Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

0
229
Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin
Condividi

Riemersi dalla tempesta della pandemia e dallo stillicidio del lockdown, i ristoranti stellati vanto e orgoglio della grande tradizione della cucina italiana affrontano come una liberazione dall’incubo del covid il banco di prova dell’uscita della 67esima edizione della Guida Michelin.Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

Le assegnazioni delle Stelle contrassegna il livello, gli standard qualitativi e l’insieme delle caratteristiche uniche che segnano il destino e il successo di un ristorante e di uno chef.

Equivalenti a medaglie d’oro al valore conquistate sul campo di battaglia, le Stelle Michelin distinguono secondo i vari gradi “una cucina ottima, meritevole di una tappa del viaggio” per le 329 insegne designate con una Stella;

una “una cucina eccellente per la quale é consigliata fare una
deviazione nel proprio itinerario” per i 38 ristoranti con due Stelle, e “una cucina che vale un viaggio ad hoc” per le 11 Tre stelle per un totale di 378 ristoranti stellati in Italia.Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

Complessivamente 36 le nuove Stelle italiane riconosciute a 35 ristoranti di 14 regioni, con la sorpresa del ristorante Tre Olivi di Paestum, passato da zero a due stelle.
Nella Guida figurano 2 new entry con due stelle e 33 novità con una stella, per un totale di 378 ristoranti. Confermati tutti gli 11 ristoranti con tre stelle che “valgono il viaggio”.

I 17 ristoranti ai quali gli ispettori hanno assegnato la Stella Verde, fanno salire a 30 il totale dei ristoranti con questo particolare riconoscimento, un simbolo che
contraddistingue i ristoratori in prima linea sul fronte della sostenibilità  e può essere attribuito a qualsiasi ristorante, non solo ai ristoranti stellati o ai Bib Gourmand. Nell’assegnare la Stella Verde, gli ispettori prendono in considerazione molteplici fattori: la produzione delle materie prime, il rispetto del lavoro e il supporto dei produttori locali, la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti, le azioni mirate a minimizzare l’utilizzo delle risorse energetiche e l’impatto della struttura sull’ambiente, la formazione sostenibile dei giovani, sono solo alcuni dei temi.Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

Nella classifica delle stelle per regioni, la Lombardia mantiene la leadership grazie ai 56 ristoranti (3 con tre stelle, 5 con due, 48 con una) ed ai 4 nuovi stellati. La Campania si aggiudica invece il record
annuale di novità (ben 7) salendo al secondo posto con 48 ristoranti, (8 con due stelle e 40 con una). Di conseguenza il Piemonte, 1 novita’ e 45 ristoranti (1 con tre stelle, 4 con due, 40 con una), scende sul gradino più basso del podio mentre con una new-entry e 41 ristoranti (1 con tre stelle, 5 con due,35 con una), la Toscana scala in quarta posizione davanti al Veneto che a fronte del totale di 36, è la seconda regione più premiata del 2022 grazie a 5 nuovi ristoranti stellati (1 con tre stelle,4 con due, 31 con una) presenti in guida.

Tra le province, Napoli si conferma prima per distacco con 30 ristoranti (6 con due stelle e 24 con una) seguita da Roma in seconda posizione con 20 (1 con tre stelle, 1 con due, 18 con
una ) e quindi da Bolzano; terza a quota 19 ristoranti (1 con tre stelle, 3 con due, 15 con una) davanti a Cuneo con 18 (1 con tre stelle, 2 con due, 15 con una). Milano scivola in quinta posizione con 16 ristoranti stellati (1 con tre stelle, 3 con due, 12 con una.

Nel linguaggio della guida, le insegne con tre stelle propongono una cucina che “vale un viaggio”, ed i ristoranti  selezionati sono: Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

  • Piazza Duomo ad Alba (CN),

  • Da Vittorio a Brusaporto (BG),

  • St. Hubertus, a San Cassiano (BZ),

  • Le Calandre a Rubano (PD)

  • Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN)

  • Osteria Francescana a Modena

  • Enoteca Pinchiorri a Firenze

  • La Pergola a Roma,

  • Reale a Castel di Sangro (AQ)

  • Mauro Uliassi a Senigallia (AN)

  • Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

    Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin
    Antonino Cannavacciuolo

Fra le new entry  la prima Stella Michelin che arriva a Laqua Country nella casa che racchiude  tutti i ricordi d’infanzia di Antonino Cannavacciuolo, un abitué di Michelin perché  il suo Villa
Crespi sul lago d’Orta é  un bistellato, ha poi una stella il Cannavacciuolo Café  & Bistrot a Novara e ancora una il Cannavacciuolo Bistrot a Torino.

Soddisfatto anche Claudio Sadler che porta la giubba stellata alla brigata del “Gusto by Sadler” San Teodoro (Sassari) nella Sardegna dove brillano altre due nuove stelle: al ristorante Fradis Minoris a Pula (Cagliari),premiato anche con la stellaverde per l’impegno sulla
sostenibilità, e Somu con la cucina di Salvatore Cannedda  ad Arzachena/Baia Sardinia (Sassari).

La Stella  torna nella città di Palermo e la conquista, in pieno centro storico, Gagini Restaurant.Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

Perdono  invece la Stella:

  • La Stua de Michil in Alta Badia (Bolzano),  

  • L’Aria a Blevio (Como),

  • Le Colonne a Caserta,

  • Le Petit Bellevue a Cogne (Aosta),

  • La Taverna a Colloredo di Monte Albano (Udine)

  • Ora d’Aria a Firenze

  • Villa Giulia a Gargnano (Brescia)

  • It a  Milano

  • Ambasciata a Quistello (Mantova)

  • La Fenice a Ragusa

  • Bistrot 64 a Roma

  • Il Ridotto a Venezia

  • Osteria da Fiore a  Venezia

  • Il Portale a Verbania/Pallanza

  • Cinzia da Christian

  • Manuel a Vercelli.Nuove Stelle e stelle cadenti della Guida Michelin

Facebook Comments
Condividi