Il grande balzo in avanti della Cina post pandemia

0
640
Il grande balzo in avanti della Cina post pandemia
Condividi

Pubblichiamo la sintesi dell’analisi del Financial Times sull’exploit della valuta cinese. Un balzo in avanti straordinario che evidenza l’impetuosa ripresa economica di Pechino che sembra aver bypassato lo choc produttivo della pandemia.

In Cina con i mercati sostenuti dalla ripresa economica e dalla possibile vittoria alle elezioni statunitensi di Biden la domanda di asset è in forte espansione.

Da quando la crisi del coronavirus ha colpito i mercati globali a marzo, il renminbi, la valuta cinese ha realizzato venerdì 9 ottobre il suo più grande apprezzamento di valore degli ultimi 15 anni, sostenuta dall’ondata di domanda estera di asset cinesi e dalle crescenti aspettative che una vittoria di Joe Biden nelle elezioni presidenziali statunitensi potrebbe aiutare a ripristinare le relazioni tra le due superpotenze.Il grande balzo in avanti della Cina post pandemia

Il renminbi onshore, che non era stato scambiato dal 30 settembre a causa della lunga festività del National Day, venerdì è salito dell’1,45% a 6,6930 Rmb per dollaro, il più grande aumento di un giorno da quando la valuta si è depotenziata dal dollaro nel 2005. Il renminbi offshore, che è stato scambiato durante le festività ed è regolamentato in modo più approssimativo, è salito dello 0,9% a Rmb6,68.

La domanda di asset cinesi è in forte espansione da quando la crisi del coronavirus ha stravolto i mercati globali a marzo, a causa dell’accelerazione della ripresa economica nel paese e dei rendimenti relativamente elevati disponibili dalle sue obbligazioni. Ora, la crescente probabilità di una vittoria di Biden, in particolare con il potenziale per una “ondata blu” per i Democratici in entrambe le Camere del Congresso, ha contribuito a sollevare ulteriormente la valuta cinese.L'analisi del Financial Times sullo straordinario apprezzamento della valuta di Pechino evidenzia il grande balzo in avanti della Cina

“L’opinione del mercato è che il modo in cui un’amministrazione Biden prospetta le relazioni USA-Cina sarà probabilmente meno conflittuale e certamente utilizzerà meno il commercio come strumento o arma contro la Pechino”, ha detto Daniel Been, capo della strategia di cambio presso ANZ, l’Australia and New Zealand Banking Group.

Kaspar Hense, gestore di portafoglio presso BlueBay, ha affermato che la valuta negoziata offshore potrebbe rafforzarsi fino a Rmb6,50 nei prossimi tre-sei mesi.

I dati economici comunicati indicano che la Cina si sta riprendendo dallo shock della pandemia. L’indice dei responsabili degli acquisti di Caixin China General Services, una misura indipendente del settore dei servizi, ha mostra che l’attività è salita al livello più alto in tre mesi a settembre.

Larry Hu, capo economista cinese di Macquarie, ha indicato l’aumento delle vendite al dettaglio e un aumento “significativo” del 17% su base annua del traffico passeggeri interno all’aeroporto di Shanghai durante le vacanze. “È chiaro che i consumi, soprattutto quelli dei servizi, stanno migliorando”, ha aggiunto.

Ciò è in contrasto con gli Stati Uniti, dove le autorità stanno ancora combattendo per contenere la diffusione del Covid-19 ei politici stanno discutendo a Washington su un nuovo pacchetto di sostegno fiscale.

Christy Tan, responsabile della strategia per i mercati asiatici presso la National Australia Bank, ha affermato che le autorità cinesi stanno mostrando una maggiore disponibilità a far salire il renminbi – una pausa dagli sforzi storici per smorzare la valuta nel tentativo di sostenere il commercio.

“La prospettiva di apprezzamento del renminbi sta diventando più strutturale – non è più solo ciclico”, ha detto la signora Tan. “C’è un senso di fiducia che il renminbi stia diventando sempre più internazionalizzato”.

Il percorso della valuta ora dipende dal voto degli Stati Uniti di novembre. “La maggiore probabilità di sweep blu dopo il primo dibattito presidenziale apre spazio per un maggiore apprezzamento del renminbi”, ha detto Lu Sun, uno stratega della banca statunitense Citi. “Una vittoria di Biden sarebbe probabilmente positiva per la valuta, e una vittoria di Trump o un risultato contestato negativo”.Il grande balzo in avanti della Cina post pandemia

Facebook Comments
Condividi