HomeRisvoltiGuerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra

Guerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra

Intelligence in guerra fra  Mosca e LondraGuerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra

In superficie è una battaglia senza esclusione di colpi, dietro le quinte è mille volte peggio. Perché quella in corso fra Mosca e Londra è la più sporca, spietata e devastante  guerra di spie che sia stata mai combattuta.

Una guerra iniziata nel 1930 quando il Komintern del regime comunista sovietico riesce a sedurre ideologicamente un gruppo di studenti dell’Università di Cambridge che diventeranno l’elite dei servizi di sicurezza Inglesi. Si trattava di: Kim Philby, Guy Burgess, Donald Duart Maclean, Anthony Blunt e John Cairncross che per oltre mezzo secolo hanno inquinato e manipolato lo spionaggio del Regno Unito.Guerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra i cinque di Cambridge

Un sofisticatissimo sistema di intelligence in grado di intercettare e decifrare tutte le comunicazioni e che  ha contribuito in maniera preponderante a far vincere alla Gran Bretagna la seconda guerra mondiale.

  • Philby nell’MI6 giunse fino al grado di capo della sezione sovietica e spiò anche la Cia.
  • Cairncross oltre a passare ai sovietici le trascrizioni delle intercetazioni di Bletchley Park, il segretissimo quartier generale dove si decifravano le comunicazioni in codice di mezzo mondo, diventò segretario del Ministro degli Esteri inglese.
  • Blunt ricoprì fino al ’79 la carica di sovrintendente artistico della Corona.
  • Maclean fece carriera al  Foreign Office fino alla alla nomina di primo segretario all’Ambasciata inglese di Washington.
Guerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra Theresa May e Wladimir Putin
Theresa May                           Wladimir Putin

Una gravissima emorraggia di segreti passati ai sovietici che ha provocato danni incalcolabili e la morte di migliaia di agenti occidentali.  I cinque di Cambridge vennero smascherati soltanto grazie alla scoperta negli Stati Uniti di diverse talpe del Kgb, il servizio segreto di Mosca. In particolare l’arresto nel 1994 a Washington di Aldrich Ames, responsabile della direzione della Cia per l’analisi delle operazioni dei servizi segreti di Mosca.

Guerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra i cinque di Cambridge

Fra l’intelligence inglese e quella post sovietica della Russia del Presidente ed ex agente del Kgb  Wadimir Putin, è dunque in corso da decenni una mortale rivincita che si è trasformata in una sfida infinita. Un duello fra chi, come i britannici, è in grado di arruolare più agenti avversari e quanti, come i russi,  hanno costituito degli squadroni della morte per eliminare sistematicamente e con qualsiasi mezzo gli 007 di Mosca che passano al servizi segreti inglesi.Guerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra i cinque di CambridgeGuerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra

Quasiasi mezzo: per evvelenare all’inizio di marzo a Salisbury l’ex colonnello dell’intelligence del Cremlino Sergeij Skripal ed assassinare nel  2006 a Londra  l’ex agente russo Aleksandr Litvinenko, sono state utilizzate molecole di gas nervino e isotopi di polonio. Quantità abnormi di un’arma di distruzione di massa e di elementi nucleari in grado di sterminare gli abitanti di intere città.

Dall’apparente battaglia di spie, Mosca è passata ad un atto di guerra in territorio Nato. Un’escalation che rischia di provocare un  salto nel buio incontrollabile e un confronto sempre più teso che potrebbe non essere più in grado di fermarsi.Guerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra i cinque di CambridgeGuerra aperta e odio mortale fra le intelligence di Mosca e Londra

 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3524 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3524 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
43 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
18 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS