Scenari e Premier per superare la crisi di Governo

0
738
Governo il patto di San Sebastiano di fine legislatura
Condividi

Più che il sipario Matteo Renzi ha tirato giù la saracinesca sul Governo Conte. Alle 18,15 della sera il leader di Italia Viva apre la crisi con tre siluri, le dimissioni delle ministre Teresa Bellanova ed Elena Binetti e del sottosegretario Ivan Scalfarotto.

Scenari e Premier per superare la crisi di Governo
Elena Bonetti e Teresa Bellanova

Tre siluri politici che affondano il Governo e costringono il Presidente del Consiglio a rassegnare le dimissioni al Quirinale e avviano l’iter costituzionale per la formazione di un nuovo esecutivo.

Nonostante le dimissioni annunciate delle Ministre renziane già al termine del tesissimo Consiglio dei Ministri di ieri notte, nelle ore precedenti la conferenza stampa di Renzi un intervento a sorpresa di Beppe Grillo, che ha perorato l’unità di tutte le forze politiche attorno a un governo di unità nazionale, non si capisce con o senza l’attuale Premier, e soprattutto  il colloquio pomeridiano al Colle, richiesto da Conte al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, fanno sperare in una evoluzione delle trattative per scongiurare il corto circuito politico in atto.Scenari e Premier per superare la crisi di Governo

Impossibile, perché l’incendio e i veleni hanno già intaccato e demolito le fondamenta di quella che era stata la casa comune della maggioranza fra Pd, Italia Viva ed i 5Stelle.Scenari e Premier per superare la crisi di Governo

E così alle 18,15 di un convulso mercoledì romano, la politica si è come capovolta con la realtà che si è messa ad inseguire i retroscena e le opinioni a sovrapporsi ai fatti.

Decantato lo scaricabarile della paternità della crisi ( ” un errore gravissimo” una “irresponsabilità”), i veri scenari cominceranno ad affiorare domani, dopo un’altra notte di lunghi coltelli fra i 5 Stelle e al Nazareno.

Da qualunque parte la si affronti la crisi presenta, allo stato, tre possibili soluzioni:

1)Reincarico a Conte, superamento delle divergenze e formazione di un governo presieduto dal Premier uscente con la stessa maggioranza, molti ministri cambiati o spostati di dicastero e con la delega all’intelligence affidata a un sottosegretario;

2) Incarico a un altro esponente politico dei 5 Stelle ( Luigi Di Maio o Roberto Fico ) o del Pd (Dario Franceschini) con maggioranza 5Stelle, Pd e renziani;

3) Per superare l’eventuale stallo sul nome del Premier, incarico a un esponente della società civile come l’ex Presidente della Corte Costituzionale Marta Cartabia, il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco oppure l’economista Carlo Cottarelli e governo di decantazione e ricostruzione composto da tecnici e politici e con una maggioranza più ampia per l’appoggio esterno di vari parlamentari del gruppo misto.

“Scritta in cinese – affermò in un discorso il Presidente Kennedy – la parola crisi è composta di due caratteri. Uno rappresenta il pericolo e l’altro rappresenta l’opportunità”Scenari e Premier per superare la crisi di Governo

Facebook Comments
Condividi