HomeRassegna StampaPerché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Pubblichiamo la sintesi del reportage del New York Times che analizza specificità e dati delle esponenziali esportazioni di auto cinesi in tutto il mondo. Non è un controsenso rispetto alla progressiva crisi economica di Pechino, ma la conferma delle cause della flessione dello sviluppo e del crescente rischio di implosione produttiva della Cina Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Perché la Cina sta inondando il mondo di automobiliAnche se le altre esportazioni della Cina vacillano, le case automobilistiche cinesi stanno registrando un forte aumento delle vendite all’estero, soprattutto per i modelli a benzina.

In un momento in cui molte esportazioni cinesi vacillano e i consumatori spendono meno in patria, Pechino sta inondando il mondo di automobili.

La domanda estera di veicoli economici prodotti in Cina, per lo più modelli a benzina che i consumatori cinesi ora evitano a favore delle auto elettriche, é così grande che il più grande ostacolo alla vendita di più all’estero é la mancanza di navi specializzate per trasportarli.Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Le case automobilistiche cinesi sono balzate in testa alla classifica in Russia da quando é iniziata la guerra in Ucraina, trasportando auto via treno. Le aziende hanno inoltre conquistato ampie quote di mercato nel sud-est asiatico, in Australia, in Sud America e in Messico. Con le persistenti tariffe dell’era Trump che frenano le vendite negli Stati Uniti, le case automobilistiche cinesi stanno preparando una grande spinta in Europa, una volta che avranno abbastanza navi.

I cantieri navali lungo il fiume Yangtze stanno costruendo una flotta di navi per il trasporto di automobili che fungono da giganteschi parcheggi galleggianti, in grado di trasportare 5.000 o più auto alla volta.

Il cantiere navale Jinling a Yizheng, una città vicino a Nanchino, “è attivo 24 ore su 24, ci sono turni notturni ogni giorno”, ha detto Feng Wanyou, un saldatore navale, durante una pausa pranzo.

Secondo i dati diffusi giovedì, le esportazioni complessive di beni cinesi, dai mobili all’elettronica di consumo, sono crollate del 5,5% nei primi otto mesi di quest’anno. Ma l’industria automobilistica cinese ha quadruplicato le esportazioni in soli tre anni, superando quest’anno il Giappone come leader mondiale. Quest’anno, le esportazioni di automobili sono aumentate dell’86% fino a luglio.

La voglia di spendere delle famiglie cinesi – per le nuove auto e quasi tutto il resto – é diminuita con il calo dei prezzi immobiliari. La fiducia dei consumatori ha mostrato pochi segnali di ripresa anche dopo la fine di quasi tre anni di rigorose politiche “zero Covid”.Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Quando le famiglie cinesi acquistano automobili, scelgono sempre più veicoli elettrici di produttori locali, che guidano la produzione globale di veicoli elettrici. Il risultato é un’immensa offerta di modelli a benzina che i consumatori cinesi non desiderano più ma che si continuano a vendere all’estero.

Le case automobilistiche cinesi sono bloccate con la capacità produttiva inutilizzata di costruire circa 15 milioni di auto a benzina all’anno. Hanno risposto inviando quest’anno più di quattro milioni di automobili sui mercati esteri, a prezzi stracciati.

“Perché hanno spinto verso le esportazioni? Perché devono: cosa hai intenzione di fare, chiudere una fabbrica? ” ha affermato Bill Russo, ex amministratore delegato di Chrysler China e ora amministratore delegato di Automobility, una società di consulenza di Shanghai.

In tutto il mondo, le case automobilistiche cinesi stanno conquistando quote di mercato. L’acciaio e l’elettronica utilizzati nelle automobili sono economici in Cina, il che dà alle case automobilistiche un vantaggio. I governi locali cinesi concedono inoltre alle aziende terreni quasi gratuiti, prestiti a interessi prossimi allo zero e altri sussidi.

Dopo anni di miglioramenti qualitativi e miglioramenti tecnologici, le auto cinesi, anche quelle con motori a combustione fuori moda, stanno attirando l’attenzione in occasione di eventi di settore come il salone dell’auto di Monaco di questa settimana.

In Australia, le case automobilistiche cinesi hanno superato i rivali sudcoreani nelle vendite e stanno recuperando terreno rispetto ai concorrenti giapponesi. La Cina ha anche ampliato rapidamente le esportazioni verso il Messico e la Gran Bretagna, e sta iniziando ad aumentare le spedizioni verso Belgio e Spagna, che hanno importanti porti per lo scarico delle auto che fungono da porta d’ingresso verso altri paesi dell’Unione Europea.

La mancanza di navi ha impedito alla Cina di esportare ancora di più. “Stanno costruendo automobili molto più velocemente di quanto costruiscano navi”, ha affermato Michael Dunne, ex presidente della General Motors Indonesia. Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Le case automobilistiche cinesi come BYD e Chery, e le compagnie di navigazione europee e di Singapore che trasportano automobili per loro conto, hanno piazzato quasi tutti gli ordini attualmente pendenti in tutto il mondo per 170 navi adibite al trasporto di automobili. Prima del boom delle esportazioni automobilistiche cinesi, ne venivano ordinate solo quattro all’anno, ha affermato Daniel Nash, capo dei trasportatori di veicoli presso VesselsValue, una società londinese di dati sulle spedizioni.

I cantieri navali su e giù per il fiume Yangtze, con migliaia di lavoratori, risuonano e tintinnano dall’alba fino a tarda notte. La frenesia era visibile venerdì scorso al cantiere navale Jinling, dove i lavoratori hanno quasi finito di completare due navi che trasportavano automobili per la Eastern Pacific Shipping di Singapore.

Li Cha, un saldatore, ha detto che faceva turni di 12 ore con una pausa di due ore a mezzogiorno per tornare a casa in bicicletta per pranzo. I proiettori illuminano il cantiere navale di notte in modo che le squadre possano svolgere compiti particolarmente urgenti, come l’installazione di impianti elettrici.Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

L’incentivo a costruire più navi è chiaro. Il costo giornaliero per una casa automobilistica per noleggiare una nave per il trasporto di automobili è salito a 105.000 dollari, dai 16.000 dollari di due anni fa, ha detto Nash. BYD sta spendendo quasi 100 milioni di dollari a testa per la costruzione di quelle che saranno le sei più grandi navi porta auto mai costruite. Il completamento della maggior parte delle navi è previsto nei prossimi tre anni.

L’Europa sta diventando l’obiettivo principale per la maggior parte delle case automobilistiche cinesi. Stanno utilizzando marchi come Volvo e MG, acquisiti molti anni fa, per ottenere una maggiore accettazione in Europa.

La Shanghai Automotive Industry Corporation, di proprietà statale, che ha acquisito il leggendario marchio britannico MG nel 2007, sta esportando auto economiche dalla Cina non solo in Gran Bretagna ma anche in Australia. MG è riemersa quest’anno in Australia come uno dei marchi automobilistici più venduti del paese.

La joint venture tra General Motors e SAIC ha iniziato a spedire in Messico le vetture subcompatte Chevrolet Aveo, in vendita a giugno a partire da 16.300 dollari.

Tra le principali destinazioni delle esportazioni automobilistiche cinesi manca evidentemente un grande mercato: gli Stati Uniti. Quasi nessuna macchina cinese vi sbarca adesso e si prevede che poche lo faranno in futuro a causa dei dazi del 25% imposti sulle importazioni cinesi nel 2018 e nel 2019.Perché la Cina sta inondando il mondo di automobili

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3518 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3518 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS