HomeRassegna StampaUn esempio da seguire: le denunce del sindaco anti droga

Un esempio da seguire: le denunce del sindaco anti droga

Pubblichiamo la sintesi della coraggiosa intervista rilasciata al Guardian dal Sindaco di Rotterdam, principale snodo del colossale narcotraffico fra l’America latina e l’Europa. Un esempio che non soltanto i sindaci, ma soprattutto istituzioni e politica dovrebbero seguire.Un esempio da seguire: le denunce del sindaco anti droga

Un esempio da seguire: le denunce del sindaco anti drogaIl sindaco di Rotterdam, Ahmed Aboutaleb, il primo immigrato marocchino ad essere eletto alla guida di una grande città olandese, chiede di porre fine all’atteggiamento lassista sul consumo di droga da parte della classe media.

L’Europa é stata “negligente, poiché l’accettazione di cocaina e cannabis porta alla corruzione, alla violenza e alla miseria” afferma Aboutaleb.

Il sindaco della città olandese in prima linea contro il narco traffico sottolinea come la tolleranza nei confronti dell’uso “ricreativo” di droghe, inclusa l’accettazione della coca, il narcotico preferito dalla classe media, ha portato alla violenza e alla corruzione nei quartieri più poveri d’Europa ed ha chiesto alle autorità di adottare una linea più dura sull’uso di cocaina.

In contrasto con il sindaco di Amsterdam, che ha chiesto una regolamentazione della vendita e dell’uso della cocaina come mezzo per colpire i profitti degli spacciatori, Aboutaleb vuole che le autorità reprimano più duramente l’uso.

Rotterdam, sede del porto più grande d’Europa, é una delle principali porte nord-occidentali del continente per i trafficanti di droga, insieme ad Anversa e Le Havre.

Un esempio da seguire: le denunce del sindaco anti droga
Il Sindaco di Rotterdam Ahmed Aboutaleb

“Penso che siamo stati negligenti riguardo a questa dimensione del consumo di droghe, non solo nei Paesi Bassi ma anche in Europa”, ha detto Aboutaleb al Guardian in un’intervista esclusiva.

“Come sindaco di Rotterdam, vedo che i Paesi Bassi rischiano di diventare un narcostato. Questo perché la cocaina é utilizzata principalmente nelle sfere più alte della società. E questo viene considerato meno grave, proprio come la criminalità ai livelli più alti é spesso considerata meno grave. Esiste una forma avanzata di accettazione e socializzazione attorno alla cocaina.”

Ahmed Aboutaleb é determinato: “Le richieste di regolamentare o legalizzare le droghe… ignorano il fatto che interi gruppi di giovani nei nostri quartieri operai si confrontano con questa miseria e sono corrotti. Il fenomeno degli utenti altolocati che si mettono in fila il venerdì sera ha pesanti ripercussioni nei quartieri popolari».

L’anno scorso Rotterdam ha condotto una dura campagna che collegava l’uso di droga alla violenza legata alle bande. Un poster mostrava una bara con una croce composta da due righe di cocaina e il testo: “Il tuo colpo, la sua esecuzione”.

Aboutaleb, che ha visto con orrore come la sua città sia diventata un crocevia chiave per il traffico internazionale di droga, sollecita uno sguardo serio da parte della politica contro la tolleranza nei confronti di tutte le droghe.Ahmed Aboutaleb

“Non voglio più chiudere gli occhi su questo: lo metto all’ordine del giorno”, ha detto. “E rifiuto l’accettazione dell’uso. Non ho problemi ad accettare che le persone abbiano teorie diverse. Ma non voglio mettere sullo stesso scaffale una banana, una mela e una linea di cocaina, con il timbro del governo: ‘tutto bene’.”

In alcune parti d’Europa si stanno muovendo verso la legalizzazione della cannabis – a vari livelli – per uso personale. In due comuni dei Paesi Bassi è appena iniziato un processo per regolamentare la coltivazione della cannabis, mentre la settimana scorsa la Germania ha parzialmente legalizzato la cannabis per uso personale degli adulti.

Ma Aboutaleb, il cui mandato di Sindaco di Rotterdam scadrà in autunno dopo 15 anni , non approva questa permissività. “Siamo stati troppo rilassati riguardo alla cannabis per molto tempo” denuncia. “ Puoi comprare la cannabis a 18 anni, mentre tutti sanno che la cannabis influisce sulla crescita del cervello fino all’età di 25 anni. Ma non esiste nemmeno un dibattito sociale al riguardo. Andiamo avanti allegramente” dice.

Il sindaco è tornato all’inizio di questo mese da una visita in America Latina e vuole vedere maggiore sostegno e aiuto finanziario ai paesi lì, incluso l’Ecuador, che é in stato di emergenza dopo gli attacchi di gennaio da parte delle bande della criminalità organizzata.

Secondo lui, le conseguenze di una politica lassista sulla droga si fanno sentire non solo nelle povere comunità agricole dell’America Latina, ma anche nelle aree svantaggiate dell’Europa, dove le bande di narcotrafficanti reclutano adolescenti vulnerabili per smistare la droga dai container nei porti.

“Il narco traffico inizia con la produzione in Sud America. Quei contadini sono con le spalle al muro. Devono produrre, perché hanno una pistola puntata alla testa. E anche se volessero passare ad un’altra coltura… non otterrebbero un prezzo giusto. Il mondo sta semplicemente gettando quelle persone nelle mani dei criminali” denuncia Aboutaleb.

Il Sindaco di Rotterdam aggiunge che la violenza vista in America Latina potrebbe facilmente approdare in Europa, riferendosi al processo contro una banda di narcotrafficanti del clan Taghi, accusati di avere ucciso un avvocato e un giornalista testimone d’accusa. Omicidi che secondo il Ministro della giustizia olandese “hanno incrinato lo stato di diritto e creato uno stato di narcoterrorismo”.

“Ci sono troppi soldi”, evidenzia Aboutaleb. “E molti soldi significano che puoi anche comprare molta energia. Puoi comprare corruzione e armi. E puoi addestrare le persone a usare quelle armi. Prima che tu te ne accorga, siamo tutti nella più grande sventura possibile.”Un esempio da seguire: le denunce del sindaco anti droga

“Si abbattono i giornalisti , si abbattono gli avvocati … Non credo che dovremmo lasciarci addormentare. È più pericoloso di quanto pensiamo”.

Una cosa che non aiuta, ha aggiunto, é una pigra equivalenza tra etnia e criminalità. I criminali olandesi-marocchini come Taghi e la sua banda sono stati soprannominati la “Mocro Mafia”.

Il sindaco di Rotterdam ha aggiunto che lui stesso è stato indagato “fino ai calzini” per sospetto riciclaggio di denaro, semplicemente per aver trasferito denaro per l’intervento chirurgico di uno zio in Marocco, e che migliaia di persone appartenenti a minoranze etniche sono state vittime di un’errata valutazione investigativa olandese.

“L’esperienza ci insegna che, in questo mondo di criminalità legata alla droga, l’integrazione é stata perfezionata, non nelle università”, ha detto. “È una questione socioeconomica piuttosto che una questione etnica”.Un esempio da seguire: le denunce del sindaco anti droga

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS