Zingaretti: dimissioni o tentativo di contropiede?

0
1216
Dalla alla vecchia politica alla svolta di vaccini ed Europa
Condividi

Simile agli effetti della caduta di un grande meteorite sul pianeta Pd, le dimissioni del Segretario Nicola Zingaretti sono in ogni caso destinate a provocare mutazioni e sconvolgimenti degli assetti della politica e delle istituzioni ben oltre il perimetro del Partito democratico.

A meno che non si tratti di dimissioni contropiede per fare venire allo scoperto avversari e critici interni.Zingaretti dimissioni o tentativo di contropiede

Tuttavia, come viene osservato al Nazareno e dintorni, le dimissioni del Segretario comportano automaticamente la cessazione del ruolo di consigliere intervistato anche di Goffredo Bettini, maître à penser del vertice del Pd e circostanza inedita anche dell’ex Premier Giuseppe Conte, almeno fino a quando era a Palazzo Chigi.

Zingaretti dimissioni o tentativo di contropiede
Goffredo Bettini e Nicola Zingaretti

Segretario dall’inizio del 2019, 55 anni, e contemporaneamente Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti è stato l’interprete dell’ala riformista degli eredi del Pci.

Le sue dimissioni evidenziano anche in questo senso la rottura degli equilibri interni del Pd, e palesano un probabile ritorno di fiamma della ex sinistra Dc, che assieme ai post comunisti fondò nel 2007 il Pd.Zingaretti dimissioni o tentativo di contropiede

Secondo le critiche mosse a Zingaretti le dimissioni sono state determinate da un lunga serie di contraccolpi: l’accondiscendenza nei confronti di Conte, il sistematico scavalcamento da parte di Renzi, la disastrosa gestione del fantomatico governo Conte ter, ed infine le scelte dei Ministri e dei sottosegretari del Governo Draghi, con l’esclusione senza alcuna motivazione da parte del Nazareno delle delle donne Pd protagoniste di primissimo piano e l’inspiegabile perdita di posizioni di partito in dicasteri chiave, come l’Interno e la Salute.

Zingaretti dimissioni o tentativo di contropiede
(Foto Corriere.it)

Un palmares di insuccessi che hanno oscurato le affermazioni conseguite da Zingaretti nei mesi successivi alla nomina a segretario, con le nette vittorie del Pd alle europee e alle regionali.

Gli attacchi concentrici da parte del fronte delle donne e poi delle varie correnti, attacchi ai quali non sono seguite adeguate prese di posizione a favore del segretario, hanno spinto Zingaretti a scrivere sul suo profilo Facebook: “Lo stillicidio non finisce. Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario, da 20 giorni si parli solo di poltrone e primarie” e ad annunciare le dimissioni che, a meno di una sortita a sorpresa, aprono vari scenari all’interno del Pd e della stessa ampia maggioranza di governo.Zingaretti dimissioni o tentativo di contropiede

Intanto perché, come gli effetti del meteorite preistorico nei confronti dei dinosauri, la fine della segreteria Zingaretti potrebbe rappresentare anche l’epilogo dell’alleanza con Conte e i grillini. In secondo luogo perché l’apertura della successione al vertice del Nazareno comporta modifica degli equilibri interni che dovranno essere ratificati da un congresso sempre più delicato e determinante.

Equilibri che potrebbero far mutare gli assetti del governo e delineare nuovi scenari riguardanti le candidature alle elezioni di Roma, Torino, Napoli e Bologna, nonché alle politiche e soprattutto per la scadenza del settennato del Presidente Sergio Mattarella.

Scenari nell’ambito dei quali il baricentro del Pd rimane tuttavia essenziale.Zingaretti dimissioni o tentativo di contropiede

Facebook Comments
Condividi