HomeRassegna StampaTrump l’incriminazione più grave: cospirazione contro gli Stati Uniti

Trump l’incriminazione più grave: cospirazione contro gli Stati Uniti

Pubblichiamo la sintesi dell’articolo del New York Times che riassume dettagliatamente le gravi accuse di cospirazione contro gli Stati Uniti per le quali è stato nuovamente incriminato l’ex Presidente.

L’ex presidente Donald Trump è stato incriminato per i suoi reiterati tentativi di ribaltare le elezioni del 2020. L’inchiesta federale condotta dal Consigliere Speciale indipendente Jack Smith ha accertato che ha cercato in vari modi di aggrapparsi al potere dopo aver perso la presidenza.

Trump l’incriminazione più grave cospirazione contro di Stati Uniti
Shmit e Trump

L’ accusa depositata presso il tribunale distrettuale federale di Washington, accusa Trump di tre cospirazioni: per frodare gli Stati Uniti; per ostacolare un procedimento ufficiale del governo e la certificazione del voto del Collegio Elettorale; per privare l’elettorato dei diritti civili, il diritto al conteggio dei voti. L’ex Presidente dovrà rispondere anche  di ostruzione e tentativo di ostacolare il procedimento federale.

“Ciascuna di queste cospirazioni – che si basava sulla diffusa sfiducia che l’imputato stava creando attraverso bugie pervasive e destabilizzanti sulla frode elettorale – prendeva di mira una funzione fondamentale del governo federale degli Stati Uniti: il processo della nazione di raccogliere, contare e certificare i risultati delle elezioni presidenziali”, si legge nell’accusa.Trump l’incriminazione più grave cospirazione contro di Stati Uniti

Le accuse segnano un momento straordinario nella storia degli Stati Uniti: un ex Presidente, nel bel mezzo di una campagna per tornare alla Casa Bianca, accusato di tentativi di utilizzare le leve del potere governativo per sovvertire la democrazia e rimanere in carica contro la volontà di elettori.

L’accusa descrive come Trump e sei co-cospiratori abbiano impiegato  una varietà di mezzi per invertire la sconfitta elettorale fin dal momento in cui le votazioni si sono concluse.

L’inchiesta ha accertato come Trump promuovesse false affermazioni di frode, cercasse di piegare il Dipartimento di Giustizia a sostenere tali affermazioni e sovrintendesse a un piano per creare false liste di elettori in stati che furono effettivamente vinti da Joseph Biden. Le indagini hanno accertato come alla fine abbia fatto pressioni sul suo vicepresidente, Mike Pence, affinché utilizzasse i falsi elettori per sovvertire la certificazione delle elezioni in una sessione congiunta del Congresso il 6 gennaio 2021, che è stata interrotta dall’assalto al Campidoglio.

Trump l’incriminazione più grave cospirazione contro di Stati Uniti
Mike Pence

L’accusa non ha indicato l’identità dei presunti cospiratori, ma le descrizioni del loro comportamento corrispondono a episodi pubblicamente noti che coinvolgono persone di spicco intorno a Trump.

Il comportamento di “Co-cospiratore 1” sembra allinearsi a quello di Rudolph Giuliani, l’avvocato personale di Trump che ha incaricato dei tentativi per negare il trasferimento del potere dopo che i suoi principali avvocati della campagna hanno chiarito che era finita. L’avvocato di Giuliani, Robert J. Costello, ha riconosciuto in una dichiarazione che “sembra che il sindaco Giuliani sia presunto co-cospiratore n. 1”.

Trump l’incriminazione più grave cospirazione contro di Stati Uniti
Rudolph Giuliani

La descrizione di “Co-cospiratore 2” segue da vicino quella di John Eastman, un professore di legge della California che è stato l’architetto del piano per fare pressione sul signor Pence.

I co-cospiratori potrebbero essere incriminati in qualsiasi momento e la loro inclusione nell’accusa, anche senza nome, esercita pressioni su di loro affinché collaborino con gli investigatori.

Molti dei dettagli nelle accuse erano noti, essendo apparsi nei resoconti delle notizie o nel lavoro del comitato ristretto della Camera che indagava il 6 gennaio. C’erano descrizioni del tentativo di Trump di insediare un lealista, Jeffrey Clark , che sembra essere un altro co-cospiratore, in cima al Dipartimento di Giustizia e per forzare il segretario di Stato della Georgia a trovargli abbastanza voti per vincere le elezioni in quello stato.

Trump l’incriminazione più grave cospirazione contro di Stati Uniti
Donald Trump e Mike Pence

Ci sono stati anche riferimenti a Trump che ha postato un messaggio su Twitter a metà dicembre 2020 chiedendo una protesta “selvaggia” a Washington il 6 gennaio, e a lui che ha fatto pressioni sul vice Presidente Pence per cercare di lanciare le elezioni a modo suo durante l’incontro congiunto del Congresso quel giorno.

L’accusa presenta vari nuovi particolari probatori, come l’esclamazione di Trump che diceva a Pence: “Sei troppo onesto”, mentre il vicepresidente respingeva le pressioni per interferire nella certificazione della vittoria di Biden.

