Ucraina la battaglia degli armamenti

0
785
Ucraina: la battaglia degli armamenti
Condividi

Pubblichiamo la sintesi dell’analisi del Washington Post sull’aumento esponenziale della produzione di armamenti che sta decidendo l’esito della guerra scatenata dalla Russia di Putin contro l’Ucraina.Ucraina la battaglia degli armamenti

Ucraina la battaglia degli armamentiIl conflitto in Ucraina dura già da quasi 10 mesi e si è trasformato in qualcosa che gli Stati Uniti non vedevano dalla seconda guerra mondiale: una battaglia di linee di produzione. Sia la Russia che l’Ucraina hanno consumato munizioni a un ritmo furioso.

“Al culmine dei combattimenti nel Donbass, la Russia stava usando più munizioni in due giorni di quante ne avesse in magazzino l’intero esercito britannico”, osserva il Royal United Services Institute, un think tank britannico.

Non sorprende che entrambe le parti stiano esaurendo gli arsenali. L’intelligence stima, ad esempio, che i russi abbiano già speso l’ 80% dei loro missili balistici a corto raggio Iskander, che sono stati usati per colpire le città e le infrastrutture energetiche ucraine.

Ucraina la battaglia degli armamenti
Missili russi Iskander

Con la sua economia ostacolata dalle sanzioni occidentali – e in particolare dalle restrizioni alle esportazioni di microchip – la Russia si è rivolta alla Corea del Nord per proiettili e razzi di artiglieria e all’Iran per droni e missili.

L’intelligence britannica riferisce che la Russia “probabilmente ha quasi esaurito le sue scorte attuali” di droni autodistruttivi iraniani e sta aspettando ulteriori consegne. Il fatto che la Cina non stia armando la Russia è un’enorme vittoria nascosta.

Ucraina la battaglia degli armamenti
Stinger

L’ Ucraina, da parte sua, sta lottando per ottenere costanti forniture di proiettili di artiglieria, missili antiaerei Stinger, missili anticarro Javelin, razzi Himars e altri sistemi d’arma vitali provenienti dall’Occidente. I paesi Nato hanno già fornito all’Ucraina 40 miliardi di dollari in aiuti militari – all’incirca pari al budget annuale per la difesa della Francia – e si stanno trovando a corto di scorte di armi. “Non c’è dubbio che ha messo sotto pressione le nostre scorte, ha messo sotto pressione la nostra base industriale della difesa”, ha detto il sottosegretario alla Difesa Colin Kahl. È vitale, ma insufficiente, che il Congresso approvi la nuova richiesta di aiuti di 37,7 miliardi di dollari dell’amministrazione Biden per l’Ucraina. Sfortunatamente, maggiori finanziamenti da soli non risolveranno immediatamente i colli di bottiglia nella produzione della difesa, aumentando la necessità di fornire all’Ucraina sistemi d’arma più potenti per mantenere i suoi progressi sul campo di battaglia.

Ucraina la battaglia degli armamenti
Himars

L’esercito degli Stati Uniti ha appena assegnato a Raytheon un contratto da 1,2 miliardi di dollari per la consegna di sei batterie di missili nazionali avanzati terra-aria Nasams all’Ucraina, oltre alle due consegnate a Kiev e che stanno già abbattendo i missili russi. Ma ci vorranno 24 mesi per costruire le batterie aggiuntive. L’Ucraina deve proteggere le sue città adesso, non tra due anni. Mentre una soluzione alternativa potrebbe essere possibile se altri alleati degli Stati Uniti si convincessero a donare i loro sistemi Nasams in cambio della promessa di sostituzioni, non esiste un sostituto a lungo termine per aumentare le linee di produzione della difesa in Occidente per far fronte a contingenze ben oltre l’Ucraina.

Ucraina la battaglia degli armamenti
Nasams

Tutti i paesi della Nato hanno ridimensionato la loro capacità industriale di difesa dopo la fine della Guerra Fredda. Negli Stati Uniti, il numero dei principali appaltatori della difesa è sceso da 51 a cinque e molte linee di produzione sono state chiuse. Negli ultimi anni, gli appaltatori della difesa si sono concentrati sulla produzione di un piccolo numero di sistemi d’arma ad alta tecnologia, ideali per combattere la guerra globale al terrorismo, ma insufficienti per condurre un conflitto prolungato contro una potenza militare convenzionale come la Cina o la Russia.

