Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin

0
916
Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin
Condividi

Pubblichiamo una sintesi del reportage del Washington Post che illustra tutte le opzioni strategiche e militari degli Stati Uniti e della Nato in risposta all’eventuale sconsiderata utilizzazione di armi atomiche da parte della Russia di Putin.Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin

Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin

Mentre la Russia tenta di mimetizzare le continue sconfitte e le gravi perdite in Ucraina con minacce di armi nucleari e “bombe sporche”, i leader occidentali sono costretti a fare i conti con i se e quando Mosca potrebbe pianificare una drammatica escalation sul campo di battaglia. Uno sviluppo che lascerebbe gli Usa e la Nato con un insieme limitato di opzioni per rispondere.

Il Presidente Biden e i suoi consiglieri hanno seguito da vicino le dichiarazioni del Cremlino, che ha da ultimo evocato la crisi dei missili cubani, e  che secondo la Casa Bianca sta avvicinando il mondo all’ “Armageddon”. Funzionari a livello di gabinetto hanno avvertito pubblicamente che qualsiasi mossa della Russia riguardante il nucleare riceverà una risposta “decisa” e con analoghe “conseguenze catastrofiche”.

Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin
Joe Biden e Vladimir Putin

“Il discorso sull’uso di un’arma di questo tipo è pericoloso e irresponsabile”, ha detto la scorsa settimana ai giornalisti il ​​segretario alla Difesa Lloyd Austin in merito alle minacce nucleari della Russia, aggiungendo: “Se ciò accadesse … ci sarebbe una risposta molto significativa da parte della comunità internazionale.”

I funzionari dell’amministrazione hanno esitato quando è stato chiesto di specificare il tipo di risposta, ed hanno fatto riferimento alla necessità di mantenere l’ambiguità strategica per mantenere aperte tutte le opzioni.

Invece sono stati molto specifici, dicono, con la Russia attraverso canali privati, compresi gli impegni diretti tra i funzionari a livello di staff presidenziale e le loro controparti a Mosca.

Contatti  che sono aumentati di frequenza man mano che la retorica del Cremlino diventa più minacciosa. La Casa Bianca sottolinea comunque che gli Stati Uniti hanno una vasta gamma di opzioni di risposta tra cui scegliere.

Eppure le mani dell’amministrazione potrebbero essere più legate di quanto i suoi rappresentanti vorrebbero ammettere.

Le sanzioni sarebbero un ovvio mezzo di punizione, ma alcuni esperti temono che le mosse economiche punitive da sole non saranno sufficienti contro Putin.Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin

“Le sanzioni non hanno un comprovato effetto di efficace deterrenza”, ha affermato Eddie Fishman, un ex dipendente del Dipartimento di Stato che ha lavorato al portafoglio delle sanzioni russe durante l’amministrazione Obama e ora insegna alla Columbia University. “Purtroppo la nave è salpata… Gli Stati Uniti devono essere preparati a usare la forza militare”.

Una risposta militare sarebbe una dimostrazione più energica del ripudio occidentale, ma un attacco di rappresaglia agli interessi russi rischia di innescare una guerra tra Nato e Russia, qualcosa che l’amministrazione Biden ha cercato finora di evitare con cura.

L’idea di replicare ad un attacco nucleare con un attacco nucleare, secondo gli esperti, è espressamente fuori discussione.

Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin
Hans Kristensen

“Non credo che gli Stati Uniti considererebbero nemmeno una risposta nucleare. Se Putin è cattivo facendo esplodere una bomba atomica, allora anche gli Stati Uniti sono cattivi facendo esplodere una bomba atomica”, ha affermato Hans Kristensen, direttore del progetto di informazione nucleare presso la Federation of American Scientists. “Rompi il tabù e non ne ottieni nulla: l’unica cosa che ne esce è un’ulteriore escalation nucleare”.

Ciò lascia gli Stati Uniti in un territorio strategicamente inesplorato. Per decenni, l’intero approccio al mantenimento, all’aggiornamento e alla crescita dell’arsenale nucleare degli Stati Uniti è stato quello di scoraggiare gli attacchi alla patria, agli alleati degli Stati Uniti e agli interessi comuni. È molto meno chiaro quale sia il playbook per controllare una potenza nucleare rivale che effettua un attacco radioattivo contro un paese terzo in un modo che offende moralmente e capovolge decenni di precedenti, ma non rappresenta necessariamente una minaccia fisica diretta sul suolo degli Stati Uniti o della Nato.

“Il contesto politico, l’intelligence, l’intento e il nostro contesto generale qui contano molto”, ha affermato Thomas Karako, che gestisce il Progetto di difesa missilistica presso il Center for Strategic and International Studies, tirando fuori alcune considerazioni d’ esempio: “Cos’era la natura dell’uso nucleare, qual era l’altitudine, quali sono stati gli effetti, quante persone sono morte?

La crescente preoccupazione per un attacco radioattivo russo si è incentrata su due scenari chiave: Mosca che usa una bomba sporca o un’arma nucleare “tattica” contro l’Ucraina.

Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin
Putin e Shoigu

La speculazione sulla bomba sporca è legata ai commenti fatti dal ministro della Difesa russo Sergei Shoigu , e ripetuti la scorsa settimana da Putin , insinuando che l’Ucraina avrebbe pianificato di far esplodere un ordigno carico di materiale fissile sul proprio territorio. Funzionari statunitensi ritengono più probabile che gli avvertimenti della Russia siano stati in realtà i passaggi di apertura di un’operazione sotto falsa bandiera, segnalando le intenzioni del Cremlino di usare un’arma del genere e incolpare gli ucraini per le ricadute.

Questi commenti hanno aggiunto nuova urgenza alle preoccupazioni che Mosca possa attingere dal suo copioso arsenale di armi nucleari a basso rendimento per sferrare un colpo devastante ma geograficamente limitato contro l’Ucraina. Una mossa del genere non solo terrorizzerebbe la popolazione locale, ma getterebbe un guanto di sfida ai piedi del resto del globo, che non ha visto un’arma nucleare usata in combattimento dai bombardamenti del 1945 di Hiroshima e Nagasaki, attacchi portati dagli Stati Uniti, come ha ricordato Putin.

“Gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo che ha usato armi nucleari contro uno stato non nucleare. L’hanno usato due volte contro il Giappone”, ha ricordato il Presidente russo ai partecipanti del Valdai Discussion Club la scorsa settimana. “Qual era l’obiettivo? Non ce n’era affatto bisogno militare…. Gli Stati Uniti sono l’unico paese che lo ha fatto perché credeva fosse nel suo interesse”.Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin

Eppure, nonostante l’urgenza che tali potenziali sviluppi hanno determinato nella pianificazione dell’amministrazione, Washington ha per lo più minimizzato l’idea che Putin manterrà le sue minacce. Austin ha detto la scorsa settimana di non riscontrare  “nessuna indicazione” che la Russia stia effettivamente pianificando di usare una bomba sporca. Allo stesso modo, i leader militari hanno cercato di disinnescare la recente dichiarazione di Biden secondo cui Putin “non stava scherzando” su un potenziale “Armageddon”, sottolineando che era molto più probabile che l’uomo forte assediato del Cremlino si stesse sfogando, poiché i combattenti ucraini costringono l’esercito russo ad una serie di imbarazzanti ritiri.

Negli ultimi giorni anche Putin ha cercato di fare marcia indietro. La scorsa settimana, nel suo discorso al Valdai Discussion Club, ha insistito sul fatto che il suo governo “non aveva mai detto nulla sulla potenziale utilizzazione di armi nucleari; tutto ciò che abbiamo fatto è stato un accenno in risposta alle dichiarazioni dei leader occidentali”. Putin ha anche insistito sul fatto che la Russia “non aveva bisogno” di usare né un’arma nucleare né una bomba sporca, sostenendo che “non ha senso per noi, né politico né militare”.

Gli esperti occidentali avvertono che la Russia potrebbe usare l’affermazione della “bomba sporca” per intensificare la guerra in Ucraina.

Ma i funzionari statunitensi sono restii ad abbassare la guardia. Secondo i funzionari dell’amministrazione è improbabile che la Russia venga presto costretta a una completa ritirata, anche se le recenti vittorie dell’Ucraina sul campo di battaglia hanno fatto innestare la retromarcia alle sue forze. Ma proprio mentre la Russia esaurisce le sue truppe e il suo arsenale convenzionale, cresce il pericolo che Mosca possa utilizzare tattiche e armi più insidiose per respingere la controffensiva ucraina.

“L’effetto pratico del loro esaurimento delle forze convenzionali è purtroppo una dipendenza ancora maggiore dalle loro forze nucleari”, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana un alto funzionario della difesa americana.

In questo contesto, i funzionari statunitensi sono stati fortemente restii a segnalare qualsiasi tipo di limite all’uso dell’arsenale nucleare statunitense – l’unico al mondo di dimensioni tali da poter rivaleggiare con quello russo – per limitare le intenzioni di Putin. Hanno continuato a rimanere muti anche dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato all’inizio di questo mese che la Francia non avrebbe affrontato un attacco nucleare russo sull’Ucraina con un attacco nucleare sulla Russia – una posizione che in seguito ha difeso, affermando “non vogliamo una guerra.”

Gli analisti militari ritengono che in un confronto testa a testa di forze convenzionali, la Nato sia di gran lunga in vantaggio.

Heather Williams

“Ecco perché ha sempre fatto queste minacce nucleari in ogni caso; ha cercato di dissuadere l’Alleanza Atlantica dal farsi coinvolgere in modo convenzionale”, ha affermato Heather Williams, direttrice del Project on Nuclear Issues presso il Center for Strategic and International Studies.

Tuttavia, funzionari ed esperti pensano sempre più che ciò che potrebbe riportare Putin sull’orlo della guerra radioattiva sia la minaccia non di una distruzione reciprocamente assicurata dall’Occidente, ma di perdere i suoi ultimi alleati rimasti.

La Russia è riuscita a mantenere a galla la sua macchina da guerra e l’economia nazionale nonostante una serie di pesanti sanzioni occidentali, grazie alle vendite di petrolio e gas. Negli otto mesi successivi all’invasione dell’Ucraina, la Russia ha pompato combustibili fossili non solo nelle reti energetiche dell’Europa, ma anche negli enormi mercati di Cina e India.

Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin
Il Premier indiano Narendra Modi ed il leader cinese Xi Jinping 

Pechino e Nuova Delhi, che sono entrambe potenze nucleari, sono rimaste ampiamente neutrali sull’invasione russa dell’Ucraina, astenendosi ripetutamente nei voti chiave delle Nazioni Unite che condannano la guerra di Mosca e la recente annessione del territorio ucraino. Finora hanno rifiutato di abbracciare gli sforzi occidentali per stabilire limiti di prezzo sul petrolio russo che potrebbero limitare i profitti energetici che tornano a Mosca.

Ma gli esperti dubitano che Cina e India starebbero dalla parte di Mosca se dovesse impiegare un’arma nucleare.

“Per Putin, qualsiasi uso del nucleare è un rischio enorme, perché non può sapere con certezza, in un modo o nell’altro, come risponderanno New Delhi e Pechino”, ha detto Williams, sottolineando che le potenze economiche asiatiche potrebbero prendere le distanze da Russia se Putin supera il limite.

Se gli ultimi amici rimasti della Russia dovessero dimostrare il loro disprezzo per l’uso di un’arma radioattiva, Mosca sarebbe costretta a smascherare il bluff dell’intero fallimentare  sforzo bellico.

“Usando armi nucleari, potrebbe vincere la battaglia”, ha detto Williams, “ma non la guerra”.Botta e risposta di Usa e Nato al nucleare di Putin

Facebook Comments
Condividi