Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

0
Condividi

Riconosciuta l’esistenza della mafia a Roma Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

Roma caput mafia. Mafia Capitale non è più una definizione, un titolo giornalistico, ma una verità processuale.

Una realtà sancita dalla Corte d’Appello di Roma, presieduta da Claudio Tortora, che ha ribaltato la sentenza di primo grado e riconosciuto la sussistenza dell’associazione mafiosa per sette dei 43 imputati del primo processo celebrato nella capitale per 416 bis, l’articolo del codice penale che delinea le specificità delle associazioni per delinquere di stampo mafioso.

Foto Vincenzo Livieri - LaPresse 11-09-2018 - Roma Cronaca Aula Bunker del carcere di Rebibbia. Sentenza d'appello del processo Mafia Capitale. Nella foto il giudice Claudio Tortora Photo Vincenzo Livieri - LaPresse 11-09-2018 - Roma News Bunker of the Rebibbia prison. Sentence of appeal of the Mafia Capital process. In the picture Claudio Tortora

Lettura dispositivo sentenza d’appello processo mafia capitale

Ai vertici di mafia capitale, secondo le accuse confermate dalla sentenza d’appello, vi erano l’ex terrorista neofascita dei Nar Massimo Carminati e il ras delle coop romane, Salvatore Buzzi. Per Carminati la sentenza di secondo grado prevede una riduzione della pena dai 20 anni del primo processo a 14 anni e sei mesi. Riduzione di condanna anche per Buzzi: dai precedenti 19 anni a 18 anni e 4 mesi.

Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

Massimo Carninati

Oltre che a Carminati e Buzzi i giudici hanno riconosciuto l’associazione per delinquere di stampo mafioso anche per Claudio Bolla (4 anni e 5 mesi), Riccardo Brugia (11 anni e 4 mesi), Emanuela Bugitti (3 anni e 8 mesi), Claudio Caldarelli (9 anni e 4 mesi), Matteo Calvio (10 anni e 4 mesi).

Condannati anche Paolo Di Ninno (6 anni e 3 mesi), Agostino Gaglianone (4 anni e 10 mesi), Alessandra Garrone (6 anni e 6 mesi), Luca Gramazio (8 anni e 8 mesi), Carlo Maria Guaranì (4 anni e 10 mesi), Giovanni Lacopo (5 anni e 4 mesi), Roberto Lacopo (8 anni), Michele Nacamulli (3 anni e 11 mesi), Franco Panzironi (8 anni e 4 mesi), Carlo Pucci (7 anni e 8 mesi) e Fabrizio Franco Testa (9 anni e 4 mesi).

Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

Salvatore Buzzi

“Riconosciuta fondatezza del nostro lavoro” ha affermato il sostiuto Procuratore Luca Tescaroli che assieme al Procuratore aggiunto Giuseppe Cascini ha rappresentato la pubblica accusa.

Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

Luca Tescaroli

“Abbiamo sempre detto che le sentenze vanno rispettate: lo abbiamo fatto in primo grado e lo faremo anche adesso. La Corte d’appello ha deciso che l’associazione criminale che avevamo portato in giudizio era di stampo mafioso e utilizzava il metodo mafioso. Era una questione di diritto che evidentemente i giudici hanno ritenuto fondata” ha commentato Cascini che ha sottolineato come la sentenza d’appello rappresenti un “ punto d’arrivo di un intenso impegno e al tempo stesso di partenza”.

Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

Giuseppe Cascini

“La consapevolezza dell’esistenza anche a Roma e nel Lazio di forze criminali in grado di condizionare la vita economica e politica e di indurre timore nella popolazione” – ha affermato inoltre il Procuratore aggiunto Giuseppe Cascini-  “resta il centro di riferimento delle iniziative giudiziarie, che devono necessariamente essere accompagnate dalla crescita della coscienza civile e dal risanamento della struttura della pubblica amministrazione”.Roma caput cosca mafia capitale non è più una definizione

Fonti: Ansa  AdnKronos Agi

 

Condividi