G7 di Taormina: no global già mobilitati

0
2686
G7 Taormina no global mobilitati
Condividi

 No global già sul piede di guerra per il G7

G7 Taormina no global mobilitati
          Milano 2015 Black Bloc in assetto di guerriglia

Fra rincorse per realizzare in tempo le infrastrutture e fibrillazioni degli apparati di sicurezza, gli unici già pronti, mobilitati, per  l’ assalto  all’acropoli di Taormina sono i numerosi gruppi antagonisti e no global che da settimane hanno iniziato a contarsi e a pianificare manifestazioni e iniziative di protesta.

Alle assemblee preparatorie di Giardini Naxos e Palermo seguiranno vari vertici, in parte collettivi ed altri segreti ed operativi, per mettere a punto strategie di contatto e di comunicazione.G7 Taormina no global mobilitatiAl già lungo elenco di no global, centri sociali, sindacati di base, sinistre radicali, associazioni e comitati territoriali anti Muos e Frontex, si teme soprattutto possano aggiungersi anche i Black Bloc, gruppi di varia nazionalità specializzati in violenze e guerriglie urbane.

Oltre ai rigidi controlli alle frontiere e agli scali aeroportuali sono scattate ulteriori verifiche nei porti meridionali e siciliani in particolare. Taormina è già in stato d’assedio. Il Prefetto Francesca Ferrandino e il Questore di Messina, Beppe Cucchiara, hanno escluso che prima e durante i giorni del summit internazionale del 26 e 27 maggio nella sede del G7 possano svolgersi cortei e manifestazioni.

Ma l’obiettivo degli antagonisti, se non proprio provare a replicare il G8 di Genova 2001, resta quello di promuovere una grande manifestazione di protesta in contemporanea con l’avvio del G7.

Forum internazionale e manifestazioni di protesta che si terranno alternativamente a Giardini Naxos, e durante i quali le molte pacifiche intenzioni dei circa 7 mila no global previsti rischiano di essere strumentalizzate dai cattivi propositi dei gruppi estremisti.G7 Taormina no global mobilitati In cifre a Taormina saranno presenti nei giorni del summit oltre 5 mila componenti delle delegazioni partecipanti e 4 mila giornalisti accreditati. Interdetta al volo, controllata da droni e satelliti, difesa anche dal mare da vari sistemi antimissile, l’area sarà presidiata da circa 50 mila componenti delle forze dell’ordine.

Oltre alle delicate problematiche economiche e geo strategiche il G7 di Taormina, presieduto dal Premier Paolo Gentiloni, sarà caratterizzato dall’esordio internazionale del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, e soprattutto dal battesimo del neo Presidente francese appena eletto, al primo turno il 23 aprile oppure, come sembra più probabile, il 7 maggio.G7 Taormina no global mobilitati

 

Facebook Comments
Condividi