Il Consigliere Speciale Smith, nel redigere i capi d’ accusa, ha seguito accertamenti meticolosi per verificare i collegamenti fra Trump e all’attacco della folla al Campidoglio. L’accusa sottolinea lo “sfruttamento della violenza e del caos” da parte di Trump nel giorno dell’assalto.

Nella richiesta di incriminazione di Trump viene anche spiegato come a Trump sia stato ripetutamente detto da più persone, inclusi alti funzionari della sua campagna e del Dipartimento di Giustizia, che aveva perso le elezioni e che le sue affermazioni di essere stato imbrogliato erano false. Questo tipo di prove viene ritenuto determinante per consentire ai pubblici ministeri a dimostrare le loro accuse e stabilire con esattezza l’intento di Trump che, si legge nell’accusa “Nonostante avesse perso, era determinato a rimanere al potere”.

Trump l’incriminazione più grave cospirazione contro di Stati Uniti
Trump e Smith

Le continue affermazioni dell’ex Presidente sulla diffusa frode elettorale “erano false e l’imputato sapeva che erano false”, ha affermato l’accusa, aggiungendo che gli è stato ripetutamente detto che le sue affermazioni erano false.

Trump è stato convocato giovedì pomeriggio presso il tribunale distrettuale federale di Washington. Verrà fissata la data del processo ed il calendario per le mozioni preliminari. Procedimenti che probabilmente si estenderanno fino alla campagna presidenziale.

L’avvocato di Trump sul caso, John Lauro, ha esposto quello che sembrava essere l’inizio della sua difesa, dicendo a Fox News: “Vorrei che provassero a dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che Donald Trump credeva che queste accuse” su le frodi elettorali “erano false”.

Jack Smith, il consigliere speciale, ha dichiarato che la rivolta del Campidoglio è stata “alimentata da bugie”.

In una breve apparizione davanti ai giornalisti, Smith ha esposto quella che ha detto essere la responsabilità morale, oltre che legale, dell’ex presidente per la violenza al Campidoglio, dicendo che la rivolta é stata “alimentata dalle bugie” – le bugie di Trump.Trump l’incriminazione più grave: cospirazione contro di Stati Uniti

Favorito per la nomination repubblicana Donald Trump  ha incorporato l’attacco alle indagini nei messaggi della sua campagna e nella raccolta fondi. I suoi consiglieri sono stati schietti nelle conversazioni private che considerano la sua vittoria elettorale cruciale per annullare le accuse contro di lui.

In una dichiarazione, Trump ha denunciato l’accusa.

“Perché hanno aspettato due anni e mezzo per presentare queste false accuse, proprio nel bel mezzo della campagna vincente del presidente Trump per il 2024?” ha detto, definendola “interferenza elettorale” e paragonando l’amministrazione Biden alla Germania nazista.

Il giudice assegnato al caso Trump, Tanya S. Chutkan, nominata dal Presidente Barack Obama, ha già emesso severe condanne contro le persone che hanno preso d’assalto il Campidoglio.

La giudice  ha anche bocciato la richiesta di Trump di non consegnare documenti al comitato parlamentare del 6 gennaio, ordinandogli di consegnare il materiale e scrivendo: “I presidenti non sono re”.

Trump ora deve affrontare due accuse federali separate. A giugno, il Consigliere Smith ha sporto denuncia in Florida accusando Trump di detenere illegalmente documenti segreti  altamente sensibili di per difesa nazionale e quindi di ostacolare i tentativi del governo di riaverli indietro.

Lo schema accusatorio di Smith per l’assalto al Campidoglio e la cospirazione elettorale é incentrato sui due mesi  intercorrenti fra il giorno delle elezioni del 2020 e l’attacco al Campidoglio del 6 gennaio successivo. Durante quel periodo, Trump ha preso parte a una serie di tentativi  per mantenere il potere nonostante avesse perso la corsa presidenziale.

Oltre alle accuse federali nei casi di elezioni e documenti segreti, Trump deve affrontare anche vari problemi legali nei tribunali statali.

È stato incriminato dall’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan per aver mentito sui pagamenti in contanti effettuati all’attrice porno Stormy Daniels nel periodo precedente alle elezioni del 2016.

Trump l’incriminazione più grave: cospirazione contro di Stati Uniti
Donald Trump e Stormy Daniels

Gli sforzi di Trump e dei suoi alleati per invertire la sua sconfitta elettorale sono anche al centro di un’indagine separata da parte del procuratore distrettuale della contea di Fulton, in Georgia. Sembra probabile che tale inchiesta genererà ulteriori accuse entro il mese in corso.

E’ probabile che il prossimo anno nonostante la campagna elettorale per le presidenziali  Trump dovrà affrontare almeno tre processi penali. Il processo a Manhattan dovrebbe iniziare a marzo, mentre il caso dei documenti federali in Florida dovrebbe essere processato a maggio.Trump l’incriminazione più grave: cospirazione contro di Stati Uniti

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3519 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3519 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS