Carceri incubatrici del terrorismo islamico

0
Condividi

Sui crescenti rischi di proliferazione del fondamentalismo islamico pubblichiamo una sintesi dell’inchiesta del Washington Post dal titolo Isis behind bars

Carceri incubatrici del terrorismo islamico

In tutta Europa, le prigioni sono l’ultimo campo di battaglia nella lotta in evoluzione contro il terrorismo islamico. A partire da cinque anni fa, i paesi occidentali hanno visto migrare migliaia di cittadini in Iraq e in Siria per unirsi allo Stato islamico o ad altri gruppi islamici. Dal 2016 ne sono tornate centinaia, ma traumatizzati da attacchi terroristici i paesi europei dal 2016 attuano una linea dura nei confronti dei rimpatriati.  Per chiunque si sia recato in Medio Oriente o abbia cercato di sostenere gruppi islamici all’estero sono previste accuse pesanti, arresti  e pene detentive.E da quando sono scattati gli arresti dei  foreign fighter, l’Europa ha visto un minor numero di morti per attacchi terroristici. Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Ma ora i funzionari europei sono alle prese con un nuovo problema: come impedire che le prigioni diventino centri di addestramento e di reclutamento per i futuri terroristi? Dal Belgio e dai Paesi Bassi alla Germania e alla Francia, i funzionari delle forze dell’ordine stanno sperimentando approcci molto diversi al problema, compresi i programmi di rieducazione e l’isolamento quasi totale dei detenuti più radicalizzati. Gli sforzi sono una corsa contro il tempo, poiché molti dei rimpatriati in carcere riacquisteranno la loro libertà in meno di due anni.Carceri incubatrici del terrorismo islamico

“Arrivano alla fine della loro pena e non abbiamo altra scelta che rilasciarli”, ha detto un funzionario belga che aiuta a sorvegliare il trattamento dei detenuti islamici nelle prigioni più grandi del paese. “Alcuni di loro”, ha aggiunto il funzionario, “potrebbero essere bombe umane”.

Citazioni e parole come “Ben-Laden”, “Jihad”, “AK-47” e “Allahu Akbar” sono scritte sulla finestra di una stanza isolata vicino alla sezione DeRadex della prigione di Ittre a sud-ovest di Bruxelles.

Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Complesso penitenziario di massima sicurezza di Ittre

Ittre, un carcere di massima  sicurezza a sud-ovest di Bruxelles, è conosciuta come una delle due prigioni belghe con speciali unità di isolamento per trattare con i più radicali islamisti carcerati. Chiamato DeRadex, l’unità ospita uomini ritenuti particolarmente pericolosi.

I detenuti nella sezione sono autorizzati a socializzare con gli altri all’interno dell’unità di isolamento solo durante determinate ore e sotto stretta supervisione. In Belgio l’isolamento è, infatti, l’ingrediente essenziale del nuovo approccio per trattare con i prigionieri radicalizzati: sebbene possano non essere in grado di separare i detenuti dalle loro idee estremiste, i funzionari della prigione possono almeno impedire loro di contaminare gli altri.

Gli “ospiti” della sezione DeRadex sono stati condannati per accuse di terrorismo o per violenze. Ma sono conosciuti e temuti soprattutto per le loro personalità carismatiche e la capacità di attirare altri alla causa radicale islamista. In diverse celle, i detenuti hanno graffiato i graffiti islamici su muri e finestre, compreso il nome “Bel Kacem”, un riferimento a Fouad Belkacem, fondatore dell’organizzazione estremista Sharia Belgium che ha reclutato e inviato in Siria numerosi combattenti dello Stato Islamico.

Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Valérie Lebrun Direttrice carcere di Ittre

Alcuni detenuti prendono lezioni di botanica in un giardino nella prigione. “Ogni volta che li mettiamo con il resto dei detenuti, si impegnano in attività di reclutamento”, ha detto Valérie Lebrun, una criminologa belga di 49 anni Diettrice di Ittre. ”

