Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

0
903
Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump
Condividi

Pubblichiamo una sintesi dell’articolo-scoop del New YorkTimes sugli affari in Cina di Donald Trump sul suo conto corrente cinese e sulle attività imprenditoriali del Presidente Usa in Russia e in vari altri paesi. Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

Nuove rivelazioni fiscali fanno luce sulle attività imprenditoriali di Donald Trump in Cina e non solo.Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

Mentre il Presidente uscente continuava a insinuare  domande sulla posizione di Biden nei confronti di Pechino, gli accertamenti fiscali hanno rivelato inediti dettagli sulle  attività di Trump imprenditoriali in Cina, incluso un conto bancario precedentemente sconosciuto.

Trump ei suoi alleati repubblicani hanno più volte cercato di dipingere il candidato democratico, Joseph Biden, come debole con Pechino, insinuando che il motivo fosse quello degli affari in Cina del figlio Hunter.

Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump
Joe Biden

I repubblicani del Senato hanno anche presentato un dossier nel quale si afferma, tra le altre cose, che il figlio di Biden, Hunter, “ha aperto un conto in banca”con un uomo d’affari  cinese  ed ha numerosi collegamenti con “cittadini stranieri e governi stranieri in tutto il mondo”.

Ma la storia degli affari di Trump è piena di accordi finanziari all’estero, e alcuni hanno coinvolto la Repubblica popolare cinese.

Da uno d’affari Trump si è impegnato per un decennio a perseguire senza successo progetti in Cina, gestendo un ufficio lì durante la sua prima corsa alla presidenza e stringendo una partnership con un’importante azienda controllata dal governo.

E si scopre che la Cina è una delle sole tre nazioni straniere – le altre sono Gran Bretagna e Irlanda – dove Trump mantiene un conto bancario, secondo un’analisi dei registri fiscali del presidente, che sono stati ottenuti dal New York Times . I conti esteri non compaiono nelle comunicazioni finanziarie pubbliche del signor Trump, dove deve elencare i beni personali, perché sono detenuti sotto nomi di società. Le identità delle istituzioni finanziarie non sono chiare.Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

L’account cinese è controllato da Trump International Hotels Management LLC, che i registri fiscali mostrano che ha pagato 188.561 $ in tasse in Cina dal 2013 al 2015.

I registri fiscali non includono dettagli su quanto denaro potrebbe essere passato attraverso i conti esteri, sebbene l’Internal Revenue Service richieda di segnalare la parte del reddito derivante da altri paesi. I conti britannici e irlandesi sono detenuti da società che gestiscono i campi da golf di Trump in Scozia e Irlanda, che registrano regolarmente milioni di dollari di entrate da quei paesi. Trump International Hotels Management ha riportato solo poche migliaia di dollari dalla Cina.

In risposta alle domande del Times, Alan Garten, avvocato dell’Organizzazione Trump, ha affermato che la società ha “aperto un conto presso una banca cinese con uffici negli Stati Uniti per pagare le tasse locali” associato agli sforzi per fare affari là. Ed ha aggiunto che la società aveva aperto il conto dopo aver aperto un ufficio in Cina “per esplorare il potenziale di offerte alberghiere in Asia”.

“Nessun accordo, transazione o altra attività commerciale si è mai materializzato e, dal 2015, l’ufficio è rimasto inattivo”, ha affermato Garten. “Sebbene il conto bancario rimanga aperto, non è mai stato utilizzato per altri scopi.”Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

Il signor Garten non identifica la banca in Cina dove è tenuto il conto. Fino all’anno scorso, la più grande banca cinese controllata dallo stato ha affittato tre piani nella Trump Tower, un contratto di locazione redditizio che ha suscitato accuse di conflitto di interessi per il Presidente.

La Cina continua a essere un problema nella campagna presidenziale del 2020, dalla guerra commerciale del presidente ai suoi picchi sull’origine della pandemia di coronavirus.

