Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi

0
1535
Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi
Condividi

Selfie subliminali di democrazia compiuta fra Quirinale e Palazzo Chigi. Unanime, affettuoso e davvero riconoscente  nei confronti di quello che l’opinione pubblica ha  avvertito in questi sette anni come uno schietto e affidabile Sergio Mattarella, l’abbraccio degli Italiani che si sono stretti attorno alla tv per seguire l’ultimo discorso di fine anno del Presidente della Repubblica.

Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi
Discorso di fine anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Parole dritte al cuore dei cittadini, ma dirette anche alla politica e alle istituzioni, quelle del Capo dello Stato.

Oltre gli approfondimenti pur emblematici riguardanti la tragedia della pandemia, i giovani e le puntuali citazioni delle vittime di stragi e disastri, sul piano istituzionale e politico il senso del discorso di Mattarella ruota sul riferimento esplicito alla stagione dei doveri, che impone che tutti facciano la loro parte. Una disanima che subliminalmente delinea l’identikit di un successore che oltre a raccogliere l’eredità del Presidente uscente dovrà “salvaguardare ruolo, poteri e prerogative dell’istituzione” con la Costituzione come unico faro,” spogliandosi di ogni precedente appartenenza e facendosi carico esclusivamente dell’interesse generale” di una Repubblica unita e solidale.

Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi

Un messaggio forte e inequivocabile: la Costituzione oltre ad essere fondamento saldo e vigoroso esplica e manifesta la sua massima espressione nell’unità nazionale.

E non è un caso che fra la rassegna dei commenti di plauso alle parole del Quirinale, commenti in alcuni casi più ossequiosi del galateo istituzionale che delle proprie effettive convinzioni, la più efficace fotografia dello stato d’animo di profonda gratitudine del Paese nei confronti di Mattarella siano stati due distinti interventi del Presidente del Consiglio Mario Draghi. Uno antecedente e l’altro successivo al discorso di fine anno.

Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi
Conferenza stampa del 22 dicembre 2021 del Premier Mario Draghi

Come in una sorta di scambio di selfie riflessi col Capo dello Stato, il Premier alla vigilia di Natale nella conferenza stampa sul bilancio del Governo, ha infatti esplicitamente parlato, testualmente, “dell’affetto da parte di tutti gli italiani nei confronti del Capo dello Stato che ha svolto splendidamente il suo ruolo di Presidente, con saggezza, dolcezza e fermezza.”  “Mattarella – ha sottolineato Draghi il 22 dicembre – è l’esempio, il modello di Presidente della Repubblica”. Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi

A poco più di una settimana di distanza, Draghi dunque ribadisce il concetto e tralasciando il politichese, ma facendosi interprete dei sentimenti popolari, ha commentato il discorso di San Silvestro di Mattarella dicendo semplicemente: “Sono parole che toccano il cuore di tutti i cittadini. E’ il miglior augurio di buon anno per l’Italia”.

Intenzionale o casuale, lo scambio subliminale di selfie fra Sergio Mattarella e Mario Draghi, espande negli ambienti politici l’auspicio di un buon inizio del 2022, in un contesto di autoscatti d’autori protagonisti dell’avvio della stagione di pienezza costituzionale e democrazia compiuta del Paese che tutti sogniamo.

Selfie incrociati fra Mattarella e Draghi

 

 

 

 

Facebook Comments
Condividi