HomeSelfieDaesh analisi: radiografia del terrorismo fondamentalista

Daesh analisi: radiografia del terrorismo fondamentalista

Esame obiettivo geostrategico del terrorismo fondamentalistadaesh-analisi

Check up operativo di inizio 2017 del terrorismo fondamentalista. Nonostante le analisi strategiche e le linee previsionali geostrategiche, secondo gli esperti, le condizioni generali di DAESH sarebbero davvero buone.

Non eccellenti perché é tramontato l’effetto mediatico-novità e perché il pragmatismo, vero humus originatore e scopo primario di ogni terrorista che si rispetti, porta a privilegiare l’azione ovunque e comunque scavalcando i confini di qualsiasi paese, stato o regno delle utopie.

daesh-analisi

È improprio pensare che il Califfato perda terreno. In realtà si sta re-distribuendo a fasi alterne, mangiucchiando chilometri di territori sparsi. Non è neanche detto che Aleppo sia definitivamente persa. Non è il momento di cantare vittorie: fino a che il terrorismo a monadi, a piccoli gruppi, radicalizzato in Siria o in Iraq, nelle periferie di città straniere o davanti allo schermo di un computer avrà respiro, non si può neppure parlare di fine di una guerra, tanto meno di improbabili pacificazioni.

E poi ci sono le incubatrici continue che nutrono potenziali terroristi dopo primavere fatte di autunni continui e in terre in cui sembrava che l’Occidente si potesse sfiorare con le dita e in cui invece – soprattutto le donne- stringendo le mani si sono ritrovate vuoto e velo.

Le scuole coraniche continuano ad allevare nell’odio bambini che difficilmente diventeranno uomini di pace. Gli adolescenti inquieti o semplicemente poveri e poco inseriti e inservibili in qualsiasi buco della terra trovano e troveranno motivi di rivincita sublimando la violenza subita in alibi di sacrifici.daesh-analisi

Non ci può essere ottimismo tastando il polso a Daesh: le grandi discrasie sociali non lasciano margini di riavvicinamento e non si profilano all’orizzonte rivolte sociali con il sogno dell’uguaglianza.

Ci sono solo guerre a macchia di leopardo, dichiarate o meno, per dimostrare che una civiltà è migliore di un’altra ed è in grado di affogare nell’angoscia- ancor più che nel sangue – i figli di qualsiasi civiltà diversa.

daesh-analisi

La attuale consapevolezza di Daesh è che la forza mediatica del messaggio, del filmato, della propaganda – potenziata dall’azione violenta  e concreta – genera terrore e continua a moltiplicare angoscia anche tra i musulmani meno fondamentalisti.

D’altronde è fatale: si nasce incendiari e si diventa pompieri, si viene creati per essere strumenti degli ex padroni del mondo e si rischia di diventare i veri padroni del mondo.

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS