Denuncia First Cisl: dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

0
Condividi

J’accuse della First Cisl contro lo scandalo dei dissesti bancariDenuncia First Cisl dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

Dissesti miliardari, manager d’oro, risparmiatori e bancari carne da macello. Dal 2011 fino al dissesto, le dieci banche italiane travolte dalla crisi hanno pagato 113 milioni di compensi ai loro amministratori. Lo denuncia l’analisi comparativa, effettuata dall’Ufficio Studi della First Cisl, tra compensi e ricadute economiche e occupazionali degli ultimi sette anni.

Denuncia First Cisl dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

Giulio Romani Segretario Generale First Cisl

“Non è forse un disastro questo? Eppure in Italia non c’è una legge sul disastro bancario, una carenza inaccettabile, che va colmata” afferma il Segretario generale di First Cisl, Giulio Romani.

  • Come sono stati sanzionati i dissesti?

In assenza di una precisa norma, proposta dalla First Cisl che introduca il reato di disastro bancario, sinora si contano appena 67 milioni di sanzioni irrogate dalle varie autorità di vigilanza e di garanzia ai manager o alle loro banche.

Denuncia First Cisl dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

  • Un gravissimo colpo di spugna pagato oltre tutto dalla collettività

A fronte di tanta generosità i esiti sono drammatici: 27,6 miliardi di perdite, 10,6 miliardi di soldi pubblici utilizzati per fronteggiare le emergenze, 3,4 miliardi bruciati dal Fondo Atlante, 4,7 miliardi stanziati dal Fondo di risoluzione, 14.000 posti di lavoro perduti, cui si aggiungono altre 5.000 uscitein Intesa, 470.000 azionisti che hanno perso del tutto o in parte i loro risparmi, con l’aggiunta di migliaia di obbligazionisti, alcuni solo parzialmente rimborsati con 181 milioni del Fondo interbancario

  • Come rimediare all’evidente vulnus legislativo che penalizza  risparmiatori e cittadini?

Non solo in Italia manca una legge che punisca chi procura dissesti bancari che arrecano danni enormi all’occupazione e al risparmio privato, ma addirittura c’è l’aggravante che clienti e lavoratori non hanno alcuna voce in capitolo sulle gestioni delle aziende di credito. Ecco perché chiediamo che nei Cda delle banche sieda un garante pubblico indicato dalla Banca d’Italia di concerto con il Mef, che negli organi di controllo ci sia una rappresentanza minima dei dipendenti e che si costituiscano i voting trust che consentano ai piccoli azionisti di far valere la loro voce nelle assemblee.Denuncia First Cisl dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

“Colpisce – spiega il responsabile dell’ufficio studi di First Cisl, Riccardo Colombani – lo scarso potere di deterrenza esercitato dai meccanismi sanzionatori delle autorità italiane ed europee, che hanno disposto provvedimenti per un importo complessivo pariall’incirca alla metà dei compensi pagati agli amministratori.

La sanzioni più pesanti le ha irrogate la Banca d’Italia, per un valore complessivo di 26,8 milioni, di cui 4,9 a Mps, 4,8 a Etruria, 4,5 a Banca Marche, 3,3 a Carife, 3,7 alla Popolare di Vicenza e 2,8 a Veneto Banca, ma non sono passate indenni neanche le altre quattro banche toccate dalla crisi, con Caricesena a 950 mila, Carim a 835 mila, CariChieti a 774 mila e Carismi a 335 mila.Denuncia First Cisl dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

Non sono molto lontani in valore i 24,5 milioni di sanzioni della Consob, che si concentrano però su sei banche e riguardano per ben 9,2 milioni la Popolare di Vicenza e per 6,1 milioni Veneto Banca, mentre su Mps gravano per 5,4 milioni e su Etruria per 2,7, con Caricesena e Banca Marche a chiudere il conto rispettivamente a 638 e 420 mila euro. La Popolare di Vicenza è inoltre stata sanzionata per 4,5 milioni dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato e per 11,2 milioni dalla Bce. In tutto, l’ex banca vicentina ha ricevuto sanzioni per 28,5 milioni, comunque inferiori ai 32,2 milioni pagati nel periodo ai suoi amministratori. Di fatto- denuncia l’Ufficio Studi della First Cisl –  nelle due venete si concedevano compensi monstre: in sei anni gli amministratori e i top manager delle due banche hanno incassato 62,8 milioni di euro, con i drammatici esiti che sono noti a tutti.Denuncia First Cisl dissesti miliardari manager d’oro disastri bancari senza colpevoli

 

Condividi