La campagna di Trump ha cercato di fare apparire  Biden come un “burattino” della Cina sostenendo che  in qualità di vicepresidente avrebbe interpretato male i pericoli posti dal crescente potere cinese. Il Presidente ha anche cercato di imbrattare la reputazione del suo avversario con affermazioni esagerate o infondate sugli affari in Cina di Hunter Biden mentre suo padre era in carica.

“È come un aspirapolvere – segue suo padre in giro per la raccolta.Che vergogna. È una famiglia criminale “, ha detto recentemente il Trump, riferendosi al figlio di Biden.

Il Presidente è arrivato ad affermare che il giovane Biden “è uscito dalla Cina” con $ 1,5 miliardi dopo aver accompagnato suo padre in un viaggio ufficiale nel 2013” Numerosi articoli di stampa e siti di verifica dei fatti hanno spiegato che l’enorme cifra era in realtà un obiettivo di raccolta fondi fissato da una società di investimento in cui Hunter Biden ha ottenuto una quota del 10% dopo che suo padre ha lasciato l’incarico. L’azienda ha ricevuto il sostegno finanziario da una grande banca cinese controllata dallo stato, ma non è chiaro se l’obiettivo della raccolta di fondi sia mai stato raggiunto e non ci sono prove che Hunter Biden abbia ricevuto un grande pagamento personale.

Per quanto riguarda l’ex vicepresidente, le sue comunicazioni finanziarie pubbliche, insieme alle dichiarazioni dei redditi che ha rilasciato volontariamente , non mostrano alcun reddito o rapporti d’affari propri in Cina. Mentre, ci sono ampie prove degli sforzi di Trump di unirsi alla miriade di aziende americane che da tempo hanno fatto affari in Cina – e le registrazioni fiscali per lui e le sue società ottenute dal Times offrono in proposito nuovi dettagli.

Come con la Russia, dove ha esplorato senza successo progetti di hotel e torri a Mosca, Trump ha cercato a lungo accordi per le suue società con la Cina. I suoi sforzi risalgono almeno al 2006, quando ha presentato domande a Hong Kong e nella repubblica popolare. Molte approvazioni del governo cinese sono arrivate dopo che è diventato Presidente. Anche la figlia del presidente Ivanka Trump ha ottenuto l’ approvazione del marchio cinese per la sua attività personale dopo essere entrata nello staff della Casa Bianca.Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

Nel 2008, Trump ha perseguito un progetto per la costruzione di una torre per uffici a Guangzhou che non è peò mai decollato. I suoi sforzi hanno tuttavia subito un’accelerazione nel 2012 con l’apertura di un ufficio a Shanghai. I registri fiscali mostrano che una delle società legate alla Cina di Trump, THC China Development LLC, ha richiesto $ 84.000 di detrazioni quell’anno per i costi di viaggio, le spese legali e le spese d’ufficio.

Dopo aver effettivamente piantato lì la sua bandiera, Trump ha trovato un partner nella State Grid Corporation, una delle più grandi imprese controllate dal governo della nazione. Agenzia  France-Presse ha riferito nel 2016 che la partnership avrebbe comportato la concessione di licenze e la gestione di una attività commerciale a Pechino. Secondo quanto riferito, Trump stava ancora trattando l’accordo durante sua prima campagna presidenziale, ma le trattative si sono interrotte dopo che State Grid è stato coinvolta in un’indagine sulla corruzione da parte delle autorità cinesi.

È difficile determinare esattamente dai registri fiscali quanti soldi Trump ha investito in Cina. I registri mostrano che ha speso almeno $ 192.000 in cinque piccole società create appositamente per perseguire vari pogetti. Quelle società hanno richiesto dal 2010 almeno $ 97.400 di spese aziendali, inclusi alcuni pagamenti minori per tasse e commissioni contabili fino al 2018.

Ma i piani di Trump in Cina sono stati in gran parte guidati da una società diversa, Trump International Hotels Management, quella con un conto bancario cinese.

La società ha la proprietà diretta di THC China Development, ma è anche coinvolta nella gestione di altre proprietà a marchio Trump in tutto il mondo e non è possibile discernere dai suoi registri fiscali quanta parte della sua attività finanziaria sia legata alla Cina. Normalmente riporta alcuni milioni di dollari di reddito annuo e spese deducibili.

Nel 2017, la società ha registrato un aumento insolitamente elevato delle entrate: circa 17,5 milioni di dollari, in più rispetto ai cinque anni precedenti messi insieme. È stato accompagnato da un prelievo di $ 15,1 milioni da parte di Trump dal conto capitale della società.

Sulle informazioni finanziarie pubbliche del presidente per quell’anno, ha riportato l’enorme cifra delle entrate e l’ha descritta solo come “commissioni di gestione e altri pagamenti di contratti”. Un evento significativo per la società che è noto si è verificato nel 2017 è stato l’acquisizione del suo contratto di gestione per l’hotel SoHo a New York, che Bloomberg ha riferito essere costato circa $ 6 milioni .

Il signor Garten non ha commentato l’importo specifico citato da Bloomberg, ma ha affermato che l’acquisizione del contratto rappresentava una “parte significativa” delle entrate della società e che il denaro rimanente non era legato alla Cina.

Al di fuori della Cina, Trump ha avuto più successo attirando ricchi acquirenti cinesi per le sue proprietà in altri paesi. I suoi hotel e le sue torri a Las Vegas e Vancouver, nella Columbia Britannica, località note per attrarre investitori immobiliari cinesi , hanno trovato numerosi acquirenti cinesi e in almeno un caso hanno attirato l’attenzione del Federal Bureau of Investigation.Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

Durante la campagna del 2016, una società di comodo controllata da una coppia cinese di Vancouver ha acquistato 11 unità , per 3,1 milioni di dollari, nella torre di Las Vegas che Trump possiede in comproprietà con il magnate dei casinò Phil Ruffin . Il proprietario di una società di servizi finanziari con sede a Las Vegas ha detto al Times di essere stato successivamente visitato da due agenti dell’FBI che chiedevano informazioni sulla società dietro gli acquisti, la quale aveva usato a sua insaputa il suo indirizzo di ufficio nei documenti di costituzione. Non si sa che fine abbia fatto l’inchiesta.

A Vancouver, numerosi acquirenti cinesi di unità nell’hotel e nella torre del signor Trump hanno contribuito ad aumentare i costi di licenza da quel progetto a 5,8 milioni di dollari nel 2016, l’anno in cui è stato completato, secondo i registri fiscali. Il progetto è stato realizzato da un’azienda canadese controllata dalla famiglia dell’uomo più ricco della Malesia, Tony Tiah Thee Kian, che gestisce hotel in Cina e altrove. La CNN ha riferito nel 2018 che l’operazione di Vancouver è stata oggetto di una revisione del controspionaggio relativa alla necessità di Ivanka Trump di ottenere un nulla osta di sicurezza.

E non molto tempo dopo aver vinto le elezioni del 2016, Trump ha riferito di aver venduto un attico in uno dei suoi edifici di Manhattan per $ 15,8 milioni a un’imprenditrice cinese-americana di nome Xiao Yan Chen, che ha acquistato l’unità, precedentemente occupata da Ivanka Trump e suo marito, Jared Kushner, in una transazione fuori mercato. La signora Chen gestisce una società di consulenza internazionale e, secondo quanto riferito, ha legami di alto livello con il governo e le élite politiche in Cina.

I registri fiscali di Trump mostrano che ha riportato una plusvalenza di almeno $ 5,6 milioni dalla vendita dell’attico nel 2017, il suo primo anno da presidente.Dalla Russia alla Cina tutti gli affari segreti di Trump

Facebook Comments
Condividi