Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostra

356
Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostra
Condividi

PAGINE

Rubrica di critica recensioni e anticipazioni  

Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostraby Adriana Piancastelli

E’ una testimonianza di profondo acume investigativo, di logica e lucidità professionale e di valenza sociale il saggio “Modelli criminali-mafie di ieri e di oggi” scritto a quattro mani dai magistrati Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino e presentato a Roma presso la Società Dante Alighieri.

Da tempo non esiste più una sola mafia che parla in siciliano: il modello criminale associativo è una manifestazione di cultura – nell’accezione del fenomeno subculturale – introiettato e metabolizzato non soltanto a livello di area geografica locale, ma operativo in ambito nazionale ed internazionale.

Le mafie di ieri e quelle dei nostri giorni appartengono ad una zona d’ombra che non può essere di interesse limitato alle forze che si occupano di indagini e di sicurezza: gli schemi comportamentali più o meno violenti, più o meno aggressivi, ne fanno un modello culturale ed esistenziale il cui zoccolo duro permea molte realtà che vivono e prosperano incuneate in un sistema  indifferente, spesso rassegnato e tollerante.

Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostra
Michele Prestipino Giuseppe Pignatone

La patologia sociale non può essere ridimensionata o, peggio, negata per logiche astratte di DNA.

Qualcuno –  come ha ricordato con ironia amara Giuseppe Pignatone – ha sostenuto che nella Capitale ” la mafia non esiste” e “…la corruzione c’è sempre stata”.

E il modello criminale mafioso – declinato in “cosa nostra” o “‘ndrangheta” poco cambia – ha continuato a nutrirsi di legami di sangue e di famiglie, di opportunismi e di ricatti, di tolleranze e paternalismi politici e religiosi fino a diventare un palese stile di vita, persino esibito, ridondante e pacchiano nell’icona dei Casamonica.Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostra

Le forme mafiose sono arcipelaghi, isole diffuse formate da zolle dello stesso magma il cui legame psicologico è focalizzato nella presunzione della invincibilità saldata da indulgenze sociali, culturali

e religiose: indimenticabili i pizzini di Bernardo Provenzano con i continui richiami alla esecuzione della volontà divina.

L’approccio processuale Pignatone-Prestipino ha apportato intuizioni e realizzazioni nel coordinamento delle Forze dell’Ordine e di quanti – dietro le piccole monotonie quotidiane senza ribalta – hanno consentito l’apertura di confini più vasti agli standards criminali radicati in qualche regione .

Il “metodo Pignatone” è un percorso giuridico, culturale e sociale che ha consentito l’ampliamento di orizzonti geografici e antropologici fornendo la corretta definizione “mafiosa” ad una serie di azioni e di reati odiosi, ripetuti e stigmatizzati persino in espressioni ormai di uso gergale comune come “terra di mezzo”.Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostra

Il saggio si apre con un ringraziamento simbolico a “tutti quelli che hanno lavorato insieme a noi” e si chiude con un’affermazione solo apparentemente banale di Carminati, in cui gli Autori hanno mutato con forza la contestualizzazione temporale: dal mesto “…questa volta è stato più forte  lo Stato…” del condannato, è nato il richiamo potente che chiude il libro “E’ stato, è sarà sempre, più forte lo Stato”.

Insieme agli Autori, hanno discusso Massimo Franco, Mario Monti e Andrea Riccardi.  Ad ascoltarli, un pubblico competente, attento con molte presenze istituzionali ed i vertici delle Forze dell’Ordine, proprio come accade nella quotidianità del lavoro di chi vive l’antimafia  come impegno vocazionale e professionale.

Metamorfosi e mutazioni genetiche di cosa nostra

Facebook Comments
Condividi