“Sarà necessario un importante programma di espansione industriale se le nazioni dell’Occidente vogliono ricostruire la capacità di progettare, produrre e immagazzinare le grandi quantità di munizioni e piattaforme che saranno necessarie sia per le missioni di deterrenza che di risposta nel ventunesimo secolo”, ha scritto il Magg. Gen. australiano in pensione Mick Ryan .

Ma l’espansione della produzione della difesa richiederà molto tempo. Mark F. Cancian, un esperto di industria della difesa presso il Center for Strategic and International Studies, ricorda “che la mobilitazione degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale durò circa sei anni”, dal 1938 al 1944 – e, ovviamente, non potremmo organizzare oggi una mobilitazione a tutto campo, a meno che non ci troviamo nella terza guerra mondiale.

Inoltre, la costruzione di sistemi d’arma oggi costa molto di più e richiede molto più tempo che durante la seconda guerra mondiale, in parte perché i sistemi sono più sofisticati e in parte perché la burocrazia è più estesa. Boeing iniziò a progettare il bombardiere a lungo raggio B-29 nel 1938 e nel 1946 aveva prodotto 2.766 B-29 . In confronto, Lockheed Martin ha iniziato a sviluppare il caccia F-35 nel 1995 e gli Stati Uniti hanno attualmente solo 450 F-35 .

Ucraina la battaglia degli armamenti
F-35

I sistemi destinati all’Ucraina non sono sofisticati come l’F-35, ma anche armi come Javelin, Stinger, Himar e persino proiettili di artiglieria da 155 mm richiedono una capacità produttiva specializzata che non esiste nel settore civile. Cancian dice che l’industria é disposta ad aumentare la produzione, ma “vuole garanzie di impegni a lungo termine” in modo da non fare un investimento importante nella produzione di armi che nessuno potrebbe volere dopo la fine della guerra in corso.

Questo é un impegno che il Congresso e il Dipartimento della Difesa dovrebbero assumersi, per fare in modo che gli Stati Uniti siano sempre pronti a combattere non solo la Russia ma anche la Cina. Gli sforzi per armare l’Ucraina stanno ritardando infatti gli sforzi per armare Taiwan.

Con i negoziatori del Congresso che concordano un budget per la difesa per l’anno fiscale 2023 di ben 847 miliardi di dollari , il Pentagono dovrebbe avere le risorse per pagare l’espansione della produzione di armi. Ma la ricostruzione della capacità industriale a lungo termine non risponderà ai bisogni immediati dell’Ucraina.

La soluzione migliore sarebbe aiutare l’Ucraina a vincere la guerra più velocemente fornendole sistemi d’arma di fascia alta come caccia F-16, sistemi missilistici tattici dell’esercito a lungo raggio Atacms, carri armati Abrams e droni Grey Eagle che l’amministrazione Biden ha finora rifiutato di fornire.Ucraina la battaglia degli armamenti

Il Wall Street Journal ha appena riferito che il Pentagono ha persino ritarato gli Himars forniti all’Ucraina per impedire che potessero lanciare missili a lungo raggio in grado di colpire la Russia, anche se le basi russe continuano ad essere utilizzate per attacchi spregevoli e illegali contro i civili ucraini. Questo è un autocontrollo controproducente.

Si può vincere una battaglia di linee di produzione con la Russia, perché l’economia statunitense é 14 volte più grande, ma sarebbe di gran lunga più conveniente ridurre al minimo il costo e la durata del conflitto in modo da non doverlo fare.

Calcolando quanto le difficoltà di approvvigionamento sono gravi oggi, si può già prevedere quanto lo saranno tra un anno se la guerra continuerà a infuriare al ritmo attuale. Uno scenario esponenziale se possibile da evitare.Ucraina la battaglia degli armamenti

Facebook Comments
Condividi