Governo: scenari del presepe della crisi annunciata

0
1287
Governo scenari del presepe della crisi annunciata
Condividi

Nella clessidra della crisi annunciata la sabbia corre veloce. Time out fra il 7 e  il 10 gennaio 2021.

Nella surreale verifica fra il Premier Conte e i partiti della maggioranza, una verifica che ha assunto le caratteristiche delle consultazioni delle crisi politiche in pieno svolgimento, sono stati certificati e messi nero su bianco gli ostacoli che impediscono di fatto la coesione della maggioranza e sostanzialmente fanno venir meno la fiducia nei confronti del Premier.Governo scenari del presepe della crisi annunciata

A parte l’evanescenza attendista dei 5Stelle, le posizioni del Pd e dei renziani sono coincidenti nei tre punti centrali del confronto dei leader e dei partiti con Giuseppe Conte: recovery plan condiviso, accesso al Mes sanitario, conferimento della delega per l’intelligence a un sottosegretario.

In attesa dell’approvazione della legge di bilancio e delle risposte di Conte alle richieste di Pd e Italia Viva, nei palazzi delle istituzioni non è passata inosservata la freudiana frase con la quale il Ministro delle Politiche agricole ha replicato a Conte, che nel corso del breve e apparentemente cordiale, ancorché imbarazzato, incontro a Palazzo Chigi con i renziani, ha alluso all’ ”anomalia” che sarebbe rappresentata dalla nascita di Italia Viva successivamente al giuramento dei ministri del suo secondo governo.

Governo scenari del presepe della crisi annunciata
Teresa Bellanova

“La vera anomalia è avere lo stesso premier in due governi con opposte maggioranze politiche” é il senso della tranchant risposta di Teresa Bellanova.

Valutazione che lascia intravedere scenari diversi dal successo dell’eventuale reincarico a Giuseppe Conte per formare il cosiddetto Governo del rimpasto e presentarsi in Parlamento per la fiducia.

Scenari che includono il ricorrente Governo della ricostruzione presieduto da Mario Draghi o dal Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Con una ipotetica variabile politica riguardante Luigi Di Maio.

Esecutivo di garanzia, di messa in sicurezza dei conti pubblici e di riforme, più volte sollecitato anche dagli ambienti economici e internazionali.

Governo scenari del presepe della crisi annunciata
Il Premier Giuseppe Conte, Mario Draghi e Vincenzo Visco

Al Nazareno e alla Farnesina ritengono che comunque il Presidente del Consiglio non si rassegnerà e che potrebbe ricorrere al dibattito parlamentare per spezzettare l’accerchiamento politico e interrompere lo stillicidio della crisi incipiente.

Una mossa che  nella rovente estate del Papete consentì all’abilità strategica e dialettica di Giuseppe Conte di ribaltare la sfida delle plateali dimissioni da vice Premier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini e del ritiro della fiducia della Lega.

Governo scenari del presepe della crisi annunciata
Dibattito parlamentare dell’agosto 2019 sul Governo Conte 1

La notevole e sostanziale differenza rispetto all’agosto del 2019 è che il Pd e Italia Viva, o comunque il solo Matteo Renzi, non sono Salvini, hanno un know-how  politico che risale alla Dc di De Gasperi, Moro, De Mita e Andreotti, del Psi di Craxi e della sinistra post berlingueriana di Dalema e Veltroni.

In più Renzi sfoggia un’oratoria convincente, ironica e trascinante e dopo la rovinosa esperienza della sconfitta al referendum costituzionale ha imparato a meditare e preparare con cura mosse e contromosse.

È incontrovertibile infatti che il Governo Conte bis, retto da una maggioranza 5 Stelle, Pd, renziani e sinistra sia stato concepito e reso possibile Renzi.

Affrontare con dati di fatto, in un dibattito parlamentare sulla fiducia al governo, Matteo Renzi al Senato e la capogruppo alla Camera di Italia Viva, Maria Elena Boschi, non è affatto la stessa cosa che confrontarsi con Salvini a Palazzo Madama e col capogruppo della Lega a Montecitorio, Riccardo Molinari. Con l’aggiunta dei molti distinguo al limite delle accuse che, come per il recente dibattito parlamentare sul Mes, verrebbero espressi dagli esponenti del Pd e in particolare dai capogruppo alla Camera e al Senato Graziano del Rio e Andrea Marcucci.

Prevale insomma la considerazione che l’accelerazione in direzione della crisi sia stata determinata dalla svolta dell’elezione di Joe Biden alla Presidenza degli Stati Uniti.

L’impressione è che Matteo Renzi abbia intuito che l’effetto domino avrebbe determinato la nascita di un governo di assoluta lealtà atlantica, oltre che di ricostruzione e di garanzia,  con una maggioranza allargata,  spacca centrodestra.

Un governo che potrebbe consentire all’ex Premier e segretario del Pd di riappacificarsi, rientrando da figliol prodigo al Nazareno e sperare di essere concretamente candidato nel 2022 alla successione del Segretario Generale della Nato, Stoltemberg. Un incarico di grande incidenza internazionale, che a 50 anni dallo storico precedente di Manlio Brosio toccherebbe all’Italia.

Governo scenari del presepe della crisi annunciata
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Scenari in movimento, ma con i leader che attendono per le scelte decisive, le cruciali parole del tradizionale discorso di fine anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che si preannuncia ancor più rigoroso e incisivo di tutte le precedenti disamine del Capo dello Stato.

Un intervento di rilevanza costituzionale in uno dei momenti più delicati e difficili attraversati dall’Italia nei 75 anni di storia della Repubblica.

Governo scenari del presepe della crisi annunciata

Facebook Comments
Condividi