I funzionari offrono consulenza sulla nonviolenza, ma non fanno nessuno sforzo per cambiare l’estremismo dei prigionieri e le loro opinioni sulla religione. Osservano cambiamenti nel comportamento che suggeriscono che la radicalizzazione è in corso, come quando i detenuti modificano le loro uniformi carcerarie in stile jihadista, o insistono a indossare biancheria intima quando fanno la doccia, un riflesso delle opinioni islamiste conservatrici sulla copertura del corpo. In tali casi, i funzionari incoraggiano i detenuti a incontrare imam moderati e consiglieri che lavorano con le prigioni su base volontaria. Ma la nonviolenza, non la deradicalizzazione, rimane l’obiettivo primario, ha affermato Valérie Lebrun.Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Alcuni in Belgio sostengono che i funzionari della prigione semplicemente non fanno abbastanza. “Le prigioni stanno cercando di mettere in quarantena il virus, ma in realtà non affrontano il problema “, sostiene Ilyas Zarhoni, un imam di Bruxelles che gestisce programmi comunitari che cercano di contrastare l’ideologia estremista. “Abbiamo bisogno di esperti in ideologia, esperti in psicologia. I costi saranno alti, ma non è nulla in confronto a quello che potremmo avere quando usciranno queste persone “.

Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Carcere di Francoforte

Diverso il contesto tedesco. In Germania, l’ JVA  l’istituto di pena a poche ore di auto a sud-est di Francoforte  i funzionari del penitenziario dello Stato tedesco centrale dell’Assia stanno provando un approccio, una sorta di esperimento di modificazione del comportamento che si sta svolgendo in tempo reale. A JVA Frankfurt, non ci sono unità di isolamento dove gli estremisti sono tenuti insieme. Invece, tutti i prigionieri condividono lo stesso spazio, sotto un regime di sorveglianza e di intervento ravvicinati da parte di un gruppo di guardie appena addestrate a individuare i segni di radicalizzazione.

I funzionari tedeschi, dotati di bilanci più grandi e di personale professionale più ampio rispetto ai loro colleghi del Belgio, stanno cercando di neutralizzare la minaccia di radicalizzazione di un detenuto alla volta, con una gestione intensa – e talvolta aggressiva – di ciascun caso. Le guardie vengono colgono segnali di avvertimento nell’aspetto, nel comportamento e negli oggetti personali dei detenuti.Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Ispezionando la sacca da viaggio di un prigioniero, un ufficiale ha messo da parte un filo di rosari e una stuoia – entrambi considerati come oggetti accettabili per un musulmano praticante –  ma poi si è soffermato ad  esaminare una copia del Corano. “Un Corano, normalmente non è affatto un problema”- dice l’ufficiale -“tuttavia, questa è una edizione di Lies Stiftung, che è stata bandita e non possiamo quindi permetterlo.

I corani di Lies Stiftung contengono commenti associati al salafismo, una forma conservatrice di islam sunnita abbracciata da membri dello Stato islamico. “Questo suggerisce che il prigioniero potrebbe essere stato radicalizzato”, spiega l’ufficiale. “Dobbiamo osservarlo attentamente – i suoi contatti, quello che legge – e cercare di ottenere quante più informazioni possibili su di lui”.

Il programma dell’Assia, chiamato Network for Deradicalization in the Penal System, o NeDiS, cerca di cambiare il pensiero dei detenuti . Coloro che sono etichettati come radicali – siano essi islamisti o membri di gruppi estremisti di destra – si trovano sotto un attento esame. Sono offerti diversi tipi di consulenza o terapia, compresi incontri con un imam o cappellano mentre sono in prigione, e programmi di sensibilizzazione dopo il loro rilascio.

“Ogni detenuto islamico radicale sarà prima o poi rilasciato ” spiega Eva Kühne-Hörmann, Ministro della giustizia dell’Assia- “se non usiamo il periodo della detenzione per influenzarli attuando contromisure e promuovendo la deradicalizzazione, corriamo il rischio di rilasciare nella società tedesca islamisti radicali, che sono privi di qualsiasi prospettiva personale.”Carceri incubatrici del terrorismo islamico

“Siamo agli inizi”,ammette la guardia Stefan Schürmann. I funzionari carcerari riconoscono che alcuni detenuti rimarranno radicalizzati e il meglio che possono sperare è di impedire loro di diffondere messaggi di odio agli altri.

Nessuno degli approcci può fare la differenza? In tutta Europa, i funzionari della giustizia penale riconoscono che stanno cercando di progettare soluzioni a un problema per il quale non ci sono dati scientifici e nessuna garanzia di successo. Ciò che è noto è che gli approcci precedenti sono falliti, disastrosamente. E la portata del problema negli ultimi anni è peggiorata. Dalla fondazione dello Stato islamico nel 2014, molti dei maggiori attacchi terroristici in Europa sono stati guidati da ex detenuti, alcuni dei quali sono diventati radicali dietro le sbarre.Carceri incubatrici del terrorismo islamico

Condividi