#25novembre: tolleranza zero per le violenze contro le donne

0
1843
Condividi

 


 


#25novembre: per la violenza contro le donne non solo lacrime ma soprattutto rivolta e pesanti condanne

#25novembre: tolleranza zero per le violenze contro le donne

Violenza contro le donne da fermare ad ogni costo! Con le leggi, i processi, le condanne, la cultura, la scuola, ma soprattutto con la tolleranza zero!  Per questo è essenziale che venerdì #25 novembre la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, non sia caratterizzata solo da denunce, testimonianze, statistiche, ma invece dispieghi proposte concrete, esempi da seguire, nuove e più adeguate norme da adottare.

Le testimonianze delle sopravvissute che fanno i conti con le conseguenze di ciò che hanno subito, servano allora non soltanto da stimolo ed esempio, ma soprattutto da constatazione che per raggiungere l’ancora purtroppo molto lontana quota femminicidi zero, non ci sono alternative alla prevenzione, alla presa di coscienza collettiva, alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica e  in particolare all’esemplarità delle pene detentive.

Le tragiche statistiche confermano quanta strada vi sia ancora da compiere. Dall’inizio dell’anno in Italia ci sono stati infatti 116 femminicidi, 8856 donne vittime di violenze, e  1261 casi di stalking.

L’obiettivo della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne è dunque principalmente quello di elaborare strategie di prevenzione e di contrasto al fenomeno della violenza di genere e fornire un adeguato  supporto alle donne che denunciano atti di violenza con azioni concrete e mirate, che contribuiscano a individuare soluzioni per la costruzione di un progetto di eliminazione di manifestazioni di sfruttamento, aggressioni, ritorsioni e violenze. Numerosissime le manifestazioni organizzate in tutta Italia, alcune delle quali si protrarranno fino a domenica 27

  • Roma.  PinkItalia, il web magazine femminile dedicato alle donne, organizza venerdì 25 a Palazzo Ferrajoli numerosi dibattiti che si alterneranno dal mattino al tardo pomeriggio con la partecipazione di parlamentari, leader ed esponenti politici, psicologhe, sociologhe, scrittrici e giornaliste.#25novembre
  • Napoli. La facciata del Cardarelli è stata illuminata con una luce rossa, colore universalmente associato al ricordo delle vittime del femminicidio, e resterà illuminata sino al 25 novembre, quando verrà inaugurato anche il Centro Dafne, codice rosa.
  • Firenze. E’ stata inaugurata presso l’Università di Firenze, in via Gino Capponi, la mostra “La forza delle donne 1970-2015”, curata da Felice Bifulco. La mostra, promossa da Camera del lavoro di Firenze, Archivio Storico e Centro di documentazione di Cgil Toscana, Comitato unico di garanzia dell’Università di Firenze per le Pari opportunità, visitabile fino al 10 dicembre, apre la settimana di mobilitazione che culminerà con venerdì 25 novembre.
  • Torino. Parla agli uomini, affinché ‘Da uomo a uomo’ si dica ‘basta’, questa la campagna di comunicazione scelta dal Comune di Torino per la Giornata del 25 novembre.
  • Bologna. L’Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna ha inaugurato – nella sede di viale Aldo Moro 50, a Bologna – la mostra fotografica “Anche la cancellazione è violenza”, a cura del Collettivo RiVoltaPagina. Mostra che si protrarrà per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e il fine settimana.
  • Milano. Il 25 e 26 novembre, in Galleria Vittorio Emanuele, verrà realizzato un labirinto per imparare a conoscere i sintomi apparentemente innocui che, se ripetuti e abbinati fra loro, portano a manifestazioni di abuso e violenza sulle donne.
  • Roma.  Il 26 novembre si scenderà in piazza con un corteo-manifestazione per ricordare le vittime di femminicidi e aggressioni, ma anche per rivendicare diritti e libertà. L’organizzazione è dell’Udi, l’Unione donne italiane, di ‘Rete Dire’ e di ‘Io Decido’.
  • Palermo. La Cgil siciliana  organizza per le 10,30 di venerdi 25 un dibattito -denuncia presso l’istituto Danilo Dolci. L’iniziativa prevede la proiezione del cortometraggio “Malamore” del regista Alberto Castiglione. Sempre a Palermo nel pomeriggio del 25 novembre manifestazioni e cortei a Piazza Bologni, via Ruggero Settimo e via Maqueda.
Facebook Comments
Condividi