. Abbiamo lanciato un appello alle industrie farmaceutiche perché continuino a produrre vecchi farmaci anche se meno efficaci di quelli più recenti che sono troppo costosi e qui non arriveranno mai. Ma se togliamo anche queste vecchie molecole, solo perché ormai hanno un prezzo meno conveniente, in questi paesi nessuno potrà più essere curato.

Questi ultimi due anni di pandemia da Covid-19 hanno stravolto il mondo. Durante questo tempo abbiamo lavorato a lungo con le persone più fragili a Roma (come senzatetto, migranti irregolari, minori stranieri non accompagnati) e in numerosi Paesi in via di sviluppo in Africa e in Medio Oriente.

Finalmente, dopo due anni di SARS-CoV-2, nonostante l’invasione delle locuste che ha distrutto tutti i raccolti e la guerra, abbiamo condiviso con i nostri colleghi locali, questo impegno scientifico, consegnando numerose borse di studio a giovani ricercatori, medici, infermieri, ostetriche e biologi perché tutti insieme possano continuare a rimanere qui in Etiopia, con una preparazione sempre migliore, a curare le loro donne, bambini e anziani.La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame

Sui monti Entoto siamo entrati in una scuola secondaria che aveva all’ingresso questa scritta “Venite in questo luogo dove indossiamo la conoscenza. Vestiamoci di saggezza”. Era l’area della vendita di tessuti e abiti locali. Poi abbiamo visitato il monumento agli operatori sanitari, quali eroi contro il Covid-19.

Bertold Brecht scriveva “Sventurata la terra che ha bisogno di eroi” e io aggiungo, “E che non si assume le sue responsabilità.”La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame

La parola “eroe” piace in tutto il mondo, perché mette a posto le coscienze e il bisogno di mostrare gratitudine, ma non si accompagna a nessun impegno, né reazione per contrastare le cause vere delle malattie, della povertà, delle guerre e della fame.

Ecco perché salute e dignità per tutti, nessuno escluso, è il nostro impegno, per evitare che la salute si trasformi in “merce” e al suo mercato possano accedere solo i più ricchi. Che razza di mondo sarebbe questo?La deriva taciuta dell’Africa fra guerre epidemie fame

*Aldo Morrone, Dermatologo di fama internazionale, è Direttore scientifico dell’Istituto San Gallicano IRCSS di Roma

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3436 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3436 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS