HomeSelfieA Venezia un gennaio color trekking

A Venezia un gennaio color trekking

by Adriana Piancastelli

Pensare a Venezia in gennaio, città di arte e di acqua, ponti e lagune, incanti e riflessi magici, vento e cristalli di ghiaccio, come meta di cammino per un trekking insolito tra barene e calli è quanto meno insolito.a venezia un gennaio color trekking

E’ accaduto ad un gruppo di allegri camminatori di Librotrekking – una realtà che coniuga sport, natura e cultura – con il privilegio di grandi passi, grandi occhi e grandi letture ispirate ai posti  che si guardano.

Si parte con sole limpido e vento che sa di mare ed è già un esordio fantastico.a venezia un gennaio color trekking

E si apre una Venezia insolita dietro gli splendori conosciuti di Piazza  San Marco, Ponte di Rialto e Canal Grande, Cannaregio ed una dimora antica gentilizia del 1500 diventata una locanda semplice, raffinata e accogliente.

Campo Santo Stefano in una sera non troppo affollata è il palcoscenico di un teatro speciale.a venezia un gennaio color trekking

E si arriva alla Venezia di Casanova, genio poliedrico e multiforme, non solo ladro di cuori e di sospiri femminili, alla Venezia licenziosa in grado di offrire ai mercanti orientali schei, tramonti sui canali e piaceri carnali conditi da ironie e consapevolezze antiche.

La sera affonda in un mare di delizie di gola tra baccalà mantecato, sarde in saor – per non offendere la tradizione – e lasagne ai polipetti per non tralasciare l’innovazione, nuotando in un bianco frizzante e profumato.a venezia un gennaio color trekking

Ma il cuore del cammino, tra una pagina e l’altra delle “Città invisibili” di Italo Calvino, si snoda tra Murano, Burano e Torcello.

Primo trekking in barena: quella sorta di vegetazione bassa, vagamente melmosa e piena di fascino e di rugiada, teatro di mille pesciolini in piccoli laghi improvvisi e cento uccelli diversi.

Torcello regala un’emozione originale.a venezia un gennaio color trekking

Venezia, nata dopo Torcello,  diventa risaia, pianura, nebbiolina sospesa, sole giallino, piante mai viste e ciuffi d’erba come spugne. La Cattedrale bizantina di Santa Maria Assunta (A.D.639) e il Campanile restano testimonianze di splendori e fasti tramontati e vissuti da poche decine di residenti.

Burano è un murale sospeso nell’acqua.

Ponti di legno, panni che svolazzano al sole e colori vivi e personalizzati – dai ciclamino di porpora fino ai verdi fluorescenti – che caratterizzano le casette come presepi psichedelici.

La tradizione e la leggenda tramandano esigenze di praticità: i pescatori rientrando dal mare pieni di nebbia e di stanchezza scegliendo il colore più vivido per la propria casa ne assaporavano la dolcezza del ritorno già dalla barca scorgendola in lontananza.

Oggi le casette colorate costituiscono un’attrazione almeno quanto i merletti notissimi, ammirati soprattutto per le doti immense di pazienza che anima chi li realizza.

Murano è ancora una gara di specchi, vetri di forme insolite e murrine, copiatissime ma irripetibili.

Il sole se ne va assaporando cibi kosher.

E resta un ultimo cammino che nasce tra i palazzi senza splendori del ghetto ebraico e si snoda dal Campo dei quattro Mori fino si giardini della Biennale in cui si ergono le sculture delle mani che si incontrano e rivelano sentimenti nate dalla fantasia di Lorenzo Quinna venezia un gennaio color trekkingSono quasi 35 chilometri di passi pieni di emozioni e atmosfere di una Venezia non svelata nonostante i turisti, le gondole e i piccioni: una vecchia signora decadente che offre ancora lampi di fascino e romanticismo.

Da un tramonto incredibilmente rosa rubato alla corsa del treno sulla strada del ritorno, nasce la stessa sensazione che ha rapito  Kozlowski  “….E quando lasciamo Venezia scopriamo che i nostri orologi hanno problemi a tornare di nuovo al tempo reale.”a venezia un gennaio color trekking

Facebook Comments
Adriana Piancastelli
Adriana Piancastelli
Senior Osint and Media Analyst. Ha praticato il mondo delle investigazioni e dell’intelligence. Appassionata di mare cani rock e figlia non necessariamente in quest’ordine.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3454 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3454 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS