HomeLapidiPapa Ratzinger il conservatore innovatore

Papa Ratzinger il conservatore innovatore

Joseph Ratzinger, Papa Benedetto XVI, è spirato nella santità. Da profondo teologo, ha vissuto e servito con totale devozione una fede mistica. Da Cardinale prima e da Pontefice poi ha custodito e preservato, in realtà con un effetto riformatore, una Chiesa profondamente conservatrice in contro tendenza storica e sociale rispetto all’evoluzione dell’umanità e della globalità.

Papa Ratzinger il conservatore innovatore
Papa Benedetto XVI

A differenza del detto popolare “morto un Papa se ne fa un altro“, quando scompare un Papa emerito non se ne fa nessun altro. E’ la prima volta che la storia moderna assiste alla scomparsa di un Pontefice emerito, ovvero di un Papa che  pur non esercitando più le funzioni gode comunque della qualifica e degli onori.

In ogni caso il grande spessore teologico ed umano di Ratzinger lascia in Vaticano una profonda impronta.

Definito un conservatore era in effetti un innovatore perché aveva come unici punti di riferimento la fede e il Vangelo, parametri di per se sempre e comunque rivoluzionari.Papa Ratzinger il conservatore innovatore

Molto più dei contemporanei, la storiografia valuterà la figura e il pontificato di Joseph Ratzinger inquadrandoli nel novero dei riformatori della Chiesa universale. Un riformatore, che nel febbraio del 2013 con la saggezza e la dolcezza dei tempi e dei modi delle dimissioni da Papa, ha avviato un silenzioso aggiornamento storico e geopolitico di rilancio dell’azione pastorale della Chiesa che neanche i cinquanta anni successivi al Concilio Ecumenico Vaticano II erano riusciti a dispiegare completamente.

Al di là delle motivazioni e dei retroscena, la renuntiatio pontificalis, la rinuncia di Benedetto XVI all’ufficio di romano pontefice ed al ministero Petrino, segna un spartiacque per la Chiesa Cattolica, la cui millenaria universalità in comunione con il Pontefice risale alla predicazione di Gesù Cristo e degli Apostoli.

Una universalità che ha retto a varie e gravi vicissitudini storiche, ma che da decenni si confronta, con crescenti difficoltà, con la sfida di una secolarizzazione che cavalca l’avvento del web e della rete.

Sottraendo la ieratica identificazione del ruolo del Pontefice con lo stesso dogma dell’infallibilità, la svolta delle dimissioni di Ratzinger ha concorso non poco alla umanizzazione del ruolo della Chiesa e ne ha rilanciato, con la successione di Papa Francesco, la vocazione caritatevole, assistenziale e compassionevole, a scapito delle autocelebrazioni gerarchiche e di potere. Del potere fra i poteri.Papa Ratzinger il conservatore innovatore

Le parole di Ratzinger rimangono scolpite nella storia: «Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino… Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005.»

Eletto Pontefice col nome di Benedetto XVI Joseph Ratzinger è stato il 265° papa della Chiesa Cattolica, successore di Giovanni Paolo II. E’ rimasto in carica fino alle ore 20:00 del 28 febbraio del 2013.

Una rinuncia al Papato, quella di Ratzinger amplificata dai mezzi di comunicazione di tutto il mondo, che ne hanno sottolineato l’eccezionalità e la portata storica, anche se la rinuncia è regolamentata dal diritto canonico. L’ultimo papa a rinunciare al pontificato prima di Benedetto VI era stato Papa Gregorio XII nel 1415. Ma il caso più famoso di dimissioni papali restano quelle di Celestino V rimasto in carica fino per cinque mesi nel 1294.

Oltre ai 700 anni di distanza l’una dall’altra, la rinuncia al Papato di Celestino V e di Benedetto XVI  hanno un significativo risvolto comune: entrambi hanno letto al cospetto di un Concistoro il documento che esprimeva la libera volontà di ritirarsi ad una vita ascetica e di  preghiera. E’ la prassi della prevista nella norma Quoniam aliqui, inserita da Bonifacio VIII, il successore di Celestino V, nel Liber Sextus, e successivamente  codificata nel can. 221 del Codice pio-benedettino del 1917 con la formula: Si contingat ut Romanus Pontifex renuntiet, ad eiusdem renuntiationis validitatem non est necessaria Cardinalium aliorumve acceptatio”, «Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti».

L’unica differenza é che rispetto a Ratzinger, il quale ha istituito lo status di Pontefice emerito, sulla falsariga dei Vescovi che lasciano le Diocesi al compimento del 75esimo anno, Celestino nonostante la sua riconosciuta fama di santità, visse in pratica da recluso i due anni successivi della sua esistenza.

oni papali restano quelle di Celestino V rimasto in carica fino per cinque mesi nel 1294.
Bergoglio e Ratzinger

Come ulteriore eredità innovatrice, in una Chiesa attraversata da fermenti e tensioni, la scomparsa di Ratzinger è destinata ad imprimere una accelerazione al pontificato di Bergoglio. A cominciare dalle nomine nei prossimi mesi di almeno 10 nuovi Cardinali, tanti quanti nel 2023  (Bagnasco, Calcagno, Comastri, Duka, D’Rozario, Sandri, Sepe,Thorne, Yeom Soo Jung, Versaldi) supereranno la soglia degli 80 anni che li esclude dalla partecipazione al Conclave.

Papa Ratzinger il conservatore innovatore

Nomine di Porporati e Vescovi in merito alle quali Papa Francesco procederà senza più gli indugi dovuti al profondo rispetto sempre manifestato nei confronti del Papa Emerito.

Una svolta che  inaugurerà l’ incisivo rinnovamento generazionale della Curia Vaticana, delle Diocesi e delle Nunziature e segnerà  l’uscita di scena degli esponenti dell’ala conservatrice vaticana che negli ultimi anni hanno strumentalizzato l’immanenza carismatica di Ratzinger.

Per molti versi, più che la definitiva fine del Pontificato di Benedetto XVI, sta per scattare un nuovo inizio del Papato di Francesco.Papa Ratzinger il conservatore innovatoredi Celestino V rimasto in carica fino

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3433 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3433 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS