HomeLapidiAddio a José María Castillo l'apostolo del popolo latino americano

Addio a José María Castillo l’apostolo del popolo latino americano

by Augusto Cavadi

Domenica 12 novembre , all’età non esigua di 94 anni, si è spento il teologo spagnolo José María Castillo, noto anche ai lettori italiani per alcuni suoi testi mitemente esplosivi, quali “L’umanizzazione di Dio”, “Fuori dalle righe”, “Il comportamento del Cristo” , “Vittime del peccato”, “La laicità del vangelo”, “L’umanità di Gesù”  nonché quei post sul blog www.religiondigital.com che spesso Lorenzo Tommaselli ha tradotto e diffuso sulla rete.Addio a  José María Castillo l'apostolo del popolo latino americano

Come ha scritto il giornalista José Manuel Vidal, “Pepe era una persona speciale, che attirava l’attenzione per la sua saggezza, la sua empatia e la sua umiltà, ma soprattutto perché si faceva amare.

La sua vicenda è tipica di molte intelligenze teologiche a cavallo fra il XX e il XXI secolo. Giovanissimo, partecipa al Concilio Vaticano II in quanto perito del cardinale Tarancón, ma – dopo la morte di Paolo VI e l’ascesa al pontificato di Giovanni Paolo II – viene destituito (ovviamente senza nessun processo) dalla cattedra della Facoltà di Teologia di Granada.

La Compagnia di Gesù, di cui era membro, prova a proteggerlo affidandogli un’altra cattedra di teologia presso l’Università Centroamericana di San Salvador, dove diventa esponente di spicco della Teologia della Liberazione.

Quando anche questa seconda possibilità gli viene tolta dalle autorità vaticane, per non lasciarsi strumentalizzare dagli avversari dei Gesuiti, decide di lasciare l’Ordine e di proseguire a titolo del tutto individuale la ricerca e la divulgazione. Anche con i suoi celebri “Quaderni di Teologia Popolare”, validi tanto per i candidati al ministero presbiterale quanto per i bambini in preparazione della Prima comunione.

E’ ormai un “gesuita senza documenti” che gira, con la nuova compagna Marga, per le varie Comunità Cristiane Popolari dell’America Latina.

Addio a  José María Castillo l'apostolo del popolo latino americano
José María Castillo ricevuto in udienza privata da Papa Francesco

Dopo molti anni, un Papa si ricorda di lui: si scrivono, si telefonano e infine si incontrano a Santa Marta  il 18 aprile del 2017. “Ti ho perso negli anni Ottanta e ora ti ritrovo” gli dice Jorge Mario Bergoglio. E ancora: “Ho letto i tuoi libri con grande piacere, fanno molto bene alle persone”. 

Castillo gli fa eco con una battuta (per comprendere la quale bisogna sapere che nella Chiesa cattolica, se si diventa Vescovi, si deve lasciare l’Ordine religioso di provenienza): “Santità, siamo due gesuiti senza documenti”. Ovviamente Francesco ha sorriso divertito. 

Solo la conoscenza diretta di pensatori come Castillo può spiegarci da quale retroterra intellettuale, spirituale ed esperienziale provengono le pur timide aperture del papa attuale. E dunque, contestualmente, le ragioni dell’opposizione a lui da parte dei guardiani di un’ortodossia sempre meno difendibile.Addio a  José María Castillo l'apostolo del popolo latino americano

Facebook Comments
Augusto Cavadi
Augusto Cavadi
Giornalista pubblicista, Filosofo. Fondatore della Scuola di formazione etico-politica Giovanni Falcone di Palermo
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS