Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

0
1530
Condividi

Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

Metropoli sovraffollate da persone sole, spesso protagoniste di una doppia solitudine: la loro e quella dei propri animali domestici.

“La cosa terrificante della Tv é che la guardi da solo. E più la guardi più la solitudine aumenta. E la solitudine è  il grande problema della contemporaneità” sosteneva  il grande regista Sidney Lumet.

Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

Per Aristotele invece “Chi è felice nella solitudine, o è una bestia o un dio “,  ma esagerava perché anche gli animali soffrono moltissimo la solitudine tanto da trasformarla  inconsapevolmente  in un crescente business multimilionario per i siti di dating a quattro zampe.

Anzi  i siti più avveduti  prevedono la doppia offerta:  trovare contemporaneamente l’anima gemella e la compagnia per il tuo cucciolo.

Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

Perché secondo il filosofo Arthur Schopenhauer  “ciò che rende socievoli gli uomini é la lora incapacità di sopportare la solitudine e, in questa, se stessi“.

Doppie foto, dati essenziali, indirizzo, obolo al sito e la compagnia è assicurata. Tanto per una semplice passeggiata al giardino pubblico più vicino,  quanto per un eventuale familiarizzazione.

Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

Ancora più spregiudicati i siti per gli incroci.

Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

Cani e gatti col pedigree , pappagalli e tartarughe di preziose razze esotiche non rischieranno più incontri e cucciolate o nidiate  plebee. Il tutto in un contesto pubblicitario tanto assiduo quanto  inevitabile.

Baudelaire forse aveva capito tutto:  “Quest’orrore della solitudine, questo bisogno di dimenticare il proprio io nella carne esteriore, l’uomo lo chiama nobilmente bisogno d’amare”.

Uomini & Animali, il business della doppia solitudine

Facebook Comments
Condividi